In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 16 luglio 2019, n. 597
Approvazione dei criteri per la concessione di contributi a favore delle imprese distributrici di energia elettrica per allacciamenti alla rete elettrica (modificata con delibera n. 149 del 08.03.2022)

...omissis...

1) di approvare i criteri per la concessione di contributi a favore delle imprese distributrici di energia elettrica per allacciamenti alla rete elettrica di cui all’Allegato A che costituisce parte integrante della presente deliberazione;

2) i criteri approvati con la presente deliberazione si applicano anche alle domande di contributo già inoltrate e non ancora approvate;

3) A partire dal 8 marzo 2022 sono sospesi i contributi per gli interventi di cui all’articolo 1, comma 1, lettera b).

La deliberazione della Giunta provinciale n. 596 del 19 giugno 2018 è revocata.

Di provvedere alla pubblicazione della presente deliberazione nel Bollettino Ufficiale della Regione ai sensi dell’articolo 2 comma 1 della Legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17.

Allegato A

Criteri per la concessione di contributi a favore delle imprese distributrici di energia elettrica per allacciamenti alla rete elettrica

Articolo 1
Ambito di applicazione

1. I presenti criteri disciplinano, in attuazione dell’articolo 2 della legge provinciale 7 luglio 2010, n. 9, e successive modifiche, la concessione di contributi per

a) nuovi allacciamenti di malghe e rifugi, qualora non sia possibile una forma di approvvigionamento di energia elettrica più economica e rispettosa dell’ambiente;

b) nuovi allacciamenti, sostituzione o potenziamento di impianti di distribuzione di energia elettrica nelle zone rurali;

c) interramento di linee aeree a media e bassa tensione nei Parchi naturali, nel Parco Nazionale dello Stelvio e nei siti Rete Natura 2000;

d) ripristino di allacciamenti alla rete elettrica in seguito a calamità naturali.

Articolo 2
Definizioni

1. Per l’attuazione dei presenti criteri si applicano le seguenti definizioni:

a) malga: pascoli naturali permanenti che, insieme alle relative strutture necessarie all’alpeggio, sono definiti alpeggio nel manuale dell’Anagrafe provinciale delle imprese agricole; l’alpeggio deve avere la durata di almeno 60 giorni all’anno;

b) rifugio: edifici inseriti nell’elenco dei rifugi tenuto dall’Area funzionale provinciale Turismo;

c) impianti di distribuzione nelle zone rurali: impianti che servono alla distribuzione dell’energia elettrica a favore di edifici rurali, prime abitazioni ed edifici aziendali, abitati ovvero gestiti tutto l’anno, siti nel territorio di Comuni o frazioni con una densità di popolazione inferiore ai 300 abitanti per km² e con meno di 5.000 abitanti;

d) nuovi allacciamenti: allacciamenti elettrici di malghe, rifugi, edifici rurali, prime abitazioni ed edifici aziendali non ancora allacciati alla rete elettrica.

Articolo 3
Beneficiari

1. Possono beneficiare dei contributi tutte le imprese distributrici di energia elettrica che realizzano in provincia di Bolzano gli interventi di cui all’articolo 1.

Articolo 4
Requisiti generali

1. Non sono ammissibili a contributo le domande riguardanti interventi incentivabili con costi stimati di allacciamento per utente inferiori a 1.638,00 euro (IVA esclusa), ovvero comunque inferiori al costo di allacciamento permanente standard per utente stabilito dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA).

2. Fatta eccezione per gli interventi di ripristino di allacciamenti elettrici a seguito di calamità naturali, le domande di contributo devono essere presentate prima dell’avvio dei lavori.

3. Non sono ammessi contributi per linee e impianti che servono esclusivamente a trasportare energia elettrica prodotta dai propri impianti.

4. I trasformatori indicati nel progetto e per i quali è stato chiesto il contributo devono rispettare i requisiti di cui alla direttiva 2009/125/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 21 ottobre 2009 relativa all’istituzione di un quadro per l’elaborazione di specifiche per la progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all’energia (c.d. direttiva “Ecodesign”) e al regolamento (UE) n. 548/2014 della Commissione del 21 maggio 2014 recante modalità di applicazione della direttiva 2009/125/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda i trasformatori di potenza piccoli, medi e grandi, e successive modifiche.

5. Possono essere concessi contributi per impianti a media tensione solo previa presentazione della domanda di autorizzazione alla costruzione e all’esercizio del relativo impianto elettrico all’Ufficio provinciale Energia e tutela del clima.

Articolo 5
Costi ammissibili e costi non ammissibili

1. Sono ammissibili i seguenti costi:

a) i costi per lavori e materiali che sono elencati nel vigente Listino prezzi delle Ripartizioni provinciali Foreste, Agricoltura e Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima, per gli importi massimi ivi indicati;

b) i costi per incarichi di progettazione, per studi di fattibilità e per incarichi di direzione lavori, sono ammessi fino al cinque per cento dei costi ammissibili al netto dell’IVA.

2. Non sono ammissibili i costi relativi a espropri, servitù, oneri di urbanizzazione, acquisto di terreni, indennizzi o altri oneri finanziari e spese amministrative.

Articolo 6
Entità dei contributi

1. I contributi sono concessi nelle seguenti percentuali dei costi ammessi:

a) nuovi allacciamenti di malghe e rifugi: 65 per cento;

b) ripristino di allacciamenti alla rete elettrica in seguito a calamità naturali: 50 per cento;

c) nuovi allacciamenti, sostituzione o potenziamento di impianti di distribuzione nelle zone rurali: 25 per cento;

d) interramento di linee aeree a media e bassa tensione nei Parchi naturali, nel Parco Nazionale dello Stelvio e nei siti Rete Natura 2000: 50 per cento.

Articolo 7
Cumulabilità dei contributi

1. I contributi di cui ai presenti criteri sono cumulabili con contributi o agevolazioni di qualunque tipo previsti dalla normativa statale o da altre leggi a carico del bilancio provinciale fino ad un massimo dell’80 per cento del contributo complessivo.

Articolo 8
Presentazione delle domande

1. Le domande di contributo devono essere compilate utilizzando l’apposito modulo telematico predisposto dall’Ufficio provinciale Energia e tutela del clima e, ad eccezione delle domande per gli interventi di ripristino di allacciamenti elettrici a seguito di calamità naturali, inviate prima dell’avvio dei lavori, insieme alla documentazione richiesta, tramite posta elettronica certificata (PEC), in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente, al seguente indirizzo PEC: energie.energia@pec.prov.bz.it.

2. Le domande di contributo possono essere presentate dal 1° gennaio al 30 giugno dell’anno di avvio dei lavori.

3. Nella domanda va indicato il numero e la data della marca da bollo digitale dell’importo previsto dalla normativa vigente; inoltre il richiedente deve dichiarare di utilizzare la marca da bollo esclusivamente per il procedimento amministrativo in questione.

4. Alla domanda va allegata una relazione tecnica contenente quanto segue:

a) descrizione dell’intervento, con indicazione delle tipologie di conduttori e delle relative lunghezze, delle cabine e dei trasformatori;

b) corografia in scala 1:25.000 ed estratto di mappa catastale con indicazione dell’impianto;

c) preventivo dei costi per lavori e materiali, determinati conformemente al vigente listino prezzi delle Ripartizioni provinciali Foreste, Agricoltura e Agenzia provinciale per l’ambiente, nel frattempo denominata Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima.

5. Se gli interventi richiedono tempi pluriennali di realizzazione, il richiedente deve allegare un cronoprogramma con l’indicazione delle rispettive spese annuali.

6. Le domande incomplete devono essere integrate entro 30 giorni dalla richiesta dell’Ufficio. In caso contrario esse verranno rigettate e archiviate.

7. Le domande relative a variazioni che comportano spese aggiuntive e si riferiscono a domande di contributo già inoltrate vanno presentate all’Ufficio provinciale Energia e tutela del clima, prima dell’avvio dei lavori e prima della concessione del contributo riferito alla domanda originaria; la domanda deve essere corredata di marca da bollo dell’importo previsto dalla normativa vigente.

Articolo 9
Approvazione dei contributi

1. Il Direttore/La Direttrice dell’Agenzia provinciale per l’ambiente e la tutela del clima approva la concessione dei contributi relativi alle domande presentate, con riferimento alle spese indicate nel preventivo e nel cronoprogramma. Le domande devono essere complete e sono approvate secondo l’ordine cronologico di presentazione, fino ad esaurimento della disponibilità di bilancio.

Articolo 10
Liquidazione dei contributi

1. Le domande di liquidazione dei contributi devono essere compilate utilizzando l’apposita modulistica telematica predisposta dall’Ufficio provinciale Energia e tutela del clima e vanno inviate al predetto Ufficio, insieme alla documentazione richiesta, tramite posta elettronica certificata (PEC), in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente.

2. Le spese devono essere rendicontate dai beneficiari entro la fine dell’anno successivo a quello del provvedimento di concessione o di imputazione della spesa, se diverso. Trascorso tale termine senza che abbia avuto luogo la rendicontazione della spesa per causa riconducibile al beneficiario, è disposta la revoca del contributo. Per gravi e motivate ragioni, può essere concessa una proroga fino a un ulteriore anno, trascorso inutilmente il quale il contributo è automaticamente revocato.

3. Se per la realizzazione dei lavori è previsto un arco temporale pluriennale, il beneficiario deve rendicontare la spesa sostenuta entro la fine dell’anno successivo all’anno di riferimento delle singole attività previste nel cronoprogramma. Per la rendicontazione si applica quanto previsto al comma 2.

4. Alla domanda di liquidazione del contributo vanno allegate le fatture originali quietanziate. I pagamenti devono essere effettuati tramite bonifico bancario o postale o tramite altre forme di pagamento tracciabili.

5. Qualora le fatture siano state inviate al beneficiario per via telematica o siano state smarrite, la fattura originale può essere sostituita dal documento telematico o dalla copia conforme all’originale.

6. Ai fini della liquidazione, eccezion fatta per gli interventi di ripristino di allacciamenti alla rete elettrica in caso di calamità naturali, la data delle fatture deve essere posteriore alla data di presentazione della domanda di contributo. La data delle fatture per richieste di permessi e per la predisposizione dei documenti relativi alla domanda di contributo, per gli incarichi di progettazione può essere anteriore alla data di presentazione della domanda di contributo.

7. Le fatture devono essere intestate al beneficiario e i costi devono essere descritti in maniera dettagliata per ogni tipo di intervento

8. Nel caso di lavori eseguiti in economia dal beneficiario va allegato un consuntivo finale, sulla base dello stato finale dei lavori e del libro misure, sottoscritto da un tecnico abilitato/una tecnica abilitata e indipendente.

9. I contributi possono essere liquidati solamente per materiali e impianti nuovi di fabbrica, necessari alla realizzazione dell’intervento.

Articolo 11
Variazioni in fase di liquidazione

1. In fase di liquidazione sono ammesse variazioni non sostanziali tra le diverse voci di costo ammesse ovvero modifiche non sostanziali di progetto.

Articolo 12
Obblighi dei beneficiari

1. I beneficiari sono obbligati a:

a) comunicare entro 60 giorni ogni cambiamento e situazione che potrebbe influire sulla concessione del contributo o determinarne la revoca, anche parziale;

b) mettere a disposizione dell’Ufficio provinciale Energia e tutela del clima la documentazione che lo stesso riterrà opportuna per verificare la sussistenza dei requisiti per la concessione o la liquidazione dei contributi, e garantire l’accesso agli impianti e alle costruzioni oggetto di contributo;

c) conservare i documenti originali per dieci anni a partire dall’anno successivo a quello di liquidazione del contributo.

Articolo 13
Controlli

1. L’Ufficio provinciale Energia e tutela del clima effettua controlli a campione su almeno il 6 per cento delle domande approvate; a ciò si aggiungono i casi che l’Ufficio ritiene opportuno controllare.

2. L’individuazione delle domande da controllare avviene secondo il principio di casualità da una lista dei contributi liquidati nel periodo di riferimento.

3. Nei controlli si verificano i seguenti elementi:

a) la veridicità delle autocertificazioni;

b) il raggiungimento degli obiettivi fissati dalla legge provinciale 7 luglio 2010, n. 9, e successive modifiche, mediante collaudi volti ad accertare l’esecuzione a regola d’arte e la funzionalità dell’intervento.

Articolo 14
Revoca dei contributi

1. Qualora, dopo l’avvenuta liquidazione del contributo, si riscontrasse la mancanza dei requisiti per la liquidazione o la presentazione di false dichiarazioni, il Direttore/la Direttrice dell’Agenzia provinciale per l'ambiente e la tutela del clima dispone la revoca del contributo, che il beneficiario dovrà restituire maggiorato degli interessi legali decorrenti dalla data della liquidazione.

2. L’impossibilità di effettuare i dovuti controlli a campione per fatti riconducibili al beneficiario comporta la revoca del contributo concesso, che il beneficiario dovrà restituire, se è il caso, maggiorato degli interessi legali decorrenti dalla data della liquidazione.

 

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2022
ActionAction2021
ActionAction2020
ActionAction2019
ActionAction Delibera 8 gennaio 2019, n. 13
ActionAction Delibera 29 gennaio 2019, n. 18
ActionAction Delibera 29 gennaio 2019, n. 31
ActionAction Delibera 29 gennaio 2019, n. 48
ActionAction Delibera 5 febbraio 2019, n. 60
ActionAction Delibera 12 febbraio 2019, n. 69
ActionAction Delibera 12 febbraio 2019, n. 70
ActionAction Delibera 19 febbraio 2019, n. 89
ActionAction Delibera 26 febbraio 2019, n. 130
ActionAction Delibera 12 marzo 2019, n. 141
ActionAction Delibera 12 marzo 2019, n. 142
ActionAction Delibera 19 marzo 2019, n. 175
ActionAction Delibera 26 marzo 2019, n. 197
ActionAction Delibera 2 aprile 2019, n. 219
ActionAction Delibera 2 aprile 2019, n. 221
ActionAction Delibera 2 aprile 2019, n. 233
ActionAction Delibera 16 aprile 2019, n. 296
ActionAction Delibera 30 aprile 2019, n. 324
ActionAction Delibera 4 giugno 2019, n. 426
ActionAction Delibera 4 giugno 2019, n. 430
ActionAction Delibera 11 giugno 2019, n. 462
ActionAction Delibera 11 giugno 2019, n. 467
ActionAction Delibera 11 giugno 2019, n. 469
ActionAction Delibera 11 giugno 2019, n. 476
ActionAction Delibera 11 giugno 2019, n. 477
ActionAction Delibera 25 giugno 2019, n. 535
ActionAction Delibera 25 giugno 2019, n. 543
ActionAction Delibera 11 luglio 2019, n. 555
ActionAction Delibera 16 luglio 2019, n. 597
ActionActionAllegato A
ActionAction Delibera 16 luglio 2019, n. 605
ActionAction Delibera 23 luglio 2019, n. 636
ActionAction Delibera 23 luglio 2019, n. 637
ActionAction Delibera 23 luglio 2019, n. 638
ActionAction Delibera 30 luglio 2019, n. 654
ActionAction Delibera 30 luglio 2019, n. 658
ActionAction Delibera 30 luglio 2019, n. 666
ActionAction Delibera 30 luglio 2019, n. 667
ActionAction Delibera 6 agosto 2019, n. 675
ActionAction Delibera 6 agosto 2019, n. 676
ActionAction Delibera 6 agosto 2019, n. 678
ActionAction Delibera 27 agosto 2019, n. 710
ActionAction Delibera 27 agosto 2019, n. 717
ActionAction Delibera 3 settembre 2019, n. 751
ActionAction Delibera 17 settembre 2019, n. 779
ActionAction Delibera 24 settembre 2019, n. 795
ActionAction Delibera 1 ottobre 2019, n. 809
ActionAction Delibera 29 ottobre 2019, n. 890
ActionAction Delibera 5 novembre 2019, n. 897
ActionAction Delibera 5 novembre 2019, n. 898
ActionAction Delibera 5 novembre 2019, n. 915
ActionAction Delibera 12 novembre 2019, n. 925
ActionAction Delibera 12 novembre 2019, n. 937
ActionAction Delibera 19 novembre 2019, n. 960
ActionAction Delibera 19 novembre 2019, n. 961
ActionAction Delibera 19 novembre 2019, n. 964
ActionAction Delibera 19 novembre 2019, n. 983
ActionAction Delibera 26 novembre 2019, n. 1015
ActionAction Delibera 26 novembre 2019, n. 1016
ActionAction Delibera 3 dicembre 2019, n. 1042
ActionAction Delibera 11 dicembre 2019, n. 1063
ActionAction Delibera 11 dicembre 2019, n. 1069
ActionAction Delibera 11 dicembre 2019, n. 1098
ActionAction Delibera 11 dicembre 2019, n. 1100
ActionAction Delibera 17 dicembre 2019, n. 1133
ActionAction Delibera 17 dicembre 2019, n. 1149
ActionAction Delibera 17 dicembre 2019, n. 1159
ActionAction Delibera 30 dicembre 2019, n. 1173
ActionAction Delibera 30 dicembre 2019, n. 1180
ActionAction Delibera 30 dicembre 2019, n. 1181
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico