In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

c) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 agosto 2000, n. 301)
Regolamento relativo agli interventi di assistenza economica sociale ed al pagamento delle tariffe nei servizi sociali

1)
Pubblicato nel B.U. 19 settembre 2000, n. 39.

CAPO I
Norme generali

Art. 1 (Ambito di applicazione)

(1)  Il presente regolamento disciplina l'erogazione delle prestazioni economiche sociali, nonché il concorso al pagamento delle prestazioni dei servizi sociali, in attuazione degli articoli 7 e 7 bis della legge provinciale 30 aprile 1991, n. 13, e successive modifiche, nonché degli articoli 1 e 2 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, con l’obiettivo di rendere equo ed omogeneo il trattamento degli utenti a parità di condizioni socio-economiche e di bisogno. 2)

(2)  Le disposizioni del presente regolamento non si applicano alle prestazioni economiche per invalidi civili, ciechi civili e sordo3)  di cui alla legge provinciale 21 agosto 1978, n. 46e successive modifiche.

2)
L'art. 1, comma 1, è stato così sostituito dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.
3)
Il termine „sordomuto“ è stato sostituito dalla parola „sordo“ dall'art. 1, comma 2 della L.P. 21 agosto 1978, n. 46, ossia dall'art. 44, comma 1, della L.P. 10 giugno 2008, n. 4.

Art. 2 (Definizioni)

(1)  Ai fini del presente regolamento si intende per:

  1. situazione economica” (SE): la somma del reddito e del patrimonio di ciascun componente del nucleo familiare ai sensi dell’articolo 8, comma 2, del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2;
  2. “quota base” (QB): la somma in denaro fissata per il soddisfacimento dei bisogni fondamentali relativi all’alimentazione, all’abbigliamento e all’igiene della persona, ai sensi dell’articolo 6 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2;
  3. “valore della situazione economica” (VSE): la misura del grado di benessere di ciascun nucleo familiare ai sensi dell’articolo 8 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2;
  4. “fabbisogno” (F): la quota base rapportata al numero di componenti del nucleo familiare, ai sensi dell’articolo 7 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2;
  5. “condizione economica garantita” (CEG): la quota della situazione economica, che non è considerata ai fini del calcolo della tariffa, in quanto ritenuta necessaria a far fronte alle esigenze personali del nucleo familiare stesso, ai sensi dell’articolo 37 del presente regolamento;
  6. “percentuale di consumo dell’eccedenza” (PCE): la misura percentuale della situazione economica eccedente la condizione economica garantita, considerata nel calcolo della tariffa, ai sensi dell’articolo 38 del presente decreto;
  7. “utente ai fini del pagamento delle tariffe”: la persona che in prima linea è beneficiaria della prestazione richiesta. 4)

(2) I calcoli di cui al presente regolamento sono effettuati ai sensi del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, e delle disposizioni di cui al presente regolamento con i relativi allegati. 5)

4)
L'art. 2 è stato così sostituito dall'art. 2, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.
5)
L'art. 2, comma 2, è stato aggiunto dall'art. 1 comma 1 del D.P.P. 17 giugno 2014, n. 21.

Art. 3 (Principio di sussidiarietà)

(1)  Gli interventi previsti all'articolo 1 sono eseguiti in via subordinata rispetto a tutte le altre prestazioni di natura economica cui il richiedente o la richiedente ha titolo; in seguito, per entrambi i generi, vale la denominazione maschile.6) 

6)
Il testo in lingua italiana dell'art. 3, comma 1, è stato così sostituito dall'art. 2, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21.

Art. 4 (Consulenza)

(1)  I servizi sociali prestano consulenza ai loro utenti, al fine di informarli dei loro diritti e delle provvidenze cui hanno titolo, nonché di agevolarli nei rapporti con le istituzioni pubbliche e private.

Art. 5 (Enti territorialmente competenti)    

(1)  Per l’erogazione delle prestazioni economiche sociali, è competente l’ente gestore dei servizi sociali nel cui territorio il richiedente ha stabile dimora.

(2)  Per il calcolo delle tariffe e per il pagamento delle tariffe non a carico dell'utente e dei suoi nuclei familiari sono competenti:

  1. il comune ove risulta il domicilio di soccorso, ossia l'ultima residenza italiana ufficiale dell'utente al momento in cui ha inizio l'ospitalità in un servizio residenziale o la sua frequenza di un servizio semiresidenziale, in caso di servizi di competenza del comune; nel caso in cui l’utente provenga da un altro servizio sociale residenziale, il comune ove risulta l’ultima residenza italiana ufficiale dell’utente nel momento in cui è stato accolto per la prima volta in un servizio residenziale;
  2. 1) se l'utente è maggiorenne: l’ente gestore dei servizi sociali nel cui territorio l’utente ha stabile dimora al momento in cui ha inizio l’ospitalità presso famiglie affidatarie, servizi residenziali o semiresidenziali o la frequenza di servizi rientranti nelle funzioni delegate di cui all’articolo 10 della legge provinciale 30 aprile 1991, n. 13, e successive modifiche, oppure, nel caso di contemporaneo utilizzo di più servizi di cui alla presente lettera, l’ente gestore dei servizi sociali nel cui territorio l’utente ha stabile dimora al momento in cui richiede l’ospitalità presso un servizio residenziale. 7)
    2) se l'utente è minorenne: indipendentemente dal momento in cui ha inizio l'ospitalità o la frequenza del servizio, l’ente gestore dei servizi sociali nel cui territorio hanno stabile dimora i genitori, il genitore o il rappresentante legale dell’utente minorenne, oppure l’ente gestore dei servizi sociali nel cui territorio ha stabile dimora il genitore a cui il minore è stato giuridicamente affidato o presso cui il minore ha la residenza, nel caso di genitori separati o divorziati. 8)
7)
Il numero 1 dell'art. 5, lettera b) del comma 2, è stato così sostituito dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
8)
L'art. 5, comma 2, è stato prima sostituito dall'art. 3, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21, e poi dall'art. 3, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28. Infine l'intero art. 5 è stato così sostituito dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 11 aprile 2012, n. 12. L'art. 5, comma 2, è stato poi così sostituito dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.

Art. 6 (Garanzie patrimoniali a favore dell'ente competente)  

(1)  Nell'eventualità che le condizioni reddituali e patrimoniali comportino per l'utente l'obbligo di contribuire al pagamento totale o parziale della tariffa e lo stesso utente non disponga di sufficiente liquidità, l'ente pubblico competente ai sensi dell'articolo 5, su richiesta dell'interessato, può provvedervi a titolo di anticipazione, subordinatamente alla costituzione di ipoteca sui beni o diritti di cui all'articolo 2810 del codice civile, fino a concorrenza dell'importo del suo credito.

(2)  Nei casi previsti dal comma 1, i crediti vantati dall'ente competente diventano esigibili con effetto dalla data della dimissione dell'utente dalla struttura o dalla data di decesso. Gli eredi dell'utente hanno facoltà di estinguere l'obbligazione pagando il debito all'ente competente ai sensi dell'articolo 5.

(3)  L'iscrizione ipotecaria è cancellata dopo il versamento all'ente competente ai sensi dell'articolo 5 dell'intero valore del credito vantato dall'ente stesso, in un'unica soluzione o secondo un piano di rientro concordato tra le parti.9) 

9)
L'art. 6 è stato modificato dall'art. 2 del D.P.P. 5 settembre 2001, n. 50; il comma 1 è stato successivamente sostituito dall'art. 1 del D.P.P. 16 luglio 2002, n. 26.

Art. 7 (Decisione sui vantaggi economici in caso di attività non discrezionale)

(1)  L’operatore preposto istruisce il procedimento e decide l‘attribuzione dei vantaggi economici, ad eccezione dei casi previsti dall’articolo 8 e dove il presente regolamento disponga diversamente. 10)

(2)  Il provvedimento è emesso entro sette giorni dalla data di ricevimento della domanda completa di tutti i suoi elementi.

(3)  Gli esiti del provvedimento sono comunicati, anche per estratto, agli interessati, entro cinque giorni dalla data di emanazione dello stesso.

10)
L'art. 7, comma 1, è stato così sostituito dall'art. 2, comma 1, del D.P.P. 11 aprile 2012, n. 12.

Art. 8 (Decisione sui vantaggi economici in caso di attività discrezionale)  

(1)  Ai fini della decisione riguardo alla prestazione di cui all’articolo 22 e delle valutazioni di cui all’articolo 45, comma 5, nonché ogni qual volta la decisione postuli valutazioni di carattere eccezionale, l’operatore sottopone la propria proposta al comitato tecnico di cui all’articolo 3, comma 1, lettera d) della legge provinciale 26 ottobre 1973, n. 69 e successive modifiche, il quale decide in merito all’ attribuzione dei vantaggi economici. 11) 12)

(2)  Per le materie di competenza degli enti gestori dei servizi sociali delegati, il comitato tecnico stesso è istituito presso ciascun distretto. 13)

(3)  Il comitato tecnico di cui al comma 2 è nominato dagli organi competenti dell'ente e resta in carica per la durata di cinque anni. 14)

(4)  Il comitato tecnico di cui al comma 2 è composto da tre membri effettivi e tre supplenti. Sono membri effettivi: 15)

  1. il responsabile del distretto;
  2. l'operatore responsabile dell'area di intervento di assistenza economica sociale;
  3. un operatore sociale del distretto.

(5)  Nelle materie di competenza dei comuni, spetta ai comuni stessi l'individuazione dell'organo competente per le funzioni di cui al comma 1. 16)

(6)  La decisione del comitato tecnico è verbalizzata. Funge da segretario un operatore amministrativo dell'ente gestore. 17)

(7)  Il provvedimento deve essere emesso entro 30 giorni dalla data di ricevimento della domanda.

(8)  Gli esiti del provvedimento sono comunicati, anche per estratto, agli interessati, entro cinque giorni dalla data di emanazione dello stesso.

11)
L'art. 8, comma 1, è stato così sostituito dall'art. 4, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.
12)
Il testo tedesco dell'art. 8, comma 1, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
13)
Il testo tedesco dell'art. 8, comma 2, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
14)
Il testo tedesco dell'art. 8, comma 3, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
15)
Il testo tedesco dell'art. 8, comma 4, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
16)
Il testo tedesco dell'art. 8, comma 5, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
17)
Il testo tedesco dell'art. 8, comma 6, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.

Art. 9 18)

18)
L'art. 9 è stato abrogato dall'art. 31, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 10 (Nucleo familiare ristretto)

(1)  In deroga a quanto previsto all’articolo 27 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, sono considerati componenti del nucleo familiare ristretto:

  1. nei servizi residenziali rivolti a donne in difficoltà: la sola donna e i figli che con lei sono ospitati presso il servizio;
  2. nei servizi residenziali per anziani: il solo utente, se anche il componente del nucleo familiare di cui all’articolo 27, comma 2, lettera b) o c), del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, è utente di un servizio residenziale e ha consumato l’intero importo corrispondente alla sua percentuale di consumo dell’eccedenza.
  3. per le prestazioni dell’assistenza domiciliare dell’allegato B): il solo utente, se anche il componente del nucleo familiare di cui all’articolo 27, comma 2, lettera b) o c), del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, è utente del servizio assistenza domiciliare. 19)
19)
L'art. 10 è stato prima sostituito dall'art. 5, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28, e poi dall'art. 4, comma 1, del D.P.P. 11 aprile 2012, n. 12.

Art. 11 20)

20)
L'art. 11 è stato abrogato dall'art. 31, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 12 (Obblighi del donatario)    

(1)  Per la prestazione reddito minimo di inserimento e il pagamento delle tariffe, l’attribuzione di vantaggi economici da parte dell’ente pubblico competente avviene solo in via subordinata rispetto alle prestazioni a carico dei donatari, che sono tenuti a contribuire dopo l’utente e il suo nucleo ristretto e con precedenza su ogni altro obbligato, ai sensi del presente regolamento, fino al valore delle donazioni stesse. 21)

(2)  A tale fine l’utente, all’atto della presentazione della domanda, è tenuto a dichiarare le donazioni effettuate nell’ultimo decennio e il relativo beneficiario. Non sono considerate le donazioni effettuate oltre dieci anni prima della presentazione di una domanda, le donazioni a favore del coniuge/della coniuge e le donazioni che da contratto risultano espressamente rimuneratorie. 22) 

21)
L'art. 12, comma 1, è stato così sostituito dall'art. 2, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.
22)
L'art. 12 è stato prima sostituito dall'art. 6, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21, e poi dall'art. 6, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

CAPO II
Classificazione delle prestazioni

Art. 13 (Prestazioni di primo livello)

(1)  Ai sensi dell’articolo 4, comma 3, del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, sono prestazioni di primo livello le prestazioni dell’assistenza economica sociale di cui agli articoli 24, 25, 26 e 27. 23)

23)
Il capo II è stato così sostituito dall'art. 7, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 14 (Prestazioni di secondo livello)

(1)  Ai sensi dell’articolo 4, comma 3, del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, sono prestazioni di secondo livello le prestazioni che sono regolate dal capo IV del presente regolamento, e l’anticipazione dell’assegno di mantenimento a tutela del minore di cui alla legge provinciale 3 ottobre 2003, n. 15, e successive modifiche. 23)

23)
Il capo II è stato così sostituito dall'art. 7, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 15 (Prestazioni di terzo livello)

(1)  Ai sensi dell’articolo 4, comma 3, del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, sono prestazioni di terzo livello le prestazioni dell’assistenza economica sociale di cui agli articoli 19, 20, 21, 22, 30 e 32. 23)

23)
Il capo II è stato così sostituito dall'art. 7, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

CAPO III
Prestazioni di assistenza economica sociale

Art. 16 (Definizione)

(1)  Le prestazioni di assistenza economica sociale consistono in interventi volti a soddisfare i bisogni fondamentali e a perseguire l’integrazione sociale e l’indipendenza economica dei soggetti e delle famiglie destinatarie, attraverso trasferimenti monetari integrativi al reddito e programmi personalizzati.

(2)  Non può usufruire delle prestazioni di assistenza economica sociale la persona che, utilizzando in particolare il proprio patrimonio o entrate proprie o della famiglia, è in grado di provvedere al proprio mantenimento.

(3)  Le prestazioni di assistenza economica sociale non possono essere erogate per il pagamento di tariffe, ad eccezione dei casi previsti dal presente regolamento. 24) 

24)
L'art. 16 è stato prima sostituito dall'art. 5 del D.P.P. 5 settembre 2001, n. 50, e poi dall'art. 8, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 17 (Destinatari)  

(1)  Hanno accesso alle prestazioni di assistenza economica sociale le seguenti persone, purché aventi dimora stabile e ininterrotta da almeno dodici mesi in provincia di Bolzano prima della presentazione di ogni domanda:

  1. i cittadini italiani;
  2. i cittadini di Stati appartenenti all’Unione europea;
  3. i cittadini di Paesi terzi, titolari di un permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, rilasciato in Italia;
  4. i titolari dello status di rifugiato;
  5. i titolari dello status di protezione sussidiaria. 25)

(2)  Dopo cinque anni di dimora stabile e ininterrotta residenza in provincia di Bolzano hanno altresì accesso alle prestazioni di assistenza economica sociale, alle stesse condizioni delle persone di cui al comma 1, le seguenti persone, qualora legalmente soggiornanti sul territorio nazionale:

  1. i cittadini di Paesi terzi;
  2. gli apolidi. 26)

(3)  27)

(4)  28)

(5)  Si può prescindere dal possesso dei requisiti di cui ai commi 1 e 2 solo in caso di eccezionali situazioni personali o familiari che richiedano interventi urgenti ed indifferibili. 29) 30)

25)
L'art. 17, comma 1, è stato così sostituito dall'art. 2, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
26)
L'art. 17, comma 2, è stato così sostituito dall'art. 2, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
27)
L'art. 17, comma 3, è stato abrogato dall'art. 17, comma 1, lettera a), del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
28)
L'art. 17, comma 4, è stato abrogato dall'art. 17, comma 1, lettera a), del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
29)
L'art. 17 è stato così sostituito dall'art. 9, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.
30)
L'art. 17, comma 5, è stato così sostituito dall'art. 2, comma 2, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.

Art. 18 (Partecipazione da parte dei nuclei familiari collegati)

(1)  Per la prestazione reddito minimo di inserimento è prevista la compartecipazione del nucleo familiare collegato di cui all’articolo 30 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2. Ai fini della determinazione dell’ammontare della prestazione di cui all'articolo 19, viene calcolato l’importo della partecipazione dei nuclei familiari collegati e questo viene detratto dall’ammontare della prestazione spettante al nucleo familiare di fatto. La partecipazione è richiesta al nucleo familiare collegato sia del richiedente che del coniuge o del partner facente parte del nucleo familiare di fatto.

(2)  Il nucleo familiare collegato è chiamato a partecipare nella misura del 30 percento della parte eccedente il doppio del suo fabbisogno. 31) 

(3)  Il comitato tecnico di cui all’articolo 8 può esonerare il nucleo familiare collegato dalla partecipazione o ridurla fino ad un massimo della metà, se da specifica documentazione dell’autorità giurisdizionale o di pubbliche autorità risultano circostanze da cui si possa dedurre una causa oggettiva di estraneità del nucleo familiare collegato in termini di rapporti affettivi o economici rispetto all’utente. 32)

31)
L'art. 18 è stato prima sostituito dall'art. 10, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28, e poi dall'art. 3, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.
32)
L'art. 18, comma 3, è stato aggiunto dall'art. 3, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.

Art. 19 (Reddito minimo di inserimento)  delibera sentenza

(1)  Il reddito minimo di inserimento è finalizzato al sostegno economico e sociale delle persone esposte al rischio di marginalità sociale ed impossibilitate per cause psichiche, fisiche e sociali al mantenimento proprio e del proprio nucleo familiare.

(2)  La prestazione per il raggiungimento del reddito minimo di inserimento spetta qualora il nucleo familiare non disponga di un valore della situazione economica superiore a 1,22.

(3)  La prestazione è pari al 1,22 volte il fabbisogno per il nucleo familiare con valore della situazione economica pari a zero e decresce in modo lineare fino ad azzerarsi per il nucleo familiare con valore della situazione economica pari a 1,22. Per nuclei familiari composti fino a 4 componenti la prestazione mensile erogata non puó essere superiore a euro 1.100,00, da 5 o 6 componenti non superiore a euro 1.300,00 e per nuclei familiari composti da 7 e più componenti non superiore a euro 1.500,00; gli importi massimi vengono fissati annualmente dalla Giunta provinciale in concomitanza con la determinazione della quota base. 33)

(3/bis)  Per il calcolo del fabbisogno delle persone che condividono un alloggio collettivo, che non sono membri del nucleo familiare di fatto e che sono seguite dal distretto sociale di competenza attraverso la prestazione di accompagnamento socio-pedagogico abitativo o da un servizio sanitario specialistico all’interno di un progetto di autonomia abitativa, si applica quanto previsto per le persone che vivono da sole dall’articolo 5, comma 2, del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2. 34)

(4)  La prestazione è concessa per un periodo minimo di due mesi e massimo di sei mesi ed è erogata mensilmente. Nel caso di reddito derivante esclusivamente da pensione, può essere concessa ed erogata per un periodo massimo di dodici mesi. Nel caso di un utente che ha più di 75 anni e vive da solo, non ha un nucleo familiare collegato e ha un reddito derivante prevalentemente da pensione, la prestazione è concessa ed erogata per un periodo di dodici mesi; trascorso tale periodo, la prestazione viene ricalcolata d’ufficio ed è concessa per ulteriori dodici mesi. Lo stesso vale nel caso di due persone conviventi che presentano entrambe i citati requisiti. 35)

(5)  In caso di motivate necessità o indicazioni particolari sul piano assistenziale, la prestazione può essere concessa anche per un periodo inferiore a due mesi. Allo stesso modo, se sussistono controindicazioni sul piano assistenziale rispetto all’erogazione mensile in un’unica soluzione della prestazione, il comitato tecnico di cui all’articolo 8 può decidere che la prestazione stessa sia erogata a rate. La Giunta provinciale individua inoltre i casi in cui la prestazione può essere erogata in forma ridotta, in quanto determinati bisogni dell’utente sono già soddisfatti. 36) 37)

(6)  La prestazione è ripetibile a seguito di nuova domanda.

(7)  Per ogni componente del nucleo familiare che, senza giustificati motivi, non si attivi o si attivi in modo insufficiente per il mantenimento proprio e del nucleo familiare, in particolare attraverso la ricerca di lavoro, o non eserciti le attività di cui al comma 8, la prestazione, salvo quanto previsto al comma 7/ter, è progressivamente ridotta, previa comunicazione scritta all’interessato, di un importo non superiore al 150 per cento della quota base. 38)

(7/bis)  Se uno o più componenti del nucleo familiare, per almeno due volte complessivamente, rifiutano o interrompono in anticipo, senza giustificati motivi, i programmi personalizzati di integrazione sociale di cui all’articolo 35 o le attività di cui al comma 8 del presente articolo, il nucleo familiare, è escluso dalla presente prestazione per un periodo di dodici mesi a decorrere dal primo giorno del mese successivo a quello dell’ultimo rifiuto o dell’ultima interruzione. 39)

(7/ter)  Nei casi di cui al comma 7 al nucleo familiare deve comunque essere garantita una disponibilità economica pari al 25 per cento della quota base per ogni minore presente nel nucleo stesso. 40)

(8)  In presenza di cause oggettive il comitato tecnico può decidere, anche a seguito di un parere motivato del centro di mediazione lavoro, che le persone, anziché cercare lavoro, esercitino le attività concordate e disciplinate esplicitamente nell’ambito del programma di interventi di integrazione sociale di cui all’articolo 35. 41) 42)

massimeDelibera 9 giugno 2015, n. 699 - Criteri relativi allo svolgimento dei tirocini nell'ambito delle attività per l'integrazione sociale di persone in carico ai servizi sociali
33)
L'art. 19, comma 3, è stato così sostituito dall'art. 5, comma 1, del D.P.P. 11 aprile 2012, n. 12.
34)
L'art. 19, comma 3/bis, è stato inserito dall'art. 4, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
35)
L'art. 19, comma 4, è stato prima sostituito dall'art. 5, comma 2, del D.P.P. 11 aprile 2012, n. 12, e poi dall'art. 4, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.
36)
L'art. 19, comma 5, è stato prima sostituito dall'art. 4, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43, e poi dall'art. 2, comma 1, del D.P.P. 17 giugno 2014, n. 21.
37)
Il testo tedesco dell'art. 19, comma 5, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
38)
L'art. 19, comma 7, è stato prima sostituito dall'art. 5, comma 3, del D.P.P. 11 aprile 2012, n. 12, poi dall'art, 4, comma 2, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43, e dall'art. 2, comma 2, del D.P.P. 17 giugno 2014, n. 21.
39)
L'art. 19, comma 7/bis, è stato inserito dall'art. 2, comma 3, del D.P.P. 17 giugno 2014, n. 21.
40)
L'art. 19, comma 7/ter, è stato inserito dall'art. 2, comma 3, del D.P.P. 17 giugno 2014, n. 21.
41)
L'art. 19 è stato così sostituito dall'art. 11, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.
42)
Il testo tedesco dell'art. 19, comma 8, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.

Art. 20 (Contributo al canone di locazione e per le spese accessorie)

(1)  Il contributo al canone di locazione e per la copertura delle spese accessorie è concesso a persone e famiglie con un regolare contratto di locazione registrato per unità immobiliari ad uso abitativo site in provincia di Bolzano. 43)

(2)  Non hanno diritto al contributo al canone di locazione:

  • a)  le persone e le famiglie:
    • 1) che hanno un diritto di proprietà, usufrutto o abitazione su un’unità immobiliare ad uso abitativo sita in provincia di Bolzano o sono contitolari di un tale diritto sulla medesima unità immobiliare per una quota complessivamente pari o superiore al 50 per cento. 44)
    • 2) i cui parenti di primo grado – in riferimento ai componenti maggiorenni del nucleo familiare – sono proprietari o usufruttuari di seconde case, site in provincia di Bolzano, che non sono locate o che non sono oggetto di un diritto d’abitazione o di altro diritto reale di godimento che ne impedisca la locazione, oppure che sono state locate a persone senza alcun rapporto di parentela con il proprietario o l’usufruttuario o con un rapporto di parentela oltre il terzo grado con gli stessi; 45)
  • b) i locatari di alloggi dell’Istituto per l’Edilizia Sociale, del comune o di altri enti pubblici attivi anche in ambito sociale o di strutture sociosanitarie; 46)
  • c) i locatari di unità immobiliari di proprietà o di usufrutto di parenti di primo grado o affini di primo grado;
  • d) i locatari e i componenti del relativo nucleo familiare che non vivono nell’unità immobiliare; 47)
  • d/bis) i locatari che non hanno la residenza anagrafica nell’unità immobiliare; 48)
  • e) gli studenti;
  • f) i locatari che hanno ricevuto tale contributo ma non pagano il canone di locazione;
  • g) i locatari cui è stato assegnato un alloggio agevolato dell’Istituto per l’Edilizia Sociale o di un altro ente pubblico e vi rinunciano o lo restituiscono, per un periodo di cinque anni dalla data della rinuncia o della restituzione; 49)
  • h) i locatari di alloggi di cui alla lettera g) in caso di revoca dell’assegnazione dell’alloggio per cause loro imputabili, per un periodo di cinque anni dalla data della revoca. 50)

(3)  Salvo quanto disposto al comma 2, i locatari che hanno lasciato la famiglia di origine e stipulato un contratto di locazione hanno diritto, per il periodo di un anno dall’inizio del rapporto di locazione, alla prestazione solo nella misura del 50 percento dell’importo di cui al comma 7.

(4)  Alle persone e famiglie proprietarie o usufruttuarie dell’unità immobiliare in cui abitano, oppure che hanno un diritto d'abitazione sulla stessa, è concesso un contributo a copertura delle sole spese accessorie relative all'alloggio.

(5)  Non hanno diritto al contributo per la copertura delle spese accessorie:

  • a) 51)
  • b) i locatari e i componenti del relativo nucleo familiare che non vivono nell’unità immobiliare; 52)
  • b/bis) i locatari che non hanno la residenza anagrafica nell’unità immobiliare; 53)
  • c) gli studenti;
  • d) i locatari che hanno ricevuto tale contributo ma non pagano le spese accessorie.

(6)  Si può derogare a quanto previsto ai commi 1, 2, 3 e 5 nel caso in cui il richiedente versi in una situazione personale o familiare eccezionale, attestata dal distretto sociale competente.

(7)  Ai fini della determinazione dell’ammontare del contributo al canone di locazione si considera l’effettivo ammontare delle spese di locazione, nei limiti ritenuti congrui dalla Giunta provinciale. Per le spese accessorie si considerano gli importi stabiliti dalla Giunta provinciale. I limiti e gli importi possono essere stabiliti con valori diversi per i diversi territori.

(8)  La domanda di contributo al canone di locazione deve essere presentata direttamente dal locatario. 54)

(9)  Per la concessione del contributo al canone di locazione il nucleo familiare non deve presentare un valore della situazione economica superiore a 2,7.

(10)  Per la concessione del contributo per la copertura delle spese accessorie il nucleo familiare non deve presentare un valore della situazione economica superiore a 2,22.

(11)  La prestazione ammonta al 100 percento della spesa ammessa per i nuclei familiari con un valore della situazione economica fino a 1,22 e decresce in modo lineare fino al 15 percento per i nuclei familiari con un valore della situazione economica pari a 2,7. 55)

(12)  La prestazione è concessa per un periodo di 12 mesi e viene erogata mensilmente. Nel caso di motivate necessità o indicazioni particolari sul piano assistenziale, la prestazione può essere concessa anche per un periodo inferiore a 12 mesi.

(12/bis)  I componenti del nucleo familiare beneficiario devono mantenere dimora stabile e ininterrotta in provincia di Bolzano per la durata della concessione della relativa prestazione. Qualora si accerti, nel caso di concessione in corso, che uno o più componenti, senza giustificato motivo, non soddisfano più tali requisiti, l’ente assume, dalla data dell’accertamento e con comunicazione scritta all’utente, una nuova decisione per la durata residua della concessione, sulla base dei dati e delle informazioni in suo possesso. 56)

(13)  Per gli utenti di cui all’articolo 19, comma 4, la prestazione è concessa ed erogata secondo le modalità ivi previste.

(14)  Alla prestazione di cui al presente articolo non si applicano le disposizioni previste all'articolo 29, comma 3, del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2.

(15)  57)

(16)  La prestazione può essere concessa più volte a seguito di nuova domanda. 58)

43)
L'art. 20, comma 1, è stato così sostituito dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
44)
Il numero 1 dell'art. 20, comma 2, lettera a), è stato così sositituito dall'art. 5, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
45)
La lettera a) dell'art. 20, comma 2, è stata così sostituita dall'art. 1, comma 2, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
46)
La lettera b) dell'art. 20, comma 2, è stata così sostituita dall'art. 1, comma 3, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
47)
La lettera d) dell'art. 20, comma 2, è stata così sostituita dall'art. 5, comma 2, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
48)
La lettera d/bis è stata inserita dall'art. 5, comma 3, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
49)
La lettera g) dell'art. 20, comma 2, è stata aggiunta dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 9 ottobre 2015, n. 25, e successivamente così sostituita dall'art. 5, comma 4, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
50)
La lettera h) è stata aggiunta dall'art. 5, comma 5, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
51)
La lettera a) dell'art. 20, comma 5, è stata abrogata dall'art. 13, comma 1, lettera a), del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
52)
La lettera b) dell'art. 20, comma 5, è stata così sostituita dall'art. 5, comma 6, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
53)
La lettera b/bis) è stata inserita dall'art. 5, comma 7, del D.P.P. 8 settembre 2016, n. 25.
54)
L'art. 20, comma 8, è stato prima sostituito dall'art. 1, comma 4, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2, e successivamente dall'art. 5, comma 8, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
55)
L'art. 20, comma 11 è stato così sostituito dall'art. 1, comma 2, del D.P.P. 9 ottobre 2015, n. 25.
56)
L'art. 20, comma 12/bis è stato inserito dall'art. 1, comma 3, del D.P.P. 9 ottobre 2015, n. 25.
57)
L'art. 20, comma 15, è stato abrogato dall'art. 17, comma 1, lettera b), del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
58)
L'art. 20 è stato così sostituito dall'art. 5, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.

Art. 20/bis (Contributo per spese accessorie per pensionati)

(1)  Alle persone titolari di un assegno o una pensione sociale, così come di una integrazione al trattamento minimo o maggiorazione sociale della pensione o di trattamenti pensionistici equivalenti, è concesso un contributo a rimborso delle spese accessorie relative all'alloggio secondo le disposizioni di cui al presente articolo.

(2)  Il contributo è concesso per un periodo di 12 mesi. L’erogazione avviene in una o al massimo due soluzioni dietro presentazione della documentazione di spesa relativa al periodo di concessione o della corrispondente dichiarazione sostitutiva.

(3)  Per quanto non espressamente disciplinato dal presente articolo è fatto rinvio alle disposizioni che trovano applicazione per la prestazione di cui all’articolo 20, ad eccezione di quanto previsto al comma 13 dello stesso articolo. 59)

59)
L'art. 20/bis è stato aggiunto dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 19 settembre 2014, n. 28.

Art. 21 (Assegno per le piccole spese personali)

(1)  La prestazione è concessa a persone o famiglie ospitate nei servizi residenziali di cui all'allegato D, che non sono in grado di far fronte in modo adeguato alle piccole spese personali con il proprio reddito o patrimonio.

(2)  L'importo della prestazione è dato dal fabbisogno moltiplicato per il coefficiente di cui all'allegato D, colonna 1 "Assegno per le piccole spese personali"

(3)  La prestazione spetta al 100 per cento a persone o famiglie con valore della situazione economica pari a zero, e decresce in modo lineare fino ad azzerarsi per persone o famiglie con valore della situazione economica pari al coefficiente di cui all'allegato D, colonna 1 "Assegno per le piccole spese personali".

(4)  Tale assegno può essere erogato anche alle persone ricoverate in servizi pubblici o convenzionati aventi sede fuori provincia, che erogano prestazioni riconducibili a quelle erogate dai servizi di cui all'allegato D.

(4/bis)  La prestazione non può essere concessa a persone o famiglie che già percepiscono, dagli enti gestori delle strutture in cui sono accolte o da cui sono assistite, un importo corrispondente per la medesima finalità. 60)

(5)  La prestazione è concessa ed erogata secondo le modalità di cui all'articolo 19, commi 4, 5 e 6.61) 

60)
L'art. 21, comma 4/bis, è stato inserito dall'art. 6, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
61)
L'art. 21 è stato così sostituito dall'art. 3 del D.P.P. 16 luglio 2002, n. 26, e poi dall'art. 10, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21.

Art. 22 (Prestazione specifica)    delibera sentenza

(1)  La prestazione può essere erogata per contribuire a soddisfare, in particolari circostanze della vita, bisogni che determinano una situazione di emergenza individuale o familiare non risolvibile con le altre prestazioni di assistenza economica.

(2)  La prestazione è concessa con decisione del comitato tecnico di cui all'articolo 8. 62)

(3)  Salvo diversa, motivata decisione del comitato tecnico, la prestazione è concessa nella misura massima dell'80% della spesa ammessa e viene erogata al 100% per nuclei familiari con valore della situazione economica fino a 1,22 e decresce fino ad azzerarsi per nuclei familiari con valore della situazione economica pari a 2,22. 63)  64)

(4)  Va data la precedenza ai casi che possono essere risolti completamente con la prestazione richiesta.65) 

massimeT.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 433 del 06.12.2006 - Ricorso gerarchico - decisione di rigetto è atto confermativo del provvedimento originario - ricorso giurisdizionale avverso decisione su ricorso gerarchico improprio per diniego prestazioni specifiche - serve notificazione all'autorità emanante provvedimento originario
massimeT.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 441 del 21.12.2005 - Prestazioni sanitarie - spese mediche private - possibilità di assistenza sanitaria da parte strutture pubbliche - nessun rimborso - prestazione sociale di natura economica -reddito dei genitori
62)
Il testo tedesco dell'art. 22, comma 2, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
63)
L'art. 22, comma 3, è stato così sostituito dall'art. 1, comma 3, del D.P.P. 21 agosto 2008, n. 45.
64)
Il testo tedesco dell'art. 22, comma 3, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
65)
Il testo in lingua tedesca dell'art. 22 è stato sostituito dall'art. 8 del D.P.P. 5 settembre 2001, n. 50.

Art. 23 66)

66)
L'art. 23 è stato abrogato dall'art. 31, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 24 (Spese di accompagnamento o di trasporto)   67) delibera sentenza

(1)  Alle persone con una disabilità permanente che non sono in grado di utilizzare i mezzi del trasporto pubblico è concesso un rimborso delle spese di trasporto. L’impossibilità ad usare i mezzi di trasporto pubblici deve essere documentata da un certificato medico.

(2)  In alternativa al trasporto effettuato da imprese o associazioni svolgenti tale servizio, alle persone con una disabilità permanente che sono in grado di utilizzare i mezzi di trasporto pubblico solo se accompagnate, è concesso un rimborso per la spesa del servizio di accompagnamento. La necessità di accompagnamento deve essere attestata da un parere dell’operatore competente del distretto sociale.

(3)  L’utente ha diritto al rimborso delle spese di trasporto o per il servizio di accompagnamento, andata e ritorno, dalla propria abitazione sino:

  1. ai servizi sociali semiresidenziali;
  2. ai servizi di prevenzione, cura e riabilitazione;
  3. al posto di lavoro, oppure alla sede del progetto di inserimento lavorativo o della convenzione individuale per l’occupazione lavorativa. 68)

(4)  Le persone con disabilità che frequentano la scuola dell’infanzia, scuole di ogni ordine e grado o l’università non hanno diritto al rimborso delle spese di trasporto o del servizio di accompagnamento di cui al comma 3 durante l’orario scolastico o durante le lezioni universitarie frequentate. 69)

(5)  Il rimborso delle spese di trasporto o del servizio di accompagnamento per raggiungere i servizi di cui al comma 3, lettera b), è concesso solo qualora la necessità di tale trasporto sia attestata dal competente servizio specialistico del Comprensorio sanitario. 70)

(6)  Il trasporto delle persone può essere effettuato:

  1. con mezzo di trasporto privato;
  2. da imprese o associazioni svolgenti servizio di trasporto.

(7)  In deroga alle disposizioni di cui ai commi 11 e 12, il rimborso per il trasporto effettuato da imprese e associazioni per il raggiungimento del posto di lavoro è indipendente dal valore della situazione economica del nucleo familiare; in particolare, esso equivale alle spese sostenute, detratta la quota corrispondente alle tariffe del trasporto pubblico per il percorso effettuato. La deroga suddetta vale anche per chi raggiunge il posto di lavoro guidando autonomamente un proprio veicolo adattato; il rimborso in questo caso equivale all'importo chilometrico previsto per il trasporto effettuato con il mezzo di trasporto privato, detratta la quota corrispondente alle tariffe del trasporto pubblico per il percorso effettuato. 71)

(8)  La concessione della prestazione di cui al presente articolo è subordinata al parere dell’operatore competente del distretto sociale, che valuta le modalità di effettuazione del trasporto, anche in riferimento ad altre forme di accompagnamento e trasporto alternative, allo scopo di ottimizzare le risorse, tenendo conto delle esigenze della persona e delle eventuali disponibilità presenti sul territorio. La proposta del medesimo operatore è sottoposta alla decisione del comitato tecnico di cui all’articolo 8. 72)

(9)  73) 

(10)  Le spese ammesse e gli importi massimi del rimborso sono determinati dalla Giunta provinciale e si distinguono a seconda del tipo di prestazione.

(11)  Ai fini della concessione delle prestazioni il nucleo familiare non deve avere una situazione economica con valore superiore a 3,5.

(12)  Le prestazioni ammontano al 100 percento delle spese ammesse e degli importi massimi previsti per i nuclei familiari con valore della situazione economica fino a 2; decrescono in modo lineare fino ad azzerarsi per i nuclei familiari con valore della situazione economica pari a 3,5.

(13)  La prestazione è concessa per un periodo massimo di dodici mesi e può essere concessa più volte a seguito di nuova domanda.

(14)  Salvo accordi diversi tra richiedente e distretto sociale, l’erogazione della prestazione avviene mensilmente e fa seguito alla presentazione della documentazione comprovante la spesa sostenuta.74) 

massimeDelibera 10 giugno 2013, n. 873 - Criteri relativi alle prestazioni economiche a favore delle persone con disabilità di cui al DPP 30/2000. Revoca delle deliberazioni n. 3943 del 23.10.2000 e n. 4125 del 19.11.2001
massimeDelibera N. 131 del 21.01.2002 - Criteri per il calcolo ed il pagamento delle tariffe nelle strutture e nei servizi per persone in situazione di handicap, per malati psichici, per persone affette da forme di dipendenza
67)
La rubrica dell'art. 24 è stata così sostituita dall'art. 2, comma 1, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
68)
L'art. 24, comma 3, è stato così sostituito dall'art. 7, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
69)
L'art. 24, comma 4,è stato prima sostituito dall'art. 2, comma 2, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2, e successivamente dall'art. 7, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
70)
L'art. 24, comma 5, è stato così sostituito dall'art. 2, comma 2, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
71)
L'art. 24, comma 7, è stato così sostituito dall'art. 2, comma 3, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
72)
L'art. 24, comma 8, è stato così sostituito dall'art. 7, comma 2, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
73)
L'art. 24, comma 9, è stato abrogato dall'art. 17, comma 1, lettera c), del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
74)
L'art. 24 è stato prima sostituito dall'art. 10 del D.P.P. 5 settembre 2001, n. 50, poi modificato dall'art. 1 del D.P.P. 30 settembre 2002, n. 36, sostituito dall'art. 11, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21, ed infine così sostituito dall'art. 6, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.

Art. 25 (Vita indipendente e partecipazione sociale) 75)

(1)  Alle persone con una grave disabilità solamente fisica di cui al comma 3 dell’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, che percepisce un assegno di cura di cui alla legge provinciale 12 ottobre 2007, n. 9, e successive modifiche, è concesso un assegno mensile per l’assistenza personale mirata alla vita autonoma e alla partecipazione sociale.

(2)  Per accedere alla prestazione devono essere contestualmente presenti le seguenti circostanze:

  1. la persona vive autonomamente al di fuori del suo nucleo familiare d’origine o concretizza entro 6 mesi dalla domanda una propria situazione abitativa;
  2. la persona è in grado di gestire dal punto di vista finanziario e organizzativo la propria situazione abitativa;
  3. la persona è maggiorenne e, al momento della presentazione della prima domanda di prestazione, non ha superato i 60 anni di età. 76)

(3)  L’ammontare della prestazione è calcolato sulla base di criteri stabiliti dalla Giunta provinciale e tenendo conto della seguente documentazione:

  1. una descrizione della situazione di vita e delle finalità da parte dell’utente;
  2. la dichiarazione del bisogno di assistenza da parte dell’utente, con eventuale certificato medico specialistico;
  3. la certificazione della commissione sanitaria ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e successive modifiche;
  4. la certificazione del livello assistenziale riconosciuto ai sensi della legge provinciale 12 ottobre 2007, n. 9, e successive modifiche;
  5. un'autodichiarazione relativa all'utilizzo dell'assegno di cura di cui alla legge provinciale 12 ottobre 2007, n. 9, e successive modifiche, per l'importo eccedente l'ammontare del primo livello di non autosufficienza. 77)

(4)  L'ammontare massimo del contributo corrisponde ad un importo annuale che è il prodotto tra le ore di assistenza annuali riconosciute ed un valore corrispondente ad un massimo del 2,5 percento della quota base; per il calcolo il numero massimo delle ore di assistenza ammesse è pari a 3.285 l'anno. 78) 

(5)  Per la concessione della prestazione, il nucleo familiare non deve disporre di una situazione economica con valore superiore a 5.

(6)  La prestazione viene erogata al 100 percento per il nucleo familiare con valore della situazione economica fino a 3,5 e decresce in modo lineare fino al 30 percento per il nucleo familiare con valore della situazione economica pari a 5.

(7)  Ai fini della concessione della prestazione, si considera solo la situazione economica personale dell’utente; non si considera invece la situazione economica degli altri componenti del nucleo familiare.

(8)  La decisione è subordinata al parere obbligatorio e vincolante dell’ufficio competente della Ripartizione Famiglia e politiche Sociali. Il rilascio del parere avviene sulla base della proposta elaborata dal distretto competente.

(9)  La prestazione è concessa per un periodo massimo di dodici mesi ed è ripetibile a seguito di nuova domanda. 

(10)  L’erogazione della prestazione avviene dietro presentazione della documentazione di spesa sostenuta attestante che le prestazioni sono erogate nell’ambito di regolari rapporti di lavoro contrattuali e mensilmente, salvo accordi diversi tra richiedente e distretto.79)

75)
Il testo italiano della rubrica dell'art. 25 è stato così sostituito dall'art. 7, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.
76)
La lettera c) dell'art. 25, comma 2, è stata così sostituita dall'art. 8, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
77)
La lettera e) dell'art. 25, comma 3, è stata aggiunta dall'art. 3, comma 1, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
78)
L'art. 25, comma 4, è stato così sostituito dall'art. 7, comma 1, del D.P.P. 11 aprile 2012, n. 12.
79)
L'art. 25 è stato così sostituito dall'art. 14, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 26 (Acquisto e adattamento di veicoli) 80) delibera sentenza

(1)  Alle persone affette da permanente minorazione degli arti inferiori o superiori, che necessitano di un veicolo adattato, è concesso un rimborso per l'adattamento del proprio veicolo. 81)

(2)  Alle persone affette da minorazioni agli arti inferiori è concesso inoltre un contributo per l'acquisto di un proprio veicolo.

(3)  Sono ammesse a contributo o rimborso le spese per l'acquisto e per l'adattamento di motoveicoli ed autoveicoli di proprietà della persona con disabilità, ivi comprese macchine agricole o operatrici, autorizzati dagli organi competenti.

(4)  Il rimborso per l'adattamento è concesso nella misura massima del 100 per cento della spesa sostenuta, fino ad un massimo di otto volte la quota base.

(5)  Il contributo per l'acquisto è concesso nella misura massima del 40 per cento della spesa, fino ad un massimo di dodici volte la quota base.

(6)  Ai fini della concessione delle prestazioni di cui al presente articolo, il nucleo familiare non deve disporre di una situazione economica con valore superiore a 3,5. 82)

(7)  Il rimborso per l’adattamento è pari al 100 percento per nuclei familiari con valore della situazione economica fino a 2 e decresce in modo lineare fino al 30 percento per nuclei familiari con valore della situazione economica pari a 3,5.82)

(8)  L’ammontare del contributo per l’acquisto è pari al 100 percento per nuclei familiari con valore della situazione economica fino a 2 e decresce in modo lineare fino al 10 percento per nuclei familiari con valore della situazione economica pari a 3,5.82)

(9)  Uno stesso richiedente può beneficiare delle prestazioni in oggetto una sola volta nell'arco di sei anni, salvo casi eccezionali debitamente motivati ed approvati dal Comitato tecnico di cui all'articolo 8. 83)  84)

massimeDelibera 10 giugno 2013, n. 873 - Criteri relativi alle prestazioni economiche a favore delle persone con disabilità di cui al DPP 30/2000. Revoca delle deliberazioni n. 3943 del 23.10.2000 e n. 4125 del 19.11.2001
80)
La rubrica dell'art. 26 è stata così sostituita dall'art. 4, comma 1, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
81)
Art. 26, comma 1, la parola „automezzo“ è stata sostituita dalla parola „veicolo“, dall'art. 4, comma 2, del D.P.P. 7 gennagio 2014, n. 2..
82)
I commi 6, 7 e 8 dell'art. 26 sono stati così sostituiti dall'art. 15, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.
83)
L'art. 26 è stato così sostituito dall'art. 12, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21.
84)
Il testo tedesco dell'art. 26, comma 9, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.

Art. 27 (Adattamento di veicoli per i familiari) 85) delibera sentenza

(1)  Alle persone che hanno un familiare, come definito dall’articolo 12 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, affetto da minorazione di cui all’articolo 1, comma 4, della legge provinciale 30 giugno 1983, n. 20, e successive modifiche, è concesso un contributo per l’adattamento dei veicoli. Non sono considerate conviventi le persone disabili ospitate presso strutture residenziali in modo continuato. 86) 87)

(2)  Sono ammessi a contributo gli adattamenti di motoveicoli ed autoveicoli previsti all'articolo 15 della legge provinciale 30 giugno 1983, nr 20e successive modifiche.

(3)  Il contributo per l'adattamento è concesso nella misura massima del 100% della spesa, fino ad un massimo di dodici volte la quota base.

(4)  Ai fini della concessione del contributo il nucleo familiare non deve disporre di una situazione economica con valore superiore a 3,5. 88) 

(5)  La prestazione è erogata al 100 percento dell’importo di cui al comma 3, per nuclei familiari con valore della situazione economica fino a 2 e decresce in modo lineare fino al 30% per nuclei familiari con valore della situazione economica pari a 3,5. 89)

(6)  Uno stesso richiedente può beneficiare dell'intervento in oggetto una sola volta nell'arco di sei anni, salvo casi eccezionali debitamente motivati ed approvati dal Comitato tecnico di cui all'articolo 8. 90)

massimeDelibera 10 giugno 2013, n. 873 - Criteri relativi alle prestazioni economiche a favore delle persone con disabilità di cui al DPP 30/2000. Revoca delle deliberazioni n. 3943 del 23.10.2000 e n. 4125 del 19.11.2001
85)
La rubrica del testo italiano, è stata così sostituita dall'art. 5, comma 1, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
86)
L'art. 27, comma 1, è stato prima sostituito dall'art. 11 del D.P.P. 5 settembre 2001, n. 50, e poi dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.
87)
Art. 27, comma 1, la parola „mezzi di locomozione“ e sostituita con la parola „veicoli“, dall'art. 5, comma 2, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
88)
L'art. 27, comma 4, è stato così sostituito dall'art. 16, comma 2, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.
89)
L'art. 27, comma 5, è stato così sostituito dall'art. 16, comma 3, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.
90)
Il testo tedesco dell'art. 27, comma 6, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25

Art. 2891)

91)
L'art. 28 è stato abrogato dall'art. 30, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21.

Art. 29 92)

92)
L'art. 29 è stato abrogato dall'art. 31, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 30 (Servizio di telesoccorso e telecontrollo)

(1)  Alle persone ultrasessantacinquenni che abitano da sole e alle persone che per altre cause, attestate dal competente distretto sociale, necessitano del servizio, è concessa una prestazione mensile per il servizio di telesoccorso e telecontrollo.

(2)  La prestazione è concessa nella misura massima del 100 per cento della spesa, fino ad un massimo del 8,5 per cento della quota base.

(3)  Per la concessione della prestazione, il nucleo familiare non deve disporre di una situazione economica di valore superiore a 3,5.

(4)  La prestazione è erogata al 100 per cento in caso di nuclei familiari con valore della situazione economica fino a due, e decresce in modo lineare fino al 30 per cento in caso di nuclei familiari con valore della situazione economica pari a 3,5.

(5)  La prestazione viene concessa ed erogata secondo le modalità di cui all'articolo 19, commi 4 e 6, dietro presentazione della documentazione comprovante la spesa.93) 

93)
L'art. 30 è stato modificato dall'art. 12 del D.P.P. 5 settembre 2001, n. 50, e poi così sostituito dall'art. 13, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21.

Art. 31 94)

94)
L'art. 31 è stato abrogato dall'art. 31, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 32 (Continuità della vita familiare e domestica)  

(1)  Alla persona singola o alla famiglia è concessa una prestazione economica mensile per la continuità della vita familiare e domestica, anche al fine di evitare eventuali ricoveri in servizi residenziali, se concorrono contestualmente le seguenti circostanze:

  1. componenti del nucleo familiare o la persona singola non sono in grado di garantire la conduzione autonoma della vita familiare e domestica;
  2. i figli ed i genitori non conviventi non sono in grado di prestare sufficiente aiuto;
  3. l'intervento di un servizio di assistenza domiciliare o di un servizio con analoghe finalità non è risolutivo del bisogno;
  4. una persona estranea si occupa di assicurare continuità nella conduzione della vita familiare e domestica ed eventualmente presta aiuto diretto ai componenti della famiglia assistita.

(2)  In caso di situazioni personali o familiari di particolare gravità, si può prescindere dal requisito che la persona che presta aiuto sia estranea al nucleo familiare.

(3)  La prestazione è concessa nella misura massima del due per cento della quota base per ogni ora, con un tetto massimo di 100 ore mensili.

(4)  Per la concessione del contributo, il nucleo familiare non deve disporre di una situazione economica con valore superiore a 4,5.

(5)  La prestazione viene erogata al 100 per cento per nuclei familiari con valore della situazione economica fino a 2 e decresce in modo lineare fino ad azzerarsi per nuclei familiari con valore della situazione economica pari a 4,5.

(6)  La decisione è subordinata al parere obbligatorio dell'operatore che segue l'utente ed il suo nucleo familiare.

(7)  La prestazione è concessa ed erogata secondo le modalità di cui all'articolo 19, commi 4 e 6.95) 

95)
L'art. 32 è stato modificato dall'art. 13 del D.P.P. 5 settembre 2001, n. 50, e poi così sostituito dall'art. 14, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21.

Art. 3396)

96)
L'art. 33 è stato abrogato dall'art. 14 del D.P.P. 16 luglio 2002, n. 26.

Art. 34 97)

97)
L'art. 34 è stato abrogato dall'art. 31, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 35 (Programmi personalizzati di integrazione sociale)  delibera sentenza

(1)  Le prestazioni di assistenza economica sociale, fanno parte integrante di un programma di interventi di integrazione sociale predisposto, se ritenuto opportuno, dai servizi di distretto, allo scopo di favorire il superamento dell'emarginazione dei singoli e delle famiglie attraverso la promozione delle capacità individuali e dell'indipendenza economica delle persone.

(2)  Ai fini di cui al comma 1 l'ente gestore elabora, anche in relazione agli interventi previsti nell'ambito delle politiche attive del lavoro, i programmi di integrazione sociale personalizzati, tenendo conto delle caratteristiche personali e familiari dei soggetti e concordando con gli stessi il contenuto e gli impegni derivanti dall'attuazione del programma. Ove è presente la famiglia, il programma coinvolge tutti i suoi componenti.

(3)  I soggetti destinatari del programma devono rispettare gli impegni assunti con l'accettazione del programma di integrazione sociale.

(4)  I programmi di integrazione sociale sono orientati al recupero, alla promozione e allo sviluppo di capacità personali e alla ricostruzione di reti sociali. Per i minori il programma include in primo luogo l'assolvimento dell'obbligo scolastico e successivamente la formazione professionale. I programmi sono altresì coordinati con le altre prestazioni derivanti dall'accesso ad altri servizi sociali da parte dei destinatari.

massimeDelibera 9 giugno 2015, n. 699 - Criteri relativi allo svolgimento dei tirocini nell'ambito delle attività per l'integrazione sociale di persone in carico ai servizi sociali

Art. 36 (Forma delle prestazioni)

(1)  Le prestazioni economiche sono corrisposte di norma in denaro, salvo i casi in cui esistono controindicazioni sul piano tecnico-assistenziale.

(2)  Il mandato di pagamento è inoltrato entro 35 giorni dalla data di presentazione della domanda di prestazione.

(3)  Solo in casi eccezionali debitamente motivati, l'ente può erogare la somma concessa ad una persona all'uopo delegata dal beneficiario.

(4)  Se lo stato di bisogno deriva dal ritardo con cui sono di fatto corrisposte all'interessato prestazioni previdenziali o assistenziali, ovvero altre somme cui egli ha titolo, la prestazione può essere concessa sotto forma di prestito senza interessi.

(5)  Nei casi in cui non sia possibile concedere prestazioni al richiedente in quanto quest’ultimo dispone di un patrimonio, non rientrante fra quelli previsti all’articolo 23 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, e che tuttavia non può essere alienato a breve termine, l’agevolazione può essere erogata sotto forma di prestito senza interessi. 98) 

(6)  L'obbligo di restituzione delle somme percepite sotto forma di prestito senza interessi decorre dal momento in cui l'interessato riscuote effettivamente gli importi a lui spettanti, la cui provenienza è definita ai commi 4 e 5. Nel caso di mancata restituzione delle somme prestate, l'ente erogatore provvede al loro recupero ai sensi del decreto legislativo 26 febbraio 1999, n. 46.99) 

98)
L'art. 36, comma 5, è stato prima sostituito dall'art. 5 del D.P.P. 16 luglio 2002, n. 26, e poi dall'art. 17, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.
99)
Il comma 6 è stato modificato dall'art. 68 della L.P. 29 gennaio 2002, n. 1.

CAPO IV
Criteri generali per il pagamento delle tariffe

Art. 37 (Condizione economica garantita)   delibera sentenza

(1)  La condizione economica garantita è la quota della situazione economica che non è considerata ai fini del calcolo della tariffa per i servizi residenziali e semiresidenziali a carico degli utenti e dei loro nuclei ristretto e collegato, in quanto ritenuta necessaria a far fronte alle esigenze personali dell’utente stesso e dei suoi nuclei familiari.

(2)  Tale quota si ottiene moltiplicando il parametro riportato alle tabelle di cui agli allegati C e D per il fabbisogno del nucleo familiare. È differente per utente, nucleo familiare ristretto, nucleo familiare collegato e per i diversi servizi; questa quota non può essere inferiore al 50 percento della quota base. 100) 

massimeDelibera N. 3022 del 10.09.2007 - Assistenza diurna agli anziani: Criteri per la determinazione dei costi convenzionali del servizio Centro assistenza diurna e tariffe dell'assistenza diurna e tariffe dell'assistenza diurna in case di riposo/centri di degenza per l'anno 2007
100)
L'art. 37 è stato prima sostituito dall'art. 15, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21, e poi dall'art. 18, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 38 (Percentuale di consumo dell'eccedenza) 101)

(1)  La percentuale di consumo dell'eccedenza si differenzia in relazione ai diversi nuclei familiari di riferimento, alla priorità programmatica dei singoli servizi ed all'ammontare della tariffa, così come riportato alle tabelle di cui agli allegati C e D.

101)
Il testo in lingua tedesca della rubrica dell'art. 38 è stato sostituito dall'art. 19, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 39 (Pagamento delle tariffe delle prestazioni dell'assistenza domiciliare e della mensa sociale)    delibera sentenza

(1)  L’utente concorre al pagamento delle tariffe delle prestazioni di assistenza domiciliare in relazione al valore della situazione economica del suo nucleo familiare ristretto.

(2)  Fino al valore della situazione economica indicato nella colonna 2 della tabella di cui all’allegato B, è richiesto il pagamento della tariffa minima; a partire dal valore della situazione economica indicato nella colonna 3 della tabella di cui all’allegato B, è richiesto il pagamento della tariffa massima.

(3)  La partecipazione aumenta in modo lineare all’aumentare del valore della situazione economica a partire dalla tariffa minima fino a raggiungere la copertura della tariffa massima, fatta eccezione per le prestazioni di cui al comma 4.

(4)  Per le prestazioni del centro diurno e la prestazione “mensa sociale”, è richiesto il pagamento della tariffa minima fino al valore della situazione economica indicato nella colonna 3 della tabella di cui allegato B e, a partire dal valore della situazione economica indicato nella colonna 3 della medesima tabella, è richiesto il pagamento della tariffa massima.

(5)  Le tariffe minime e massime, e per le prestazioni pasto a domicilio e mensa anche l’importo congruo dei costi massimi, sono fissate annualmente dalla Giunta provinciale in concomitanza con la determinazione della quota base. 102)

(6)  In caso di utenti minorenni con disabilità psichica o fisica permanente come definita al punto 5.2., lettera f), dell’allegato A), le tariffe per l’assistenza domiciliare - prestazioni a domicilio - sono ridotte del 50 percento. 103) 

massimeDelibera N. 2151 del 16.06.2008 - Determinazione delle tariffe dei servizi sociali del settore disabilitá, socio-psichiatria e dipendenza, anziani e assistenza domiciliare, ai sensi del D.P.G.P. 11 agosto 2000, n. 30, e successive modifiche ed integrazioni a decorrere dal 1.07.2008 (modificata con delibera n. 3364 del 15.09.2008)
massimeDelibera N. 4447 del 09.12.2003 - Fissazione delle tariffe per il pagamento delle prestazioni ambulatoriali e domiciliari a partire dall' 01.01.2004 (modificata con delibera n. 4714 del 22.12.2003; delibera 4047 del 08.11.2004; delibera n. 4317 del 14.11.2005; delibera n. 4158 del 13.11.2006; delibera n. 3720 del 05.11.2007)
102)
L'art. 39, comma 5, è stato così sostituito dall'art. 8, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.
103)
L'art. 39 è stato modificato dall'art. 15 del D.P.P. 5 settembre 2001, n. 50, sostituito dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21, ed infine così sostituito dall'art. 20, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 40 (Pagamento delle tariffe dei servizi semiresidenziali)    delibera sentenza

(1)  L’utente concorre al pagamento delle tariffe dei servizi semiresidenziali:

  1. per la parte della tariffa che non dipende dalla situazione economica: con l’assegno di cura di cui all’articolo 8 della legge provinciale 12 ottobre 2007, n. 9, o l’indennità di accompagnamento 104)  di cui all’articolo 3, comma 1, punto 6, della legge provinciale 21 agosto 1978, n. 46, e successive modifiche;
  2. ovvero per la parte della tariffa che dipende dalla situazione economica: in relazione alla situazione economica del proprio nucleo familiare ristretto.

(2)  Indipendentemente dalle parti di tariffa di cui al comma 1, lettera a) o b), l’utente è tenuto al pagamento di un importo per il pasto – se previsto – fissato annualmente dalla Giunta provinciale per i singoli servizi, in concomitanza con la determinazione della quota base. 105) 

(3)  Il calcolo della partecipazione avviene secondo i parametri indicati nell’allegato C.

(4)  Le tariffe e le prestazioni per le quali è da pagare l’importo di cui al comma 2, sono individuate annualmente dalla Giunta provinciale in concomitanza con la determinazione della quota base. 106) 

massimeDelibera 9 dicembre 2014, n. 1529 - Aggiornamento della quota base e delle tariffe dei servizi sociali ai sensi del decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 agosto, n. 30, e successive modifiche, per l'anno 2015
massimeDelibera N. 131 del 21.01.2002 - Criteri per il calcolo ed il pagamento delle tariffe nelle strutture e nei servizi per persone in situazione di handicap, per malati psichici, per persone affette da forme di dipendenza
104)
L'art. 40, comma 1, lettera a), il termine "assegno di accompagnamento" è stato sositituito dal termine "indennità di accompagnamento", dall'art. 16, comma 2, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
105)
L'art. 40, comma 2, è stato così sostituito dall'art. 6, comma 1, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
106)
L'art. 40 è stato prima sostituito dall'art. 17, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21, e poi dall'art. 21, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 40/bis 107) 

107)
L'art. 40/bis è stato inserito dall'art. 6 del D.P.P. 16 luglio 2002, n. 26, e poi abrogato dall'art. 13, comma 1, lettera b), del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.

Art. 41 (Pagamento delle tariffe dei servizi residenziali)   delibera sentenza

(1)  L’utente concorre al pagamento delle tariffe dei servizi residenziali:

  1. con l’assegno di cura e l’importo aggiuntivo di cui all’articolo 8 della legge provinciale 12 ottobre 2007, n. 9, o l’indennita di accompagnamento 108) erogatogli, di cui all’articolo 3, comma 1, punto 6, della legge provinciale 21 agosto 1978, n. 46, e successive modifiche;
  2. e per la parte non coperta dalle prestazioni di cui alla lettera a), in relazione alla situazione economica del proprio nucleo familiare ristretto; nel calcolare il concorso al pagamento, la condizione economica garantita all’utente viene tenuta distinta dalla condizione economica garantita agli altri componenti.

(2)  I nuclei familiari collegati concorrono al pagamento, in relazione alla loro situazione economica, per la parte non coperta dal nucleo familiare ristretto.

(3)  Il calcolo della partecipazione avviene secondo i parametri indicati nell’allegato D. La “percentuale di consumo dell’eccedenza”, di cui al punto 2 “utente” dell’allegato D), trova applicazione esclusivamente nel caso in cui l’utente sia l’unico componente del nucleo familiare ristretto.

(4)  Per i servizi a favore di persone con disabilità, persone affette da dipendenza e malati psichici la partecipazione da parte di ciascun nucleo familiare collegato non può comunque superare l’importo fissato annualmente dalla Giunta provinciale in concomitanza con la determinazione della quota base.

(5)  Per i servizi a favore di donne e minori, non si chiede la partecipazione alla tariffa dei nuclei familiari collegati.

(6)  Per nuclei familiari collegati che devono concorrere contemporaneamente al pagamento di due tariffe per anziani in servizi residenziali, si calcola una sola volta la “condizione economica garantita”, si applica la “percentuale di consumo dell’eccedenza” e si utilizza l’importo risultante per il pagamento di entrambe le tariffe. 109) 

(7)  Il comitato tecnico di cui all’articolo 8, d’intesa con l’ente competente per l’integrazione della tariffa, può decidere una riduzione della tariffa ai sensi dell’articolo 42/bis, comma 1, a favore del nucleo familiare collegato, oppure può esonerare quest’ultimo dalla partecipazione, se da specifica documentazione dell’autorità giurisdizionale o di pubbliche autorità risultano circostanze da cui si possa dedurre una causa oggettiva di estraneità del nucleo familiare collegato in termini di rapporti affettivi o economici rispetto all’utente. 110)

massimeDelibera 9 dicembre 2014, n. 1529 - Aggiornamento della quota base e delle tariffe dei servizi sociali ai sensi del decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 agosto, n. 30, e successive modifiche, per l'anno 2015
108)
L'art. 41, comma 1, lettera a), il termine "assegno di accompagnamento" è stato sositituito dal termine "indennità di accompagnamento", dall'art. 16, comma 2, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
109)
L'art. 41 è stato modificato dall'art. 16 del D.P.P. 5 settembre 2001, n. 50, sostituito dall'art. 18, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21, ed infine così sostituito dall'art. 23, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.
110)
L'art. 41, comma 7, è stato aggiunto dall'art. 10, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.

Art. 42 (Utilizzo contemporaneo di servizi residenziali e semiresidenziali)

(1)  La Giunta provinciale stabilisce i casi in cui, per la frequenza contemporanea da parte di uno stesso utente di un servizio residenziale e di un servizio semiresidenziale, è richiesta al nucleo familiare ristretto e collegato la partecipazione al pagamento di una sola tariffa. L'ente pubblico competente provvede alla copertura della tariffa non dovuta dal nucleo familiare ristretto e collegato.111) 

111)
L'art. 42 è stato così sostituito dall'art. 19, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21.

Art. 42/bis

(1)  Qualora dal calcolo della partecipazione alla tariffa dei servizi di cui agli allegati C) e D), derivi all'utente o ai relativi nuclei familiari un impegno finanziario eccessivamente gravoso, il competente comitato tecnico di cui all'articolo 8, con decisione motivata, può ridurre le percentuali da applicare ai sensi dell'articolo 38 a favore dell'utente o dei relativi nuclei familiari, fino ad un massimo della metà delle percentuali di cui agli allegati C) e D). 112)

(2)  Qualora l'importo mensile dovuto dall'utente per il pasto ai sensi dell'articolo 40, comma 4, risulti troppo oneroso, il comitato tecnico può ridurre tale importo, con decisione motivata, nella misura massima del 50 per cento. 113)

(3)  114)  115)

112)
Il testo tedesco dell'art. 42/bis, comma 1, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25
113)
Il testo tedesco dell'art. 42/bis, comma 2, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25
114)
L'art. 42/bis è stato inserito dall'art. 17 del D.P.P. 5 settembre 2001, n. 50, e poi così sostituito dall'art. 20, comma 1, del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21.
115)
L'art. 42/bis, comma 3, è stato abrogato dall'art. 17, comma 1, lettera d), del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.

Art. 43 (Integrazione delle tariffe da parte dell'ente pubblico competente)     delibera sentenza

(1)  Gli enti competenti integrano il pagamento delle tariffe dei servizi residenziali, semi-residenziali, ambulatoriali e domiciliari e degli affidamenti familiari, qualora la situazione economica dell'utente, del nucleo familiare ristretto e, ove richiesto, dei nuclei familiari collegati, esaminati in modo separato e successivo, non consentano la copertura della tariffa a carico dell'utente.

(2)  L’integrazione della tariffa di cui all’articolo 5, comma 2, lettera b), ha luogo solo qualora l’ospitalità, la frequenza o l’utilizzo del servizio siano stati preventivamente concordati con l’interessato, i familiari e con l’ente obbligato al pagamento. 116)

(3)  L’integrazione della tariffa di cui all’articolo 5, comma 2, lettera a), ha luogo solo se l’ente che accoglie l’utente ne ha data preventiva comunicazione al comune obbligato al pagamento. 117)

massimeDelibera N. 4224 del 18.11.2002 - Assunzione delle tariffe restanti per anziani e per persone con handicap
116)
L'art. 43, comma 2, è stato così sostituito dall'art. 9, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.
117)
L'art. 43, comma 3, è stato inserito dall'art. 8, comma 1, del D.P.P. 11 aprile 2012, n. 12, e poi sostituito dall'art. 9, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.

CAPO V
Del procedimento

Art. 44 (Domanda e impegnativa al pagamento)

(1)  Le prestazioni di assistenza economica sociale sono concesse e le tariffe sono integrate su domanda dell’interessato o del suo rappresentante legale oppure, in caso di giustificato motivo, d’ufficio. 118)

(2)  Per le prestazioni di assistenza economica sociale, se la domanda è presentata entro il 20° giorno del mese, la prestazione viene erogata con decorrenza dal primo giorno dello stesso mese, se la domanda è presentata dopo il 20° giorno del mese, la prestazione viene erogata con decorrenza dal primo giorno del mese successivo.

(3)  L’integrazione della tariffa di cui all’articolo 43 avviene a partire dalla data della domanda. Nel caso in cui la prima domanda venga presentata entro 30 giorni dall’accoglimento dell’utente in una struttura, l’integrazione della tariffa avviene dalla data dell’accoglimento. Se una domanda viene presentata entro 30 giorni dalla scadenza della precedente domanda per la stessa compartecipazione tariffaria, l’integrazione decorre dalla data della scadenza della domanda precedente.

(4)  Non sono erogate prestazioni economiche o agevolazioni tariffarie da parte dell’ente pubblico, di importo inferiore agli importi minimi fissati annualmente dalla Giunta provinciale in concomitanza con la determinazione della quota base.

(5)  Salvo quanto previsto al comma 5/bis, la domanda di concessione di prestazioni di assistenza economica sociale o di agevolazione tariffaria è archiviata se non è completa di tutti i dati e i documenti previsti e non è integrata, senza giustificati motivi, entro 15 giorni dalla relativa richiesta. 119)

(5/bis)  Se la domanda di agevolazione tariffaria non è completa di tutti i dati e i documenti relativi ai singoli nuclei familiari collegati, ove sia prevista la loro partecipazione, e la domanda stessa non è integrata, senza giustificati motivi, entro 15 giorni dalla relativa richiesta, la compartecipazione tariffaria è calcolata esclusivamente per i nuclei familiari dichiaranti; la parte residua della tariffa è addebitata ai nuclei familiari non dichiaranti. 120)

(6)  Il nucleo familiare ristretto ed i nuclei familiari collegati, ove prevista la loro partecipazione, devono impegnarsi formalmente, nei confronti dell’ente pubblico competente, a concorrere al pagamento della tariffa non coperta dall’utente stesso, nella misura prevista dal presente regolamento.

(7)  La decisione dell’ente pubblico competente, relativa al pagamento delle tariffe da parte dei singoli nuclei familiari, è valida per un periodo massimo di dodici mesi.

(8)  Nel caso di sostanziali variazioni di entrata, variazioni patrimoniali o delle tariffe nel corso dell’anno, l’ente pubblico competente, su richiesta dell’interessato o di propria iniziativa, può valutare nuovamente la situazione economica e rideterminare la misura dell’intervento. 121) 122)

(9)  Per la determinazione della variazione e per la valutazione della situazione economica di cui al comma 8, il patrimonio attuale è valutato con riferimento alla situazione esistente alla fine del mese precedente a quello in cui è stata presentata la domanda di prestazione. 123) 

118)
L'art. 44, comma 1, è stato così sostituito dall'art. 3, comma 1, del D.P.P. 17 giugno 2014, n. 21.
119)
L'art. 44, comma 5, è stato così sostituito dall'art. 3, comma 2, del D.P.P. 17 giugno 2014, n. 21.
120)
L'art. 44, comma 5/bis, è stato inserito dall'art. 3, comma 3, del D.P.P. 17 giugno 2014, n. 21.
121)
L'art. 44 è stato così sostituito dall'art. 24, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.
122)
Il testo in lingua tedesca del comma 8 dell'art. 44 è stato sostituito dall'art. 9, comma 1, del D.P.P. 11 aprile 2012, n. 12.
123)
L'art. 44, comma 9, è stato aggiunto dall'art. 10, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43, e poi così sostituito dall'art. 7, comma 1, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.

Art. 45 (Dichiarazione sostitutiva)    delibera sentenza

(1)  1. Il richiedente deve dichiarare ai centri competenti i dati necessari per la richiesta delle singole prestazioni ai sensi del presente regolamento non risultanti dalla “Dichiarazione unificata di reddito e patrimonio”, di seguito denominata DURP di cui all’articolo 3 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2. A tal fine presenta una dichiarazione sostitutiva, ai sensi dell’articolo 5 della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, e successive modifiche.

(2)  La dichiarazione sostitutiva dei dati integrativi del nucleo familiare di riferimento è resa e sottoscritta da uno dei suoi componenti; la persona dichiarante è tenuta a comunicare tempestivamente, durante il periodo di concessione, ogni variazione dei requisiti richiesti o dei dati dichiarati intervenuta successivamente alla data della dichiarazione sostitutiva. Per le prestazioni “reddito minimo di inserimento” e “contributo al canone di locazione e per le spese accessorie” tale obbligo di comunicazione vale solamente per le variazioni della composizione del nucleo familiare. 124)

(3)  Il richiedente dichiara altresì di essere a conoscenza del fatto che l’amministrazione può eseguire controlli diretti ad accertare la veridicità dei dati forniti, compresi eventuali controlli presso gli istituti di credito o altri intermediari finanziari; a tal fine il richiedente è tenuto a specificare il codice identificativo degli intermediari finanziari che gestiscono il patrimonio mobiliare.

(4)  Per le prestazioni economiche sociali, si richiede il rilascio di una autocertificazione ai nuclei familiari collegati, solo qualora la loro situazione reddituale o patrimoniale, desunta dalle dichiarazioni rilasciate dal richiedente la prestazione economica stessa, non permetta di escluderne a priori una possibile partecipazione.

(5)  Per i casi di oggettiva comprovata difficoltà nel reperimento dei soggetti appartenenti al nucleo familiare ristretto o ai nuclei familiari collegati o per la loro partecipazione alla tariffa, il comitato tecnico di cui all’articolo 8 può prescindere da essi o stabilire la misura del proprio intervento sulla base dei dati in suo possesso. La decisione deve essere motivata. 125)

(6)  Salvo quanto disposto dall’articolo 44, comma 8, e in deroga a quanto previsto al comma 2 di questo articolo, l’utente con piú di 75 anni di cui all’articolo 19, che chiede le prestazioni di cui all’articolo 19 o 20, non è tenuto a comunicare al distretto competente ogni variazione dei dati dichiarati, intercorsa nel periodo di concessione della prestazione. 126)

massimeT.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 412 del 22.12.2008 - Assistenza e beneficenza - reddito minimo di inserimento - mancata compartecipazione familiari del richiedente - impossibilità acquisizione esatta situazione economica dei medesimi
124)
L'art. 45, comma 2, è stato così sostituito dall'art. 11, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
125)
Il testo tedesco dell'art. 45, comma 5, è stato modificato dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25
126)
L'art. 45 è stato così sostituito dall'art. 10, comma 1, del D.P.P. 11 aprile 2012, n. 12.

Art. 46 (Accertamento)

(1)  L'ente erogatore adotta i propri provvedimenti sulla base delle dichiarazioni fornite dal richiedente; è sua facoltà acquisire d'ufficio elementi valutativi integrativi o di confronto, anche mediante visita domiciliare, informandone l'interessato.

Art. 47 (Controlli)

(1)  Ai fini dell’accertamento della veridicità delle dichiarazioni presentate sono eseguiti controlli sulle dichiarazioni fornite dai beneficiari ai sensi dell’articolo 2, comma 3, e dell’articolo 5, comma 5, della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, e successive modifiche. A tal fine ci si avvale delle informazioni in possesso dell’ente, nonché di quelle di altri enti della pubblica amministrazione o si richiede idonea documentazione atta a dimostrare la completezza e la veridicità dei dati dichiarati. 127)

(2)  Gli enti competenti dispongono la decadenza dai benefici concessi ed il recupero degli stessi, ovvero rideterminano l’entità dell’intervento economico e recuperano le somme erogate in eccesso, aumentate degli interessi legali e delle eventuali spese. Il recupero delle somme è posto a carico in solido dei componenti dei nuclei familiari ristretto e collegati responsabili delle dichiarazioni non veritiere. 128)

127)
L'art. 47, comma 1, è stato così sostituito dall'art. 12, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
128)
L'art. 47 è stato così sostituito dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 15 aprile 2013, n. 11.

Art. 48 (Ricorsi)

(1)  Contro la decisione dell'ente può essere presentato ricorso, entro 45 giorni dalla comunicazione, alla Sezione ricorsi di cui all'articolo 4 della legge provinciale 30 aprile 1991, n. 13, e successive modifiche. 129)

(2)  Il ricorso è ammesso esclusivamente per motivi di legittimità; in caso di suo accoglimento, la sezione ricorsi annulla le decisioni impugnate e provvede nel merito. 130) 

129)
L'art. 48, comma 1, è stato così sostituito dall'art. 13, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
130)
L'art. 48, comma 2, è stato così sostituito dall'art. 26, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

CAPO VI
Norme finali e transitorie

Art. 49 (Abrogazioni)

(1)  Sono abrogate le seguenti disposizioni:

  1. il regolamento di esecuzione all'articolo 2/bis della legge provinciale 26 ottobre, 1973, n. 69 approvato con decreto del Presidente della giunta provinciale 1 febbraio 1991, n. 2;
  2. l'articolo 4 bis del regolamento di esecuzione alla legge provinciale 30 ottobre 1973, n. 77approvato con decreto del Presidente della giunta provinciale 6 marzo 1974, n. 17;
  3. gli articoli 1, 4 e 5 del regolamento di esecuzione a sensi dell'articolo 40/bis della legge provinciale 30 ottobre 1973, n. 77, approvato con decreto del Presidente della giunta provinciale 9 febbraio 1990, n. 5;
  4. l'articolo 6 del regolamento di esecuzione alla legge provinciale 9 aprile 1996, n. 8, approvato con decreto del Presidente della giunta provinciale 30 dicembre 1997, n. 40e successive modifiche;
  5. gli articoli 6 e 10 del regolamento di esecuzione alla legge provinciale 21 dicembre 1987, n. 33, approvato con decreto del Presidente della giunta provinciale 7 agosto 1989, n. 19;131)
  6. il regolamento di esecuzione al comma 7 dell'articolo 1 della legge provinciale 30 giugno 1983, n. 20, approvato con decreto del Presidente della giunta provinciale 19 giugno 1990, n. 13;
  7. il regolamento di esecuzione all'articolo 14 della legge provinciale 30 giugno 1983, n. 20, approvato con decreto del Presidente della giunta provinciale 14 agosto 1992, n. 32;
  8. il decreto del Presidente della giunta provinciale 17 aprile 1972, n. 12concernente la "concessione di contributi assistenziali nei casi di affidamento familiare di bambini subnormali frequentanti le classi speciali".
131)
La lettera e) è stata sostituita dall'art. 19 del D.P.P. 5 settembre 2001, n. 50.

Art. 50 132)

132)
L'art. 50 è stato abrogato dall'art. 31, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

Art. 51 (Norme transitorie)

(1)  Salvo quanto disposto dai punti 6 e 11 dell’allegato A, le disposizioni di modifica al decreto del Presidente della Giunta Provinciale 11 agosto 2000, n. 30, e successive modifiche, si applicano soltanto alle domande presentate per la prima volta ed a tutte le domande presentate dopo la scadenza della domanda precedente, aventi ad oggetto la stessa prestazione. 133) 

Il presente decreto sarà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

133)
L'art. 51 è stato così sostituito dall'art. 27, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.

ALLEGATO A      
Definizione della situazione economica
 delibera sentenza

 

1. Calcolo della situazione economica

1.1 Ai sensi dell’articolo 4, comma 2, del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, il presente regolamento stabilisce i dati integrativi nonché tutte le disposizioni necessarie per il raggiungimento delle finalità delle singole prestazioni regolate dal presente regolamento.

1.2 Per il calcolo delle prestazioni sono considerati i dati della DURP relativa all´ultima dichiarazione presentata al fisco o di altra documentazione sempre relativa al medesimo periodo.

1.3 Ai sensi dell’articolo 10 del decreto di cui sopra, il calcolo si effettua secondo quanto previsto nell’articolo 8 dello stesso decreto.

1/bis Ulteriori elementi posti a riduzione delle entrate del nucleo familiare collegato - primo livello.

1. In deroga a quanto previsto all’articolo 19, lettere c) e d), del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, dalle entrate considerate vanno sottratti, fino ad un importo complessivo massimo di 10.000,00 euro, i seguenti importi, relativi al periodo di calcolo a cui si riferiscono:

  1. il reale ammontare del canone di locazione dell’abitazione principale del nucleo familiare, risultante da contratto scritto registrato al netto delle integrazioni pubbliche;
  2. il reale ammontare delle spese accessorie ordinarie, al netto delle integrazioni pubbliche
  3. il reale ammontare della rata di mutuo ipotecario per la costruzione, l’acquisto e la ristrutturazione dell’abitazione principale del nucleo familiare, al netto delle integrazioni pubbliche. 134)135)

 

2. Valutazione del patrimonio nel primo livello

2.1 Il patrimonio del nucleo familiare è costituito dalla somma degli elementi immobiliari e mobiliari di cui all’articolo 21 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, di ciascun componente familiare.

2.2 Il patrimonio del nucleo familiare di base o del nucleo familiare collegato è valutato nella misura del 20 percento sino ad un importo di euro 50.000,00 oltre la franchigia stabilita e nella misura del 50 percento per l’importo eccedente. 136)

 

3. Ulteriori elementi di entrata nel secondo livello

3.1 In deroga a quanto disposto all’articolo 20 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, i redditi da lavoro dipendente e assimilati sono considerati al 100 percento.

3.2 Oltre ai dati di cui al capo II del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, si rilevano le seguenti entrate:

  1. ogni altro reddito imponibile ai fini delle imposte sul reddito, eccetto le borse di studio erogate dalla Provincia autonoma di Bolzano di cui all’articolo 13, comma 2, lettera a) del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, e successive modifiche; 137)
  2. ogni altra pensione non imponibile ai fini delle imposte sul reddito;
    ogni altro assegno o indennità percepita a titolo della minorazione, comprese quelle percepite dai superstiti, non imponibili ai fini delle imposte sul reddito;
    i redditi dei lavoratori frontalieri e i redditi degli sportivi dilettanti, non già rilevati ai fini della DURP;
    i compensi per prestazioni occasionali di tipo accessorio di cui all’articolo 70 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 e successive modifiche;
  3. il 50 percento delle entrate derivanti dalle indennità corrisposte a scopi socio-pedagogici agli utenti dei progetti di inserimento lavorativo, dei laboratori protetti e riabilitativi, dei centri di training professionale e dei servizi di riabilitazione lavorativa o di altri servizi similari; 138)
  4. ai fini del solo calcolo della tariffa per le strutture per la prima infanzia di cui all’allegato C, l’importo dell’assegno provinciale al nucleo familiare erogato per l’utente del servizio stesso. 139)

3.3 Se l’utente vive in un servizio residenziale per persone con disabilità o malati psichici di cui all’allegato D, il reddito derivante dalla sua attività lavorativa è considerato, esclusivamente ai fini del calcolo della relativa tariffa, soltanto nella misura del 50 percento del suo ammontare. 140)

 

4. Ulteriori elementi di entrata esenti per il secondo livello

4.1 Non sono considerati come elementi di entrata: 141)

  1. il trattamento di fine rapporto (TFR), se riferito a periodi lavorativi superiori ad un anno, che è valutato come patrimonio;
  2. gli arretrati relativi ad anni precedenti all’anno a cui la documentazione si riferisce;
  3. l’indennità di accompagnamento 142) di cui all’articolo 3, comma 1, punto 6, della legge provinciale 21 agosto 1978, n. 46, e successive modifiche;
  4. l’assegno di cura e l’importo aggiuntivo di cui all’articolo 8 della legge provinciale 12 ottobre 2007, n. 9;
  5. in deroga a quanto previsto all’articolo 13, comma 2, lettera f), del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, gli assegni percepiti a titolo di anticipazione ai sensi della legge provinciale 3 ottobre 2003, n. 15, nel calcolo della prestazione anticipazione dell’assegno di mantenimento a tutela del minore.143)

4.2 Nel calcolo delle tariffe per l’utente ospite di un servizio residenziale o semiresidenziale, le entrate di cui al punto 4.1, lettere c) e d), sono escluse soltanto se vengono già usate per il pagamento dei rispettivi servizi.

 

5. Ulteriori elementi posti a riduzione delle entrate nel secondo livello

5.1 In deroga a quanto previsto all’articolo 19, lettere c) e d), del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, dalle entrate considerate vanno sottratti i seguenti importi, relativi al periodo di calcolo a cui si riferiscono:

  1. il canone di locazione di cui alla lettera d) dell’abitazione principale del nucleo familiare, nel suo reale ammontare e al netto delle integrazioni pubbliche, o
  2. il reale ammontare della rata di mutuo ipotecario per la costruzione, l’acquisto e la ristrutturazione dell’abitazione principale del nucleo familiare, al netto delle integrazioni pubbliche. 144)

5.2 Vanno inoltre sottratti i seguenti importi, relativi al periodo di calcolo a cui si riferiscono, salvo che non si tratti della stessa spesa oggetto della richiesta di prestazione: 145)

  1. le spese accessorie ordinarie per l’abitazione principale;
  2. le spese sostenute per il pagamento delle tariffe dei servizi sociali di cui al presente decreto;
  3. l’importo delle spese di frequenza di corsi d’istruzione secondaria ed universitaria, sostenute secondo quanto previsto dal testo unico delle imposte sui redditi;
  4. le spese legali sostenute per vertenze di diritto familiare;
  5. le spese per contributi di previdenza integrativa regionale;
  6. il 50 per cento della quota base per ciascun componente del nucleo familiare con una invalidità civile pari al 100 per cento o una invalidità ad essa equipollente, se tale componente non percepisce l’indennità di accompagnamento di cui all’articolo 3, comma 1, numero 6, della legge provinciale 21 agosto 1978, n. 46, e successive modifiche, o l’assegno di cura di cui all’articolo 8 della legge provinciale 12 ottobre 2007, n. 9, e successive modifiche, e non è ospite di un servizio residenziale. L’equipollenza è determinata dalla Giunta provinciale. 146)

 

6. Riferimenti temporali per i dati di entrata nel secondo livello

6.1 I dati considerati sono quelli della DURP, a meno che, nei tre mesi precedenti alla presentazione della domanda di prestazione, le entrate di cui al decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, e successive modifiche, non siano variate in misura pari o superiore al 30 per cento. 147)

6.2 Ai fini del calcolo di cui al punto 6.1, si raffronta il reddito lordo, rilevato dalla DURP, con la media dei redditi lordi degli ultimi tre mesi. L’importo della tredicesima e quattordicesima mensilità e dei conguagli IRPEF percepiti in riferimento ad un reddito annuale sono ripartiti sui 12 mesi.

6.3 Se dal raffronto di cui al punto 6.2 si evince che i redditi hanno subito una variazione pari o superiore al 30 percento, come base per il calcolo della situazione economica si considerano le entrate nette degli ultimi tre mesi. Le variazioni devono essere adeguatamente documentate. Il calcolo della situazione economica avviene infine sempre considerando tutti gli elementi previsti per le prestazioni di secondo livello. 148)

 

7. Il patrimonio nel secondo livello

7.1 Il patrimonio è costituito dagli elementi immobiliari e mobiliari ai sensi dell’articolo 21 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2.

7.2 In deroga a quanto previsto al punto 7.1:

  1. in deroga alle disposizioni di cui all’articolo 25 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, e successive modifiche, il patrimonio mobiliare deve essere sempre dichiarato per intero; sono considerati patrimonio mobiliare anche gli importi di cui al comma 01 del citato articolo 25, tranne gli importi di cui alla lettera b), qualora l’interessato sia in grado di presentare apposita documentazione che dimostri l’avvenuta destinazione degli stessi per lo scopo previsto; 149)
  2. il patrimonio del nucleo familiare è valutato sommando i valori del patrimonio di ciascuno dei suoi componenti e detraendo una franchigia di euro 20.000,00. Il patrimonio è valutato nella misura del 20 percento sino ad un importo di euro 50.000,00 oltre la franchigia e nella misura del 50 percento per l’importo eccedente.

7.3 Nel caso in cui l’utente sia ospite di un servizio residenziale, il valore del suo patrimonio viene tenuto distinto da quello degli altri componenti e viene valutato come segue:

  1. dal suo patrimonio complessivo viene detratta una franchigia di euro 5.500,00;
  2. la parte eccedente viene valutata in base all’età dell’utente al 31 dicembre dell’anno precedente, secondo le seguenti quote:

 

 

 

Età dell'utente

Quota patrimonio

da 0 a 20

5%

da 21 a 30

10%

da 31 a 40

15%

da 41 a 45

20%

da 46 a 50

25%

da 51 a 53

30%

da 54 a 56

35%

da 57 a 60

40%

da 61 a 63

45%

da 64 a 66

50%

da 67 a 69

55%

da 70 a 72

60%

da 73 a 75

65%

da 76 a 78

70%

da 79 a 82

75%

da 83 a 86

80%

da 87 a 92

85%

da 93 a 99

90%

oltre 99

95%.

7.4 Nel caso di un utente ospite di una struttura residenziale da oltre un anno, la prima casa o abitazione di proprietà o un diritto reale di godimento su un’abitazione, anche se si tratta solo di porzioni, è oggetto di ipoteca secondo le modalità previste dall’articolo 6, qualora sussista una delle seguenti circostanze:

  1. l’utente non ha un nucleo familiare ristretto o collegato;
  2. il nucleo familiare ristretto e i nuclei familiari collegati possiedono già una prima casa o abitazione di proprietà.
    L’ipoteca è estinta senza il recupero di alcun credito da parte dell’ente, nel caso in cui l’utente stesso venga dimesso dalla struttura e riprenda a risiedere in autonomia.

 

8. Dati di entrata integrativi nel terzo livello e relativa valutazione

8.1 Oltre ai dati di cui al capo II del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, è rilevata ogni altra entrata ancorché fiscalmente non rilevante.

8.2 In deroga a quanto disposto all’articolo 20 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, i redditi da lavoro dipendente e assimilati sono considerati al 100 percento.

8.3 Sono considerati nella misura del 50 percento le seguenti entrate:

  1. le entrate derivanti dalle indennità corrisposte a scopi socio-pedagogici agli utenti dei progetti d’inserimento lavorativo, dei laboratori protetti e riabilitativi, dei centri di training professionale e dei servizi di riabilitazione lavorativa o di altri servizi similari; 150)
  2. l’indennità di accompagnamento  151) di cui all’articolo 3, comma 1, punto 6, della legge provinciale 21 agosto 1978, n. 46, e successive modifiche, salvo che l’interessato sia in grado di presentare apposita documentazione che dimostri l’utilizzo di un importo maggiore per prestazioni di cura;
  3. l’assegno di cura di cui all’articolo 8 della legge provinciale 12 ottobre 2007, n. 9, salvo che l’interessato sia in grado di presentare apposita documentazione che dimostri l’utilizzo di un importo maggiore per prestazioni di cura.

8.4 Sono considerate nella misura del 20 percento:

  1. le entrate derivanti da compensi per gli affidamenti familiari.

 

9. Ulteriori elementi di entrata esenti nel terzo livello

9.1 Non sono considerati come elementi di entrata:

  1. il trattamento di fine rapporto (TFR), se riferito a periodi lavorativi superiori ad un anno, che è valutato come patrimonio,
  2. gli importi erogati occasionalmente da un ente caritativo riconosciuto.

9.2 In deroga a quanto previsto al punto 8.3 e al punto 8.4, per il calcolo della prestazione "contributo al canone di locazione e per le spese accessorie" non si considerano le entrate ivi elencate. 152)

 

10. Ulteriori elementi posti a riduzione delle entrate nel terzo livello

10.1 In deroga a quanto previsto all’articolo 19, comma 1, lettere b), c) e d) del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, dalle entrate considerate vanno sottratti i seguenti importi, relativi al periodo cui il calcolo si riferisce:

  1. le spese mediche di cui all’articolo 19, comma 1, lettera b) del decreto di cui sopra, anche se non risultanti dalla dichiarazione dei redditi;
  2. il reale ammontare della rata di mutuo ipotecario per la costruzione, l’acquisto e la ristrutturazione dell’abitazione principale del nucleo familiare, entro i limiti massimi stabiliti dalla Giunta provinciale e al netto delle integrazioni pubbliche, o 153)
  3. il canone di locazione di cui all’articolo 19, lettera d) del decreto di cui sopra, dell’abitazione principale del nucleo familiare, nel suo reale ammontare, entro i limiti massimi stabiliti dalla Giunta provinciale e al netto delle integrazioni pubbliche.

10.2 Vanno inoltre sottratti i seguenti importi, relativi al periodo cui il calcolo si riferisce:

  1. le spese accessorie ordinarie per l’abitazione principale;
  2. il 50 per cento della quota base per ciascun componente del nucleo familiare con una invalidità civile pari al 100 per cento o una invalidità ad essa equipollente, se tale componente non percepisce l’indennità di accompagnamento di cui all’articolo 3, comma 1, numero 6, della legge provinciale 21 agosto 1978, n. 46, e successive modifiche, o l’assegno di cura di cui all’articolo 8 della legge provinciale 12 ottobre 2007, n. 9, e successive modifiche, e non è ospite di un servizio residenziale. L’equipollenza è determinata dalla Giunta provinciale. 154)
  3. un importo annuale di 1.900,00 euro in caso di genitore singolo con un figlio minorenne, qualora si tratti di un nucleo familiare composto da due persone ai sensi del presente decreto. 155)

10.3 In deroga a quanto previsto al punto 10.1, per il calcolo delle prestazioni "reddito minimo di inserimento", "contributo al canone di locazione e per le spese accessorie" e "prestazione specifica" non sono deducibili le spese di cui al punto 10.1, lettere b) e c), e di cui al punto 10.2, lettera a). L’importo di cui al punto 10.2, lettera c), è deducibile esclusivamente per la prestazione "contributo al canone di locazione e per le spese accessorie. 156)

 

11. Riferimenti temporali per i dati di entrata nel terzo livello:

11.1 I dati considerati sono quelli di cui al decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, e successive modifiche, risultanti dalla DURP o da altra dichiarazione relativa al medesimo periodo, a meno che, nei tre mesi precedenti alla presentazione della domanda di prestazione, le entrate di cui al decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, e successive modifiche, non siano variate in misura pari o superiore al 10 per cento. 157)

11.2 Ai fini del calcolo di cui al punto 11.1 si raffronta il reddito lordo rilevato ai sensi del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, e successive modifiche, risultante dalla DURP o da altra dichiarazione relativa al medesimo periodo, detratte l’IRPEF, le relative addizionali e l’IRAP dovuta come persona fisica, con la media dei redditi netti degli ultimi tre mesi. 157)

11.3 Se dal raffronto di cui al punto 11.2 si evince che i redditi hanno subito una variazione pari o superiore al dieci percento, come base per il calcolo della situazione economica si considerano le entrate nette degli ultimi tre mesi. Le variazioni devono essere adeguatamente documentate. Il calcolo della situazione economica avviene infine sempre considerando tutti gli elementi previsti per le prestazioni di terzo livello.

11.4 In deroga a quanto previsto ai punti da 11.1 a 11.3, per i nuclei familiari di fatto che, al momento della presentazione della domanda di reddito minimo di inserimento, percepiscono già tale prestazione, si considerano solo le entrate nette dell’ultimo mese.

11.5 In deroga a quanto previsto ai punti da 11.1 a 11.3, per la prestazione di cui all’articolo 20 si considerano sempre i dati di cui al decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, e successive modifiche, risultanti dalla DURP o da altra dichiarazione relativa al medesimo periodo, aggiungendo tutti gli elementi previsti per le pre-stazioni di terzo livello riferiti al medesimo periodo, a meno che non si tratti di una situazione persona-le o familiare eccezionale, accertata dal distretto sociale competente. Solo in questo caso si appli-cano le disposizioni di cui ai punti da 11.1 a 11.3. 158)159)

 

12. Patrimonio nel terzo livello

12.1 Il patrimonio è costituito dagli elementi immobiliari e mobiliari di cui all’articolo 21 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2.

12.2 In deroga alle disposizioni di cui al punto 12.1:

  1. il patrimonio è valutato con riferimento alla situazione esistente alla fine del mese precedente a quello in cui viene presentata la domanda di prestazione e secondo quanto previsto al punto 13.1;
  2. in deroga alle disposizioni di cui all’articolo 25 del decreto del Presidente della Provincia 11 gennaio 2011, n. 2, e successive modifiche, il patrimonio mobiliare deve essere sempre dichiarato per intero; sono considerati patrimonio mobiliare anche gli importi di cui al comma 01 del citato articolo 25, tranne gli importi di cui alla lettera b), qualora l’interessato sia in grado di presentare apposita documentazione che dimostri l’avvenuta destinazione degli stessi per lo scopo previsto; 160)
  3. dalla somma del patrimonio complessivo del nucleo familiare si detrae una franchigia di euro 2.000,00. Il patrimonio complessivo del nucleo familiare corrisponde alla somma di tutti gli elementi patrimoniali dei componenti del nucleo;
  4. per la prestazione di cui all'articolo 20 "contributo al canone di locazione e per le spese accessorie" si applica il seguente calcolo:
  1. per nuclei familiari costituiti da un unico componente si detrae una franchigia di 10.000,00 euro dalla somma del patrimonio complessivo. Il patrimonio è valutato nella misura del 20 per cento per l’importo eccedente la franchigia fino a 60.000,00 euro e nella misura del 50 per cento per l'importo oltre i 60.000,00 euro;
  2. per nuclei familiari costituiti da due o più componenti si detrae una franchigia di 20.000,00 euro dalla somma del patrimonio complessivo. Il patrimonio è valutato nella misura del 20 per cento per l’importo eccedente la franchigia fino a 70.000,00 euro e nella misura del 50 percento per l'importo oltre i 70.000,00 euro. Il patrimonio complessivo del nucleo familiare corrisponde alla somma di tutti gli elementi patrimoniali dei componenti del nucleo. 161)

 

13. Considerazione di elementi di entrata e patrimoniali per i diversi componenti

13.1 Al fine del calcolo delle prestazioni di assistenza economica sociale del terzo livello, le entrate e il patrimonio dei singoli componenti familiari si considerano come segue:

  1. il 60 percento degli elementi di entrata e patrimoniali dei discendenti dell’utente e/o del suo coniuge o partner;
  2. il 100 percento degli elementi di entrata e patrimoniali dell’utente e del suo coniuge o partner e di tutti gli altri componenti del nucleo familiare di fatto. 162)163)

 

 

massimeT.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 441 del 21.12.2005 - Prestazioni sanitarie - spese mediche private - possibilità di assistenza sanitaria da parte strutture pubbliche - nessun rimborso - prestazione sociale di natura economica -reddito dei genitori
massimeDelibera N. 3750 del 09.10.2000 - Criteri correttivi per la valutazione del reddito da lavoro autonomo individuale e da impresa individuale, da partecipazione in società di persone ed equiparate e associazioni in partecipazione
massimeDelibera N. 3753 del 09.10.2000 - Approvazione delle direttive per il calcolo dei redditi da agricoltura e silvicoltura per la concessione di prestazioni di assistenza economica sociale; allegato A, punto 2.2 del Decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 agosto 2000, nr. 30
massimeT.A.R. di Bolzano - Sentenza N. 140 del 11.05.1999 - Assistenza pubblica - prestazione di minimo vitale - calcolo delle c.d. eccedenze Atto amministrativo - motivazione in precedenti atti del procedimento
134)
Il punto 1/bis dell'allegato A è stato inserito dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2012, n. 1, poi sostituito dall'art. 11, comma 1, del D.P.P. 11 aprile 2012, n. 12.
135)
La lettera c) del numero 1 del punto 1/bis dell'allegato A, è stata così sostituita dall'art. 8, comma 1, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
136)
Il punto 2.2. dell'allegato A è stato così sostituito dall'art. 8, comma 2, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
137)
La lettera a) del punto 3.2. dell'allegato A è stata così sostituita dall'art. 14, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
138)
La lettera c) del punto 3.2 dell'allegato A è stata prima sostituita dall'art. 8, comma 3, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2, e successivamente dall'art. 14, comma 2, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
139)
Il punto 3.2 dell'allegato A è stato così sostituito dall'art. 2, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2012, n. 1.
140)
Il punto 3.3 dell'allegato A è stato così sostituito dall'art. 14, comma 3, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
141)
Il testo in lingua italiana della rubrica del punto 4.1 dell'allegato A, è stato così sostituito dall'art. 12, comma 1, del D.P.P. 11 aprile 2012, n. 12.
142)
Il punto 4.1, lettera c) dell'allegato A, il termine "assegno di accompagnamento" è stato sositituito dal termine "indennità di accompagnamento", dall'art. 16, comma 2, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
143)
La lettera e) del punto 4.1 dell'allegato A è stata aggiunta dall'art. 11, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.
144)
La lettera b) del punto 5.1 dell'allegato A, è stata così sostituita dall'art. 8, comma 4, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
145)
La frase introduttiva del punto 5.2 dell'allegato A è stata così sostituita dall'art. 8, comma 5, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
146)
La lettera f) del punto 5.2 dell'allegato A, è stata prima sostituita dall'art. 4, comma 1, del D.P.P. 17 giugno 2014, n. 21, e successivamente dall'art. 14, comma 4, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
147)
Il punto 6.1 dell'allegato A è stato così sostituito dall'art. 2, comma 1, della L.P. 15 aprile 2013, n. 11.
148)
Il punto 6 dell'allegato A è stato così sostituito dall'art. 12, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.
149)
La lettera a) del punto 7.2 dell'allegato A è stata così sostituita dall'art. 14, comma 5, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
150)
La lettera a) del punto 8.3 dell'allegato A è stata prima sostituita dall'art. 8, comma 6, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2, e successivamente dall'art. 14, comma 6, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
151)
Il punto 8.3, lettera b) dell'allegato A, il termine "assegno di accompagnamento" è stato sositituito dal termine "indennità di accompagnamento", dall'art. 16, comma 2, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
152)
Il punto 9.2. dell'allegato A è stato aggiunto dall'art. 13, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.
153)
La lettera b) del punto 10.1 dell'allegato A, è stata così sostituita dall'art. 8, comma 7, del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
154)
La lettera b) del punto 10.2 dell'allegato A, è stata prima sostituita dall'art. 4, comma 2, del D.P.P. 21 giugno 2014, n. 21, e successivamente dall'art. 14, comma 7, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
155)
La lettera c) del punto 10.2 dell'allegato A, è stata aggiunta dall'art. 4, comma 3, del D.P.P. 21 giugno 2014, n. 21.
156)
Il punto 10.3 dell'allegato A è stato prima sostituito dall'art. 14, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43, e poi dall'art. 4, comma 4, del D.P.P. 17 giugno 2014, n. 21.
157)
I punti 11.1 e 11.2 dell'allegato A sono stati così sostituiti dall'art. 3, comma 1, del D.P.P. 15 aprile 2013, n. 11.
158)
Il punto 11 è stato prima sostituito dall'art. 3, comma 1, del D.P.P. 4 gennaio 2012, n. 1, e poi dall'art. 15, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.
159)
Il punto 11.5 è stato così sostituito dall'art. 3, comma 2, del D.P.P. 15 aprile 2013, n. 11.
160)
La lettera b) del punto 12.2 dell'allegato A, è stata così sostituita dall'art. 14, comma 8 del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.
161)
Il punto 12.2. dell'allegato A è stato così sostituito dall'art. 16, comma 1, del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43.
162)
L'allegato A è stato così sostituito dall'art. 28, comma 1, del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28.
163)
Il punto 13.1 è stato così sostituito dall'art. 14, comma 9, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.

ALLEGATO B (articolo 39)  164)

 

Anlage B (Artikel 39 und 39/bis) / Allegato B (articoli 39 e 39/bis)

1.

2.

3.

FAKTOR WIRTSCHAFTLICHE LAGE FÜR DIE ZAHLUNG DER TARIFE FÜR DIE HAUSPFLEGE UND DIE SOZIALMENSA

 

Faktor wirtschaftliche Lage für die Zahlung des Mindesttarifs

Faktor wirtschaftliche Lage  für die Zahlung des Höchsttarifs

VALORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER IL PAGAMENTO DELLE TARIFFE DI ASSISTENZA DOMICILIARE E DELLA MENSA SOCIALE

Valore della situazione economica per il pagamento della tariffa minima

Valore della situazione economica per il pagamento della tariffa massima

Hauspflege – Leistungen zu Hause

Assistenza domiciliare – Prestazioni a domicilio

 

4,5

Dienstgutscheine

Buoni servizio

 

4,5

Hauspflege – Leistungen in der Tagesstätte

Assistenza domiciliare – Prestazioni presso il centro diurno

 

 

Bad/Dusche mit Betreuung

Bagno/doccia con assistenza

 

0,0

2,5

Bad/Dusche ohne Betreuung

Bagno/doccia senza assistenza

 

0,0

2,5

Haarwäsche

Lavaggio capelli

 

0,0

2,5

Fußpflege

Pedicure

 

0,0

2,5

Wäschereinigung

Lavaggio biancheria

 

0,0

2,5

Hauspflege – Essen auf Rädern

Assistenza domiciliare – Pasto a domicilio

 

 

Mahlzeit volles Menü mit Zustellung daheim

Pasto – menu completo con fornitura a domicilio

 

1,1

4,5

Mahlzeit volles Menü ohne Zustellung daheim

Pasto – menu completo senza fornitura a domicilio

 

1,1

4,5

 

Mahlzeit nur Vorspeise mit Zustellung daheim

Pasto – solo primo piatto con fornitura a domicilio

 

 

1,1

 

4,5

Mahlzeit nur Vorspeise ohne Zustellung daheim

Pasto – solo primo piatto senza fornitura a domicilio

 

1,1

4,5

Mahlzeit nur Hauptspeise mit Zustellung daheim

Pasto – solo secondo piatto con fornitura a domicilio

 

1,1

4,5

Mahlzeit nur Hauptspeise ohne Zustellung daheim

Pasto – solo secondo piatto senza fornitura a domicilio

 

1,1

4,5

Sozialmensa – Mensa für Senioren

Mensa sociale – mensa per anziani

 

0,0

1,5

 

 

164)
L'allegato B è stato sostituito dall'art. 2 del D.P.P. 19 giugno 2001, n. 34, dall'art. 27, comma 1, (allegato A) del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21, e dall'art. 9, comma 1 (allegato A), del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2, ed infine dall'art. 15, comma 1, del D.P.P. 8 agosto 2016, n. 25.

ALLEGATO C (articolo 40) 165)

 

1.

PERSÖNLICH VERFÜGBARER BETRAG UND EINKOMMENSANTEIL ZUR TARIFBEGLEICHUNG DERTEILSTATIONÄREN DIENSTE

 

CONDIZIONE ECONOMICA GARANTITA E PERCENTUALE DI CONSUMO DELL’ECCEDENZA PER IL PAGAMENTO DEI SERVIZI SEMIRESIDENZIALI

2.

Engere Familiengemeinschaft

Nucleo familiare ristretto

3.

Erweiterte Familiengemeinschaft

Nucleo familiare collegato

Persönlich verfügbarer Betrag

Condizione economica garantita

Einkommensanteil zur Tarifbegleichung

Percentuale di consumo dell’eccedenza

Persönlich verfügbarer Betrag

Condizione economica garantita

Einkommensanteil zur Tarifbegleichung

Percentuale di consumo dell’eccedenza

Tagespflegeheim

Centro di assistenza diurna

 

1,0

70

/

/

Tagespflege für Senioren in den Altersheimen

Assistenza diurna per anziani nelle case di riposo

 

1,0

70

/

/

Sozialpädagogische Tagesförderstätte für Menschen mit Behinderungen

Centro diurno sociopedagogico per persone con disabilità

 

/

/

/

/

Tagesförderstätte für psychisch kranke Menschen

Centro diurno sociopedagogico per malati psichici

 

/

/

/

/

Niederschwellige Tagesstätte für suchtkranke Menschen

Centro diurno a bassa soglia per persone affette da dipendenza

 

/

/

/

/

Treffpunkt für psychisch kranke Menschen

Punto d’incontro per malati psichici

 

/

/

/

/

Geschützte Werkstätte für Menschen mit Behinderungen

Laboratorio protetto per persone con disabilità

 

/

/

/

/

Geschützte Werkstätte für suchtkranke Menschen

Laboratorio protetto per persone affette da dipendenza

 

/

/

/

/

Rehawerkstätte/polivalente Zielgruppe

Laboratorio riabilitativo/target polivalenti

 

/

/

/

/

Berufstrainingszentren für psychisch kranke Menschen

Centri di training professionale per malati psichici

 

/

/

/

/

Teilzeitige familiäre Anvertrauung von Erwachsenen

Affidamento familiare a tempo parziale di persone adulte

 

1,5

50

/

/

Teilzeitige familiäre Anvertrauung von Minderjährigen

Affidamento familiare a tempo parziale di minori

 

1,5

50

/

/

Sozialpädagogische Tagesstätte für Minderjährige

Centro diurno sociopedagogico per minori

 

1,5

50

/

/

Integrierte sozialpädagogische Tagesstätte für Minderjährige

Centro diurno sociopedagogico integrato per minori

 

1,5

50

/

/

Kinderhort

Asilo nido

 

1,5

50

/

/

Kinderhort beim Landeskleinkinderheim (Lkkh)

Asilo nido presso l’Istituto provinciale per l’assistenza all’infanzia (IPAI)

 

1,5

50

/

/

Tagesstätte zur Förderung der Elternschaft im Landeskleinkinderheim (Lkkh)

Centro diurno per il sostegno alla genitorialità presso l’Istituto provinciale per l’assistenza all’infanzia (IPAI)

 

2

50

/

/

Kindertagesstätte

Microstrutture per la prima infanzia

 

1,5

50

/

/

Tagesmütterdienst/Tagesväterdienst

Servizio di assistenza domiciliare all’infanzia

1,5

50

/

/

 

165)
L'allegato C è stato sostituito dall'art. 12 del D.P.P. 16 luglio 2002, n. 26, modificato dall'art. 13 del D.P.P. 7 settembre 2005, n. 43, e dall'art. 10, comma 4, del D.P.P. 5 marzo 2008, n. 10, poi sostituito dall'art. 28, comma 1 (allegato B), dal D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21, e dall'art. 10, comma 1 (allegato B), del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.

Allegato D (articolo 41) 166)

 

 

PERSÖNLICH VERFÜGBARER BETRAG UND EINKOMMENSANTEIL ZUR TARIFBEGLEICHUNG DERSTATIONÄREN DIENSTE

 

CONDIZIONE ECONOMICA GARANTITA E PERCENTUALE DI CONSUMO DELL’ECCEDENZA PER IL PAGAMENTO DEI SERVIZI RESIDENZIALI

1.

Artikel 21

Articolo 21

2.

Nutzer

Utente

3.

Engere Familiengemeinschaft

Nucleo familiare ristretto

4.

Erweiterte Familiengemeinschaft

Nucelo familiare collegato

Taschengeld

Assegno per le piccole spese personali

Persönlich verfügbarer Betrag

Condizione economica garantita

Einkommensanteil zur Tarifbegleich-ung

Percentuale di consumo dell’eccedenza

Persönlich verfügbarer Betrag

Condizione economica garantita

Einkommensanteil zur Tarifbegleichung

Percentuale di consumo dell’eccedenza

Persönlich verfügbarer Betrag

Condizione economica garantita

Einkommensanteil zur Tarifbegleichung

Percentuale di consumo dell’eccedenza

Alters- oder Pflegeheim

Casa di riposo o centro di degenza

 

0,5

0,5

100

1,5

85

1,5

30

Begleitetes Wohnen für Senioren ohne Mahlzeit

Accompagnamento abitativo per anziani – senza vitto

 

1

1,22

80

1,5

80

1,5

30

Betreutes Wohnen, teilweise betreutes Wohnen für Senioren mit Mahlzeit

Assistenza abitativa, assistenza abitativa parziale per anziani – con vitto

 

1

0,9

80

1,5

80

1,5

30

Wohnheim für Menschen mit Behinderungen*

Convitto per persone con disabilità*

 

0,5

0,9

90

1,5

80

2,5

20

Heim für Menschen mit Behinderungen*

Istituto per persone con disabilità*

 

0,5

0,9

90

1,5

80

2,5

20

Wohngemeinschaft für Menschen mit Behinderungen ohne Mahlzeit

Comunità alloggio per persone con disabilità – senza vitto

 

1

1

80

1,5

80

2,5

20

Wohngemeinschaft für Menschen mit Behinderungen mit Mahlzeit*

Comunità alloggio per persone con disabilità – con vitto*

 

0,8

0,9

90

1,5

80

2,5

20

Wohngemeinschaft für psychisch kranke Menschen ohne Mahlzeit

Comunità alloggio per malati psichici – senza vitto

 

1

1

80

1,5

80

2,5

10

Wohngemeinschaft für psychisch kranke Menschen mit Mahlzeit*

Comunità alloggio per malati psichici – con vitto*

 

0,8

0,9

90

1,5

80

2,5

10

Wohngemeinschaft für suchtkranke Menschen ohne Mahlzeit

Comunità alloggio per persone affette da dipendenza – senza vitto

 

1

1

80

1,5

80

2,5

10

Wohngemeinschaft für suchtkranke Menschen mit Mahlzeit*

Comunità alloggio per persone affette da dipendenza – con vitto*

 

0,8

0,9

90

1,5

80

2,5

10

Wohngemeinschaft/polivante Zielgruppe – ohne Mahlzeit

Comunità alloggio/target polivalenti – senza vitto

 

1

1

80

1,5

80

2,5

10

Wohngemeinschaft/polivante Zielgruppe mit Mahlzeit*

Comunità alloggio/target polivalenti – con vitto*

 

0,8

0,9

90

1,5

80

2,5

10

Trainingswohnung

Centro di addestramento abitativo

 

1

1

80

1,5

70

2,5

10

Ferienaufenthalte

Soggiorni fuori sede

 

0,5

0,9

90

1,5

80

2,5

20

Vollzeitige familiäre Anvertrauung von Erwachsenen

Affidamento familiare a tempo pieno di persone adulte

 

0,5

0,9

80

1,5

80

2,5

10

Vollzeitige familiäre Anvertrauung von Minderjährigen

Affidamento familiare a tempo pieno di minori

 

0,5

1

80

2

80

/

/

Sozialpädagogische Wohngemeinschaft für Minderjährige

Comunità alloggio sociopedagogica per minori

 

0,5

1

80

2

80

/

/

Integrierte sozialpädagogische Wohngemeinschaft für Minderjährige

Comunità alloggio sociopedagogica integrata per minori

 

0,5

1

80

2

80

/

/

Sozialtherapeutische Wohngemeinschaft für Minderjährige

Comunità alloggio socioterapeutica per minori

 

0,5

1

80

2

80

/

/

Familienähnliche Einrichtung/Familiäre Wohngruppe für Minderjährige

Comunità di tipo familiare/Casa famiglia per minori

 

0,5

1

80

2

80

/

/

Betreutes Wohnen für Minderjährige

Residenza assistita per minori

 

0,8

1

80

2

80

/

/

Kleinkinder (0-3 Jahre) im Landeskleinkinderheim (Lkkh)

Minori (0-3 anni) presso l’Istituto provinciale per l’assistenza all’infanzia (IPAI)

 

0,5

1

80

2

80

/

/

Frauenhaus – mit Mahlzeit

Casa delle donne – con vitto

 

0,8

/

/

1,8

80

/

/

Geschützte Wohnungen mit Mahlzeit

Alloggi protetti con vitto

 

0,8

/

/

1,8

80

/

/

Schwangere oder Mütter mit Kindern im Landeskleinkinderheim (Lkkh)

Gestanti o madri con figli presso l’Istituto provinciale per l’assistenza all’infanzia (IPAI)

 

1

/

/

2

80

/

/

Haus Rainegg

Casa Rainegg

 

1

/

/

2

80

/

/

* Sobald der Nutzer 60 Jahre alt wird, erfolgt die Berechnung der Tarifbeteiligung nach den Parametern der Leistung „Alters- oder Pflegeheime“

Al compimento dei 60 anni degli utenti il calcolo della partecipazione avviene con i parametri della prestazione "Casa di riposo o centro di degenza”

 

 

 

 

 

 

166)
L'allegato D è stato sostituito dall'art. 13 del D.P.P. 16 luglio 2002, n. 26, dall'art. 29, comma 1, (allegato C) del D.P.P. 6 maggio 2008, n. 21, dall'art. 30, comma 1 (allegato B), del D.P.P. 20 luglio 2011, n. 28, dall'art. 17, comma 1, (allegato A), del D.P.P. 3 dicembre 2012, n. 43, ed infine dall'art. 11, comma 1 (allegato C), del D.P.P. 7 gennaio 2014, n. 2.
indice
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionA Assistenza agli anziani
ActionActionB Servizio consultoriale per le famiglie
ActionActionC Asili nido - Assistenza domiciliare per l' infanzia
ActionActionD Famiglia, donne e gioventù
ActionActionE Provvidenze per le persone disabili
ActionActionF Interventi in materia di dipendenze
ActionActionG Interventi per gli invalidi civili e le persone non autosufficienti
ActionActionH Assistenza economica di base
ActionActionI Cooperazione allo sviluppo
ActionActionJ Servizi sociali
ActionActiona) Legge provinciale 30 aprile 1991, n. 13
ActionActionb) LEGGE PROVINCIALE 10 dicembre 1992, n. 43 —
ActionActionc) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 11 agosto 2000, n. 30
ActionActionNorme generali
ActionActionClassificazione delle prestazioni
ActionActionPrestazioni di assistenza economica sociale
ActionActionCriteri generali per il pagamento delle tariffe
ActionActionDel procedimento
ActionActionNorme finali e transitorie
ActionActionDefinizione della situazione economica
ActionActionALLEGATO B (articolo 39)  
ActionActionALLEGATO C (articolo 40)
ActionActionAllegato D (articolo 41)
ActionActiond) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA 7 febbraio 2007, n. 14
ActionActione) Decreto del Presidente della Provincia 10 settembre 2009 , n. 42
ActionActionf) Decreto del Presidente della Provincia 20 luglio 2011 , n. 28
ActionActiong) Decreto del Presidente della Provincia 4 gennaio 2012, n. 1
ActionActionh) Decreto del Presidente della Provincia 3 giugno 2013, n. 13
ActionActioni) Decreto del Presidente della Provincia 21 ottobre 2013, n. 29
ActionActionK Previdenza integrativa
ActionActionL Volontariato
ActionActionM Emigrati
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico