In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

a) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 19 ottobre 1988, n. 271)
Elenchi delle macchine ed apparecchiature, la cui utilizzazione è autorizzata nelle scuole medie durante la lezione di educazione tecnica

1)

Pubblicato nel B.U. 22 novembre 1988, n. 53.

Art. 1

(1) Nelle scuole medie per la lezione di educazione tecnica sono ammesse le macchine ed apparecchiature di cui all'allegato elenco A), utilizzabili da parte degli insegnanti durante i lavori di preparazione delle lezioni.

Art. 2

(1) Nelle scuole medie per la lezione di educazione tecnica sono ammesse le macchine ed apparecchiature di cui all'allegato elenco B), utilizzabili da parte degli alunni, sotto la stretta sorveglianza degli insegnanti.

ALLEGATO A

Macchine ed apparecchiature elettriche che possono essere utilizzate solo dagli insegnanti per i lavori di preparazione delle lezioni scolastiche (ritaglio di materiale, fabbricazione di attrezzi e di modelli dimostrativi). Queste attrezzature devono essere poste in un apposito locale macchine da poter essere chiuso a chiave.

Lavorazione del legno:

  • -  macchine di lavorazione del legno multiuso (o macchine singole) con piallatrici a filo e a spessore, sega circolare, fresatrice e mortasatrice. Per motivi di sicurezza la pialla e la sega non devono funzionare contemporaneamente. Tutte le macchine devono essere provviste di dispositivi di sicurezza.
  • -  Seghe:
  •   sega circolare portatile, sega circolare per tagli obliqui, seghetti alternativi, sega a nastro.  
  • -  Trapani:
  •   trapano portatile, trapano a batteria, trapano a colonna con accessori.  
  • -  Smerigliatrici:
  •   levigatrice rotorbitale, smerigliatrici a disco, smerigliatrici a nastro.  
  • -  Fresatrice portatile.
  • -  Tornio per legno.

Lavorazione del metallo:

  • -  Trapano a colonna con morsa parallela.
  • -  Sega circolare per tagli obliqui.
  • -  Smerigliatrice, smerigliatrice angolare (Flex), smerigliatrice ad acqua, smerigliatrice per attrezzi.
  • -  Attrezzi per saldatura:
  •   saldatore, saldatore elettrico istantaneo a pistola, attrezzatura per brasatura a forte con piccole bombole a gas.  
  • -  Saldatrice elettrica.

Ceramica:

  • -  Forno (il forno deve essere posto in un apposito locale dotato di idoneo dispositivo di ventilazione).

Varie:

  • -  Compressore ad aria con accessori.
  • -  Pistola incollatrice termica.
  • -  Cucitrice.
  • -  Taglierino per carta ed altro materiale.
  • -  Forbici da lattoniere.

Il trapano da banco e quello portatile, le smerigliatrici a disco e a nastro, il saldatore e il saldatore elettrico istantaneo a pistola per brasatura a dolce possono essere posti anche nell'aula di applicazioni tecniche, in quanto possono essere utilizzati anche dagli alunni.

ALLEGATO B

Macchine e apparecchiature che gli alunni possono utilizzare sotto la stretta sorveglianza degli insegnanti. Possono essere poste permanentemente o occasionalmente nell'aula di applicazioni tecniche.

  • -  rapano elettrico portatile fissato nel supporto per trapano con morsa portapezzo.
  • -  Trapano a colonna, eventualmente come modello da tavolo.
  • -  Trapano a batteria.
  • -  Smerigliatrici a disco e a nastro.
  • -  Taglierina a resistenza per taglio di polistirolo espanso (trasformatore con protezione contro i sovraccarichi).
  • -  Radiatore (per la lavorazione di materiale termoplastico).
  • -  Apparecchio per imbottiture di materiale plastico (matrice a vuoto).
  • -  Asciugacapelli.
  • -  Fornello elettrico.
  • -  Forno per smaltatura.
  • -  Saldatore, rispettivamente saldatore elettrico istantaneo a pistola per saldatura a stagno.
  • -  Alimentatore per basse tensioni.
  • -  Pistola incollatrice.
  • -  Macchina da cucire.
  • -  Ferro da stiro.
  • -  Cucina elettrica.
  • -  Pentola elettrica.
  • -  Utensili da cucina, come frullatore e sbattitore.
  • -  Ingranditore.
  • -  Essiccatore.
  • -  Tornio da vasaio.

Nel montaggio e nella messa in funzione delle apparecchiature e delle macchine sopra indicate devono essere osservate scrupolosamente le norme di sicurezza vigenti. In ogni caso durante l'uso delle macchine devono essere attivati tutti i dispositivi di sicurezza. Nessuna macchina può essere usata senza la sorveglianza dell'insegnante.

indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionA Programmi e orari di insegnamento
ActionActionB Personale insegnante
ActionActionC Organi collegiali
ActionActionD Assistenza scolastica e universitaria
ActionActionE Edilizia scolastica
ActionActionF Disposizioni varie
ActionActiona) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 19 ottobre 1988, n. 27
ActionActionArt. 1
ActionActionArt. 2
ActionActionALLEGATO A
ActionActionALLEGATO B
ActionActionb) Legge provinciale 28 ottobre 1994, n. 9 —
ActionActionc) Legge provinciale 29 giugno 2000, n. 12
ActionActiond) Decreto del Presidente della Provincia 16 novembre 2001, n. 74
ActionActione) Decreto del Presidente della Provincia 7 maggio 2007, n. 27
ActionActionf) Legge provinciale 16 luglio 2008, n. 5
ActionActiong) Legge provinciale24 settembre 2010 , n. 11
ActionActionh) Legge provinciale 13 luglio 2012, n. 13
ActionActioni) Decreto del Presidente della Provincia 5 novembre 2012, n. 39
ActionActionj) Legge provinciale 20 giugno 2016, n. 14
ActionActionk) Decreto del Presidente della Provincia 13 ottobre 2017, n. 38
ActionActionl) Decreto del Presidente della Provincia 15 dicembre 2017, n. 45
ActionActionm) Decreto del Presidente della Provincia 27 aprile 2018, n. 13
ActionActionn) Decreto del Presidente della Provincia 16 luglio 2018, n. 20
ActionActiono) Decreto del Presidente della Provincia 30 luglio 2019, n. 20
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico