In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

e) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 13 dicembre 1990, n. 331)
Regolamento per la somministrazione di alimenti e bevande presso le Scuole professionali alberghiere della Provincia

Visualizza documento intero
1)

Pubblicato nel B.U. 5 febbraio 1991, n. 6.

Art. 1  delibera sentenza

(1) La preparazione, il confezionamento, la distribuzione e il servizio a tavola di alimenti e bevande rientrano nei programmi didattico-formativi delle scuole provinciali alberghiere.

(2) Dell'ambito di tali programmi, e nei limiti delle disponibilità degli alimenti e delle bevande oggetto delle esercitazioni pratiche, sono ammessi al consumo gratuito dei medesimi:

  • a)  i partecipanti agli esami di fine apprendistato, di qualificazione professionale, e di maestro artigiano (esaminandi e loro familiari, esaminatori, osservatori);
  • b)  gli invitati in occasione di speciali ricorrenze o manifestazioni indette dalla scuola: festa natalizia, cerimonia di consegna dei diplomi, giornate gastronomiche tipiche, gare di bravura tra gli allievi;
  • c)  scolaresche e loro accompagnatori in visita alla scuola, ai fini dell' approfondimento delle scelte professionali;
  • d)  esperti e conferenzieri chiamati a tenere lezioni o relazioni nell' ambito dei corsi, delle attività didattico-formative o di programmazione indette dalla scuola;
  • e)  altre persone presenti nella scuola, per motivi di servizio, di lavoro o di consulenza.

(3) Nell'ambito dei programmi didattico-formativi, e di intesa con la direzione della scuola, possono essere ammessi a consumare i pasti, al prezzo di costo degli alimenti e bevande somministrate:

  • a)  gli ispettori, direttori ed insegnanti delle scuole di formazione professionale;
  • b)  gli ex allievi ed i partecipanti a visite guidate nella scuola, per finalità di formazione o di qualificazione professionale;
  • c)  i partecipanti a pranzi ufficiali o manifestazioni promozionali o di rappresentanza, indetti da membri della Giunta provinciale, con oneri a carico dell' amministrazione.

(4) Nell'ambito dei programmi didattico-formativi, e d'intesa con la direzione della scuola, possono essere somministrati alimenti e bevande a richiesta di terzi, dietro pagamento del corrispettivo da concordarsi con la direzione della scuola, in misura non inferiore al prezzo di costo degli alimenti e bevande impiegati, maggiorata dal 30% al 100%, a seconda dell'incidenza delle spese generali.

(5) Sono fatte salve le esenzioni e le rette per vitto disposte in favore delle categorie di persone indicate nell'articolo 3 del regolamento approvato con decreto del Presidente della giunta provinciale 20 febbraio 1974, n. 15.

massimeDelibera N. 799 del 11.03.2002 - Determinazione dei corrispettivi per vitto e alloggio nelle scuole professionali provinciali e nei confitti annessi
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionA Ordinamento della formazione professionale
ActionActiona) Legge provinciale 7 ottobre 1955, n. 3
ActionActionb) Legge provinciale 27 novembre 1967, n. 15
ActionActionc) Legge provinciale 10 agosto 1977, n. 29
ActionActiond) Legge provinciale 15 luglio 1981, n. 20
ActionActione) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 13 dicembre 1990, n. 33
ActionActionArt. 1
ActionActionf) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 14 dicembre 1990, n. 34
ActionActiong) Legge provinciale 12 novembre 1992, n. 40
ActionActionh) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 9 settembre 1993, n. 35
ActionActioni) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 22 dicembre 1994, n. 63
ActionActionj) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 25 novembre 1996, n. 45
ActionActionk) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 15 marzo 1999, n. 11
ActionActionl) Decreto del Presidente della Provincia 31 luglio 2006, n. 38 —
ActionActionm) Legge provinciale 14 marzo 2008, n. 2
ActionActionn) Decreto del Presidente della Provincia 10 settembre 2013, n. 25
ActionActiono) Decreto del Presidente della Provincia 16 agosto 2018, n. 22
ActionActionp) Decreto del Presidente della Provincia 4 settembre 2018, n. 23
ActionActionB Formazione nel settore sanitario
ActionActionC Corsi di diploma nel settore sociale
ActionActionD Riconoscimento delle qualifiche professionali
ActionActionE Provvidenze per la formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico