In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 14 aprile 2015, n. 435
Direttive per la concessione di contributi per programmi annuali nell’ambito della natura, del paesaggio e dello sviluppo del territorio (art. 18 della legge provinciale del 25 luglio 1970, n. 16, art. 26 della legge provinciale 12 maggio 2010, n. 6 ed art. 114 della legge provinciale 11.08.1997, n. 13) (modificata con delibera n. 139 del 16.02.2016, delibera n. 853 del 05.10.2021 e delibera n. 24 del 10.01.2023)

...omissis...

1. Le direttive per la concessione di contributi per programmi annuali nell’ambito della natura, del paesaggio e dello sviluppo del territorio allegate alla presente delibera sono approvate e sostituiscono le direttive di cui alla delibera della Giunta provinciale del 9.12.2014, n. 1503.

2. La concessione di contributi tramite le direttive per il fondo del paesaggio sulla base dell’articolo 18/bis della legge provinciale 25 luglio 1970, n. 16 e secondo le direttive approvate con delibera della Giunta provinciale 27 dicembre 2012, n. 1962 rimane interamente sospesa fino a revoca.

3. Le direttive approvate con la presente delibera sono pubblicate nel Bollettino Ufficiale della Regione Autonoma Trentino-Alto Adige ed entrano in vigore il giorno successivo alla loro pubblicazione.

4. Le direttive approvate con la presente delibera vengono applicate alle domande di contributo presentate dopo l’entrata in vigore di questa delibera.

Allegato

Direttive per la concessione di contributi per programmi annuali nell’ambito della natura, del paesaggio e dello sviluppo del territorio (art. 18 della legge provinciale del 25 luglio 1970, n. 16, art. 26 della legge provinciale 12 maggio 2010, n. 6 ed art. 114 della legge provinciale 11.08.1997, n. 13)

Premesse

Queste direttive disciplinano la concessione e la liquidazione di contributi per l’esecuzione dei programmi annuali di enti pubblici, associazioni ed altre organizzazioni, che svolgono attività in materia della natura, del paesaggio e dello sviluppo del territorio.

1) Principi

1.1. Vengono finanziati i programmi annuali di associazioni/organizzazioni aventi tutti i seguenti presupposti:

- sede ovvero sezione e strutture operative in Alto Adige;

- per statuto perseguimento prevalente della divulgazione delle problematiche sulla pianificazione territoriale ed urbanistica nonché delle relative disposizioni legislative ovvero degli obiettivi di tutela della natura o del paesaggio;

- svolgimento delle attività in materia di natura, paesaggio e sviluppo del territorio in modo organizzato e continuativo.

1.2. Agevolazioni possono essere concesse solo qualora le attività siano eseguite dall’associazione/ organizzazione in modo spontaneo e gratuito senza fini di lucro, anche indiretto, ed esclusivamente per fini di solidarietà umana e di impegno sociale. Sono comunque escluse dalla concessione di contributi le società commerciali.

1.3 Agevolazioni possono essere concesse anche per la gestione di centri visite nonché di punti informativi del parco nazionale e dei parchi naturali. In tali casi beneficiari delle agevolazioni possono essere esclusivamente le parti contraenti ovvero i comuni, che abbiano stipulato con l’amministrazione provinciale un’apposita convenzione, dalla quale risultano le spese sovvenzionabili.

1.4 Il/La richiedente deve dichiarare presso quali uffici dell‘Unione Europea, dello Stato, della Regione, della Provincia, comunità comprensoriali e/o comuni sono state o saranno presentate domande di agevolazione economica per la stessa iniziativa. Non è escluso il finanziamento, qualora esistano altre autorità che concedano contributi. È però esclusa qualsiasi forma di finanziamento plurimo di singole attività nell’ambito dell’iniziativa.

1.5 Non vengono concessi contributi ai sensi delle presenti direttive per progetti ed iniziative per cui è già stata richiesta, ovvero verrà richiesta in futuro, una sovvenzione dal fondo del paesaggio, previsto dall’articolo 16 della legge provinciale 10 luglio 2018, n. 9, una sovvenzione nell’ambito dell’attività di restauro ambientale, ai sensi dell’articolo 15 della legge provinciale 10 luglio 2018, n. 9, una sovvenzione in materia di beni culturali, ai sensi dell’articolo 5/ter della legge provinciale 12 giugno 1975, n. 26, ovvero una sovvenzione in conformità al programma di sviluppo rurale 2014-2020, giusto regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, e relative successive modifiche.

1.6 I costi ammissibili riconosciuti per ciascuna domanda di contributo non possono superare i 500.000,00 €.

2) Oggetto del finanziamento

2.1 Possono essere finanziate con un contributo fino al 70 % e nel caso dell’associazione ambientalista più rappresentativa a livello provinciale fino all’80 % delle spese ammesse:

- progetti ed iniziative per l’incentivazione nell’ambito della natura, del paesaggio e dello sviluppo del territorio;

I progetti e le misure con un volume di costi eccedenti 10.000 € (IVA incl.) vanno elencati e descritti indicando:

-titolo

- scopo del progetto, effetto perseguito ovvero aspettative

- situazione di partenza, pubblico a cui si rivolge

- inizio e termine del progetto

- misure concrete

- dispendio finanziario suddiviso per spese per il personale, per l’organizzazione,per l’amministrazione e per materiali.

- i costi amministrativi correnti (personale, affitti, materiale per ufficio), qualora siano proporzionati all’attività svolta dall’associazione/ organizzazione.

Va presentata una descrizione della strategia generale perseguita con il programma annuale. Le spese preventivate per il personale e l’amministrazione vanno elencate secondo le attività previste (contabilità, organizzazione, relazioni col pubblico).

Gli stipendi possono essere riconosciuti fino all'ammontare massimo vigente per l'amministrazione provinciale tenendo conto dello sviluppo della retribuzione in base all’anzianità. Con riguardo alle retribuzioni dei direttori di associazioni, va fatto riferimento al trattamento economico dei direttori d’ufficio rispettivamente, quando si tratti di associazioni di grandi dimensioni, dei direttori di ripartizione in servizio presso la Provincia.

Un importo fino al 25% dei costi riconosciuti ma fino all’ammontare massimo di 16.000 Euro può essere giustificato quantificando le prestazioni rese a titolo di volontariato. In tal caso viene riconosciuto un importo orario convenzionale massimo di 16 Euro. Tale importo può essere adeguato annualmente da parte della Giunta provinciale tenendo conto degli aumenti in base all'indice ISTAT. Le prestazioni rese a titolo di volontariato devono essere documentate mediante la compilazione di un elenco degli associati che svolgono attività volontarie, indicando la quantità delle ore rese nonché il tipo di prestazione.

- l’acquisto di macchinari per l’ufficio (inclusa la manutenzione) assolutamente necessari per raggiungere i scopi statutari, tenendo conto dell’urgenza dell’acquisto;

- l’acquisto di libri e riviste specializzate per la dotazione base dell’associazione rispettivamente organizzazione.

2.2 Le spese per i compensi di relatori, moderatori e direttori esterni nel caso di corsi di formazione e di aggiornamento, convegni o conferenze sono ammesse in base ai criteri vigenti per l’Amministrazione Provinciale.

2.3 Nel caso di concessione di contributi per centri visite nonché punti informativi dei parchi naturali e del Parco nazionale, l’oggetto del finanziamento o la percentuale dell’agevolazione risultano esclusivamente dalla convenzione stipulata di volta in volta con l’Amministrazione provinciale. La percentuale dell’agevolazione è del 70%, ma può essere aumentata fino a un massimo del 90% tenuto conto dell’assenza di altri centri visite per il medesimo parco, della frequenza di visitatori nel parco o dell’avvio di una nuova struttura.

2.4 Non sono ammesse in sede di presentazione e di rendiconto le seguenti spese:

- offerte ed altri contributi di solidarietà;

- spese di rappresentanza;

- spese bancarie ed interessi passivi,;

- spese postali e telefoniche generali;

- deficit d'esercizio degli anni precedenti;

- ammortamenti;

- accantonamenti per acquisti futuri;

- interessi di mora;

- spese per assicurazioni;

- quote associative in altre organizzazioni;

- Partecipazioni a progetti od iniziative, per le quali già altre organizzazioni ricevono finanziamenti provinciali, ovvero organizzati da istituzioni provinciali;

- gite, viaggi e visite guidate;

- caterings, ricevimenti (cibo e bevande) ed altre feste;

- spese per assemblee dell’associazione;

- spese relative alla partecipazione a corsi di formazione e di aggiornamento, convegni o conferenze.

3) Presentazione della domanda

3.1 Le domande di contributo devono essere presentate ogni anno entro il termine perentorio del 28 febbraio oppure, se si tratta di contributi per centri visite o punti informativi dei parchi naturali o del Parco nazionale, entro il termine previsto nelle relative convenzioni; le domande vanno presentate all’ufficio provinciale Parco nazionale dello Stelvio per questioni riguardanti il parco nazionale stesso, oppure all’ufficio amministrativo Territorio e paesaggio in tutti gli altri casi. Quando la domanda è inviata a mezzo posta, la data di spedizione vale quale data di presentazione.

3.2 Alla domanda da fare sui appositi moduli predisposti devono essere allegati i documenti sotto elencati:

- relazione dettagliata sulle attività programmate;

- preventivo di spesa per le attività programmate;

- piano di finanziamento per le attività programmate con indicazione completa di tutte le fonti di finanziamento;

- atto costitutivo e statuto dell’associazione/organizzazione, se si tratta della prima richiesta o in caso di modifiche;

- resoconto e rendiconto dell’attività dell’anno precedente, se si tratta del rinnovo di domande;

- dichiarazione relativa alla posizione dell’IVA;

- dichiarazione relativa alla ritenuta d’acconto.

3.3 Le modificazioni, in seguito intervenute, del contenuto dei documenti devono essere comunicate con sollecitudine.

3.4 Qualora le domande fossero incomplete, l’Ufficio della Ripartizione natura, paesaggio e sviluppo del territorio addetto all’evasione della domanda invita i richiedenti a fornire entro il termine di decadenza di 30 giorni dall’invito la documentazione mancante. Decorso tale termine la domanda è archiviata.

3.5 L’Ufficio della Ripartizione natura, paesaggio e sviluppo del territorio addetto all’evasione della domanda può richiedere, oltre alla documentazione prevista, qualsiasi altro documento ritenuto necessario per l'istruttoria delle domande ovvero per la liquidazione delle sovvenzioni e dei contributi nonché effettuare sopralluoghi.

4) Esame e valutazione delle domande

4.1 Il direttore della Ripartizione Natura, paesaggio e sviluppo del territorio approva il finanziamento dei programmi. L’ufficio competente della Ripartizione garantisce il controllo di merito delle domande.

4.2 I progetti ed iniziative vengono esaminati sotto i seguenti criteri:

- idoneità della misura in ordine al raggiungimento degli obbiettivi (effettività);

- adeguatezza delle spese per il raggiungimento degli obiettivi (efficienza);

- qualità ed effetti di sinergia;

- ecosostenibilità: misure con effetti ambientali persistenti vengono preferiti rispettivamente a misure con effetti brevi;

- contributo a livello intellettuale o materiale da parte dei richiedenti;

- coinvolgimento della popolazione.

4.3 L’ufficio della Ripartizione competente per l’evasione della domanda può ammettere la sostituzione nell’ambito del programma annuale presentato di un’iniziativa con un’altra, a patto che la richiesta di sostituzione venga presentata prima dell’effettuazione della variazione. Anche in questo caso l’ufficio competente della Ripartizione garantisce il controllo delle domande.

4.4 La concessione delle agevolazioni avviene nei limiti degli stanziamenti assegnati alle pertinenti missioni e programmi del bilancio finanziario provinciale. Qualora i mezzi finanziari messi a disposizione non fossero sufficienti, la misura dell’agevolazione è ridotta oppure le domande di agevolazione sono archiviate d’ufficio.

5) Liquidazione dei contributi

5.1 La liquidazione del contributo avviene dietro presentazione della domanda, redatta su apposito modulo, presso l’ufficio provinciale per il Parco nazionale dello Stelvio, se la domanda riguarda il parco nazionale stesso, oppure presso l’ufficio amministrativo Territorio e paesaggio in tutti gli altri casi. La domanda di liquidazione deve essere presentata entro il termine perentorio del 28 febbraio dell’anno successivo al provvedimento di concessione o di imputazione della spesa, se diverso. La domanda deve essere corredata dai seguenti documenti:

a) dichiarazione sostitutiva del legale rappresentante dell’associazione / dell’organizzazione / dell’ente pubblico, che le attività indicate nella domanda di contributo siano state eseguite, interamente o parzialmente, e che le spese preventivate corrispondano a quelle effettive;

b) elenco delle spese, che devono corrispondere a quelle riconosciute, dal quale risultino chiari e progressivamente numerati i documenti di spesa (fatture etc.) raggruppati in base alle singole voci di spesa, con indicazione dei seguenti estremi:

- importo richiesto in base al preventivo;

- importo delle spese riconosciute;

- importo rendicontato a saldo;

- oggetto della fattura;

- numero e data della fattura;

- nome del fornitore/operatore/esperto;

- I.V.A. e importo netto a saldo (ove l’I.V.A. sia in tutto o in parte detraibile);

- numero e data del mandato di pagamento (per enti pubblici) o della quietanza/ricevuta di pagamento, ovvero del bonifico bancario;

c) regolari ricevute di spesa quietanzate in forma digitale (fatture elettroniche in XML e relativo PDF), oltre ai corrispondenti mandati di pagamento o quietanze, ricevute di pagamento o estratti conto da cui risultino le effettive movimentazioni dei corrispondenti importi. Gli operatori esonerati dall’obbligo di emissione della fattura elettronica devono indicare chiaramente nella fattura o nell’onorario gli estremi dell’esonero. L’obbligo di emettere fatture elettroniche non vale per le fatture estere. Sono ammessi altresì gli scontrini da cui risultino le merci acquistate e i dati identificativi del venditore.

d) nel caso della rendicontazione di spese per il personale:

- elenco del personale dipendente per il periodo di riferimento;

- buste paga quietanzate;

- timesheet mensili per il personale elencato;

- F24 quietanzati relativi al versamento degli oneri previdenziali e fiscali;

- elencazione delle prestazioni effettuate a titolo di volontariato di cui al precedente punto 2.1 secondo quanto previsto dall’ufficio competente.

5.2 I documenti di spesa

- devono essere intestati al nome del richiedente;

- devono riferirsi strettamente alle spese previste nel preventivo presentato assieme alla domanda di contributo o riferirsi alle modifiche di cui al punto 4.3 delle presenti direttive;

- devono coprire l’importo complessivo delle spese riconosciute.

5.3 Se le somme effettivamente spese dovessero risultare inferiori all’ammontare delle spese ammesse, l’importo del contributo viene nuovamente calcolato sulle spese effettive in base alla percentuale concessa. In relazione a ciò la percentuale delle prestazioni rese a titolo di volontariato riconoscibili di cui al punto 2.1 delle presenti direttive vengono ridotte.

5.4 L’importo del contributo viene arrotondato troncando le cifre decimali.

5.5 I richiedenti possono richiedere l’anticipazione in misura massima del 50% del contributo assegnato, qualora abbiano già presentato la documentazione di spesa relativa all’intero ammontare dell’eventuale contributo concesso nell’anno precedente. L’importo complessivo dell’anticipazione concessa deve essere documentata entro il 28 febbraio dell’anno successivo. In caso contrario deve essere rimborsata all’amministrazione provinciale l’intera anticipazione.

6) Controlli a campione 6%

6.1 La Ripartizione natura, paesaggio e sviluppo del territorio effettua controlli a campione su almeno il 6 % delle domande accolte, quali non siano già state interamente esaminate.

6.2 Il sorteggio viene effettuato da una commissione composta dal direttore di ripartizione, dal direttore e da un impiegato dell’Ufficio amministrativo del paesaggio e sviluppo del territorio. Il sorteggio è condotto in maniera casuale da una lista comprensiva tutti i contributi erogati nell’anno in oggetto. Sull’estrazione effettuata va redatto un apposito verbale. Possono essere sottoposti al controllo inoltre altri casi dubbi.

6.3 I controlli possono aver luogo tramite appositi sopralluoghi o tramite richiesta di specifica documentazione. Nell’ambito dei controlli si verificano l’effettiva realizzazione di quanto finanziato nonché la corrispondenza dei costi e della regolare contabilità con i lavori effettivamente eseguiti.

6.4 Il controllo è eseguito dal personale tecnico della Ripartizione natura, paesaggio e sviluppo del territorio. La verifica contabile è effettuata dal personale dell’Ufficio amministrativo del paesaggio e sviluppo del territorio.

6.5 Nel caso d’indebita percezione del contributo il direttore di ripartizione adotta le misure di cui all’articolo 2/bis della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2022
ActionAction2021
ActionAction2020
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction Delibera 13 gennaio 2015, n. 29
ActionAction Delibera 20 gennaio 2015, n. 56
ActionAction Delibera 27 gennaio 2015, n. 94
ActionAction Delibera 27 gennaio 2015, n. 106
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 127
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 128
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 130
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 134
ActionAction Delibera 10 febbraio 2015, n. 166
ActionAction Delibera 24 febbraio 2015, n. 207
ActionAction Delibera 3 marzo 2015, n. 229
ActionAction Delibera 3 marzo 2015, n. 231
ActionAction Delibera 10 marzo 2015, n. 275
ActionAction Delibera 17 marzo 2015, n. 299
ActionAction Delibera 24 marzo 2015, n. 347
ActionAction Delibera 24 marzo 2015, n. 351
ActionAction Delibera 31 marzo 2015, n. 394
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 419
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 422
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 423
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 435
ActionActionAllegato
ActionAction Delibera 21 aprile 2015, n. 470
ActionAction Delibera 28 aprile 2015, n. 486
ActionAction Delibera 28 aprile 2015, n. 505
ActionAction Delibera 5 maggio 2015, n. 524
ActionAction Delibera 5 maggio 2015, n. 532
ActionAction Delibera 12 maggio 2015, n. 543
ActionAction Delibera 12 maggio 2015, n. 558
ActionAction Delibera 19 maggio 2015, n. 573
ActionAction Delibera 9 giugno 2015, n. 651
ActionAction Delibera 9 giugno 2015, n. 699
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 703
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 712
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 713
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 714
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 721
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 733
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 734
ActionAction Delibera 23 giugno 2015, n. 743
ActionAction Delibera 30 giugno 2015, n. 784
ActionAction Delibera 30 giugno 2015, n. 796
ActionAction Delibera 7 luglio 2015, n. 808
ActionAction Delibera 7 luglio 2015, n. 816
ActionAction Delibera 14 luglio 2015, n. 830
ActionAction Delibera 14 luglio 2015, n. 832
ActionAction Delibera 14 luglio 2015, n. 834
ActionAction Delibera 21 luglio 2015, n. 842
ActionAction Delibera 28 luglio 2015, n. 869
ActionAction Delibera 28 luglio 2015, n. 873
ActionAction Delibera 28 luglio 2015, n. 890
ActionAction Delibera 11 agosto 2015, n. 923
ActionAction Delibera 25 agosto 2015, n. 979
ActionAction Delibera 25 agosto 2015, n. 990
ActionAction Delibera 1 settembre 2015, n. 1004
ActionAction Delibera 1 settembre 2015, n. 1013
ActionAction Delibera 1 settembre 2015, n. 1017
ActionAction Delibera 8 settembre 2015, n. 1022
ActionAction Delibera 8 settembre 2015, n. 1027
ActionAction Delibera 15 settembre 2015, n. 1047
ActionAction Delibera 15 settembre 2015, n. 1058
ActionAction Delibera 22 settembre 2015, n. 1096
ActionAction Delibera 22 settembre 2015, n. 1100
ActionAction Delibera 29 settembre 2015, n. 1104
ActionAction Delibera 29 settembre 2015, n. 1112
ActionAction Delibera 6 ottobre 2015, n. 1136
ActionAction Delibera 13 ottobre 2015, n. 1162
ActionAction Delibera 13 ottobre 2015, n. 1171
ActionAction Delibera 27 ottobre 2015, n. 1236
ActionAction Delibera 3 novembre 2015, n. 1251
ActionAction Delibera 3 novembre 2015, n. 1274
ActionAction Delibera 10 novembre 2015, n. 1275
ActionAction Delibera 10 novembre 2015, n. 1300
ActionAction Delibera 10 novembre 2015, n. 1301
ActionAction Delibera 17 novembre 2015, n. 1328
ActionAction Delibera 24 novembre 2015, n. 1358
ActionAction Delibera 1 dicembre 2015, n. 1373
ActionAction Delibera 9 dicembre 2015, n. 1407
ActionAction Delibera 15 dicembre 2015, n. 1438
ActionAction Delibera 22 dicembre 2015, n. 1475
ActionAction Delibera 22 dicembre 2015, n. 1544
ActionAction Delibera 31 marzo 2015, n. 389
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionAction2023
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico