In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 19 giugno 2018, n. 579
Linee guida per i corsi di formazione e aggiornamento per l’attività di installazione e manutenzione straordinaria di impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili e modifica del regolamento relativo all’ordinamento dell‘artigianato

Allegato A

Linee guida per i corsi di formazione e aggiornamento per l’attività di installazione e manutenzione straordinaria di impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili

Articolo 1
Ambito di applicazione

1. Le presenti linee guida disciplinano le modalità di realizzazione dei corsi di formazione e di aggiornamento per l’attività di installazione e manutenzione straordinaria di impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili (FER), di seguito denominati impianti FER, ai sensi del decreto legislativo 3 marzo 2011, n. 28, e successive modifiche, dello Standard formativo adottato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome con documento n. 16/153/CR7/C9/C5 del 22 dicembre 2016, di seguito denominato Standard formativo, e del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, e successive modifiche.

Articolo 2
Destinatari dei corsi

1. I corsi di formazione sono destinati a persone che intendono conseguire l’abilitazione di “installatore e manutentore straordinario di impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili”/“installatrice e manutentrice straordinaria di impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili”.

2. I corsi di aggiornamento sono destinati agli operatori e alle operatrici già abilitati all’installazione e alla manutenzione straordinaria di impianti FER.

Articolo 3
Requisiti di ammissione ai corsi di formazione

1. È indispensabile una buona conoscenza della lingua italiana e/o tedesca orale e scritta, che consenta di partecipare attivamente al percorso formativo. Tale conoscenza potrà eventualmente essere verificata attraverso un test di ingresso da effettuarsi presso l'ente di formazione, che conserva agli atti la documentazione relativa all’esito del test.

Articolo 4
Articolazione e durata del corso di formazione

1. Vista la diversa tipologia di impianti previsti (caldaie, caminetti e stufe a biomassa, sistemi solari fotovoltaici e termici sugli edifici, sistemi geotermici a bassa entalpia e pompe di calore) sono individuati quattro standard specifici a valle di un modulo unico propedeutico, di seguito denominato modulo comune:

a) biomasse per usi energetici;

b) pompe di calore per riscaldamento, refrigerazione e produzione di ACS (acqua calda sanitaria);

c) sistemi solari termici;

d) sistemi fotovoltaici e fototermoelettrici.

2. Il corso è articolato in due fasi metodologiche: una teorica, erogabile anche in modalità FAD (formazione a distanza), e una pratica da svolgere presso strutture che rispettino i requisiti di cui all’articolo 8.

3. Il modulo comune ha per oggetto l'inquadramento generale delle problematiche legate allo sfruttamento delle fonti rinnovabili nel panorama nazionale ed europeo, con gli opportuni richiami di normativa generale, tecnica e di sicurezza che riguardano l’installazione e la manutenzione, anche straordinaria, di impianti FER.

4. I moduli specifici per ogni macrotipologia impiantistica prevedono una parte di teoria ed una di pratica. La fase pratica si sostanzia nelle attività inerenti all'installazione fisica degli impianti e alla loro manutenzione straordinaria.

5. L’allegato 1 dello Standard formativo costituisce il punto di riferimento per la progettazione dei percorsi, che dovranno riferirsi specificamente a ciascuna macrotipologia impiantistica.

6. Il percorso formativo ha una durata minima di 80 ore suddivise come segue:

a) 20 ore per il modulo comune;

b) 60 ore per i moduli specifici, di cui almeno 20 di pratica.

Articolo 5
Esame finale e attestato di qualificazione

1. Ai fini dell'ammissione all'esame finale del corso di formazione è obbligatoria la frequenza di almeno l'80% delle ore complessive del corso.

2. L’esame finale è costituito da una prova teorica e da una prova pratica, che sono valutate distintamente. La prova pratica mira a verificare la corretta installazione dell'impianto FER.

3. Le prove devono essere organizzate e gestite dall'ente di formazione secondo principi di trasparenza e tracciabilità delle procedure.

4. L’esame finale si intende superato se si ottiene un voto di almeno 6/10 in entrambe le prove. Il voto complessivo è dato dalla media dei voti della prova teorica e della prova pratica.

5. In caso di superamento dell'esame finale viene rilasciato l'attestato di qualificazione professionale di “installatore e manutentore straordinario di impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili”/“installatrice e manutentrice straordinaria di impianti energetici alimentati da fonti rinnovabili”.

6. L'attestato di qualificazione deve contenere i seguenti elementi minimi comuni:

a) denominazione del soggetto accreditato e/o autorizzato alla formazione ed alla certificazione;

b) dati anagrafici del/della titolare dell'attestato;

c) titolo del corso e normativa di riferimento;

d) specifica macrotipologia impiantistica cui si riferisce la formazione;

e) durata del corso;

f) firma del formatore/della formatrice.

Articolo 6
Commissione d’esame

1. La commissione d’esame è nominata dal direttore/dalla direttrice della struttura organizzativa provinciale competente in materia di formazione professionale italiana o tedesca ed è composta da tre membri, e più precisamente da:

a) il direttore/la direttrice di una scuola professionale o un/un’insegnante da questi/questa designato/designata oppure un/una docente del corso;

b) un datore/una datrice di lavoro con una specifica qualifica, nominato/nominata su proposta di una delle organizzazioni dei datori di lavoro più rappresentative a livello provinciale;

c) un/una dipendente della struttura organizzativa provinciale competente in materia di formazione professionale italiana o tedesca.

2. Nella composizione della commissione d’esame deve essere garantita un’equilibrata rappresentanza dei generi e dei gruppi linguistici. Le deliberazioni della commissione sono adottate a maggioranza dei suoi componenti. Per ogni componente della commissione è nominato un membro supplente, che lo sostituisce nelle sue funzioni in caso di assenza o impedimento.

Articolo 7
Riconoscimento di crediti

1. La partecipazione al corso di formazione può prevedere il riconoscimento di crediti formativi.

Articolo 8
Requisiti di strutture e attrezzature

1. L'ente di formazione deve disporre delle adeguate strutture e attrezzature per poter impartire la necessaria formazione.

2. Nello specifico i laboratori per l'erogazione delle attività pratiche devono disporre di attrezzature specifiche dedicate ad ogni singolo percorso oggetto di qualificazione.

3. La formazione a carattere pratico si sostanzia in esercitazioni in aula e in laboratorio su attrezzature e circuiti a carattere didattico e/o su simulatori, in condizioni di sicurezza, dimostrative ed esemplificative relative ai processi di lavoro dell'installatore/installatrice:

a) scelta della componentistica;

b) condizioni, controllo e modalità di funzionamento dell'impianto;

c) collaudo;

d) manutenzione.

4. l laboratori devono garantire la realizzazione di esercitazioni finalizzate all'utilizzo di strumenti, procedure e tecniche di montaggio tipici dell'impiantistica idraulica, meccanica ed elettrica, nonché all'effettuazione di misure termoidrauliche, elettriche, di temperatura, di pressione, ecc. Devono disporre inoltre delle attrezzature necessarie ad effettuare le operazioni di intervento meccanico, termoidraulico ed elettrico relative al montaggio dei componenti e di messa in opera dell'impianto.

5. Fatta salva la presenza di attrezzature, macchinari, strumenti di misura, di controllo, di monitoraggio, apparecchiature per la misura delle grandezze elettriche e fisiche, i laboratori si caratterizzano in modo specifico per ogni singolo percorso, mettendo a disposizione di docenti e partecipanti diversi modelli di apparecchi con differenti tecnologie da individuare tra le più attuali e diffuse, sistemi impiantistici completi e potenzialmente funzionanti che prevedano la possibilità di simulare verifiche, montaggi e manutenzioni dei singoli componenti nonché eventuali guasti. Devono inoltre rispettare la vigente normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro. I laboratori possono non essere di proprietà dell'organizzatore del percorso formativo, ma all'atto della pubblicazione del corso occorrerà dichiarare quali laboratori saranno utilizzati ed averne regolare disponibilità.

6. La Provincia potrà verificare a campione l’idoneità dei laboratori.

Articolo 9
Requisiti di formatori e formatrici

1. I formatori e le formatrici devono essere in possesso sia di una esperienza documentata, almeno quinquennale, nella progettazione e/o gestione e/o manutenzione di impianti FER, sia di una conoscenza adeguata della legislazione e della normativa nell'ambito della specifica tematica oggetto della docenza.

2. Possono svolgere attività di formazione anche i tecnici e le tecniche che operano presso i produttori di tecnologie, con almeno cinque anni di esperienza lavorativa nel settore.

Articolo 10
Aggiornamento obbligatorio

1. L'aggiornamento è obbligatorio ai sensi dell’articolo 8, comma 5, del decreto del Presidente della Provincia 19 maggio 2009, n. 27, e successive modifiche.

2. La durata minima dei corsi di aggiornamento è pari a 16 ore, suddivise in una parte teorica, erogabile anche in modalità FAD, e una parte pratica. È obbligatoria la frequenza del 100% delle ore del corso. Al termine del corso viene rilasciato un attestato.

3. Per i corsi di aggiornamento non è necessario che siano soddisfatti i requisiti previsti dall’articolo 8 in materia di attrezzature e laboratori. È in ogni caso necessario che il soggetto attuatore dell'aggiornamento disponga di strutture adeguate ai contenuti della formazione prevista per l'aggiornamento stesso. I formatori e le formatrici devono possedere i requisiti di cui all’articolo 9.

Articolo 11
Contenuti dei corsi di aggiornamento

1. Fanno parte dei contenuti obbligatori dei corsi di aggiornamento le seguenti aree tematiche:

a) tutela del clima (cambiamento climatico, sfruttamento energetico, economicità delle misure energetiche);

b) disposizioni legislative (normativa statale, legislazione provinciale, con particolare attenzione all’ordinamento dell’artigianato, prevenzione incendi, funzionamento degli impianti termici), norme tecniche nazionali e internazionali.

2. I contenuti dei quattro macrosettori sono i seguenti:

a) biomassa

1) combustibile: caratteristiche materiali e qualitative del legno, cippato e pellet, conversione tra unità e misura, sistemi di certificazione (EN Plus);

2) camino: esempi di installazione scorretta di impianti di scarico di fumi, denominazione di materiali e prodotti, controllo del sistema di aerazione, documenti e requisiti per l’installazione e la manutenzione dell’impianto, combustione di biomassa solida: procedimento, reazioni principali, calcoli, descrizione di un impianto termico a biomassa;

3) idraulica: soluzioni impiantistiche: sistema di espansione e accumulatore (dimensionamento e configurazione idraulica), circuito di distribuzione idraulica, messa in funzione, formazione dell’utente, circuiti e dispositivi di sicurezza idraulici, separatori del fango e dell’aria;

4) progettazione e configurazione di sistemi ibridi: schema dell’impianto, caldaia a biomassa e energia solare termica, progetto per l’integrazione di caldaie a biomassa, prestazioni idrauliche in relazione al fabbisogno, trattamento delle acque;

b) pompe di calore

1) principi della fisica e del funzionamento di una pompa di calore nonché principi del circuito delle pompe di calore;

2) collegamento tra temperature basse del condensatore, temperature alte dell’evaporatore ed efficienza del sistema;

3) individuazione dell’indice di efficienza energetica e del fattore di potenza in relazione al periodo dell’anno, conoscenza di componenti, compressore, valvola di espansione, evaporatore, condensatore, accessori, olio lubrificante, refrigeranti, surriscaldamento e ipotermia;

4) modalità di raffreddamento con pompe di calore;

5) risorse aerotermiche, geotermiche e idrotermiche e disposizioni per il loro utilizzo;

6) temperature del suolo, delle falde acquifere e delle sorgenti delle varie Regioni;

7) identificazione del suolo e della roccia per determinarne la conducibilità termica;

8) utilizzabilità delle pompe di calore in edifici;

9) scelta del sistema di pompe di calore più adatto e requisiti tecnici;

10) disposizioni in materia di sicurezza e misure di sicurezza;

11) filtraggio dell’aria;

12) allacciamento alla fonte di calore e progettazione del sistema;

13) misurazioni dei tre sistemi di calore (aerotermico, geotermico e idrotermico);

14) analisi degli errori;

15) coefficiente di prestazione (COP) e disposizioni di rendimento;

c) energia solare termica

1) fattori di utilizzo dell’energia solare termica;

2) possibilità di utilizzo dei diversi sistemi di produzione di acqua calda tramite energia solare e sostegno al riscaldamento;

3) tubature, armature e scambiatori di calore;

4) pompe solari e dispositivi di sicurezza;

5) regolazione, sensori;

6) fluido termovettore;

7) messa in funzione e manutenzione;

d) energia fotovoltaica

1) funzionamento degli impianti, componenti, dimensione e conseguente necessaria potenza, energia, produzione e consumo annuali;

2) disposizioni in materia doganale (produzione di elettricità, accise, risparmi, calibratura, registro);

3) manutenzione dell’impianto: periodo, tipologia, accesso agli impianti; manutenzione futura: trasmissione dati, calibratura successiva, registro di produzione.

Articolo12
Rinvio

1. Per tutto quanto non espressamente previsto dalle presenti linee guida si rinvia a quanto contenuto nello Standard formativo.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction Delibera 9 gennaio 2018, n. 1
ActionAction Delibera 16 gennaio 2018, n. 23
ActionAction Delibera 23 gennaio 2018, n. 57
ActionAction Delibera 30 gennaio 2018, n. 71
ActionAction Delibera 30 gennaio 2018, n. 79
ActionAction Delibera 30 gennaio 2018, n. 89
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 93
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 94
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 100
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 114
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 121
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 122
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 125
ActionAction Delibera 16 febbraio 2018, n. 143
ActionAction Delibera 27 febbraio 2018, n. 169
ActionAction Delibera 6 marzo 2018, n. 186
ActionAction Delibera 13 marzo 2018, n. 223
ActionAction Delibera 20 marzo 2018, n. 240
ActionAction Delibera 20 marzo 2018, n. 256
ActionAction Delibera 20 marzo 2018, n. 257
ActionAction Delibera 27 marzo 2018, n. 278
ActionAction Delibera 27 marzo 2018, n. 282
ActionAction Delibera 27 marzo 2018, n. 286
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 306
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 307
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 320
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 321
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 331
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 332
ActionAction Delibera 17 aprile 2018, n. 350
ActionAction Delibera 17 aprile 2018, n. 357
ActionAction Delibera 24 aprile 2018, n. 375
ActionAction Delibera 24 aprile 2018, n. 384
ActionAction Delibera 8 maggio 2018, n. 397
ActionAction Delibera 8 maggio 2018, n. 415
ActionAction Delibera 15 maggio 2018, n. 431
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 477
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 497
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 499
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 505
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 506
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 508
ActionAction Delibera 5 giugno 2018, n. 529
ActionAction Delibera 5 giugno 2018, n. 531
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 552
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 555
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 556
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 562
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 564
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 566
ActionAction Delibera 19 giugno 2018, n. 579
ActionActionAllegato A
ActionAction Delibera 19 giugno 2018, n. 601
ActionAction Delibera 26 giugno 2018, n. 630
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 642
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 656
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 657
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 658
ActionAction Delibera 10 luglio 2018, n. 673
ActionAction Delibera 17 luglio 2018, n. 694
ActionAction Delibera 17 luglio 2018, n. 703
ActionAction Delibera 17 luglio 2018, n. 704
ActionAction Delibera 24 luglio 2018, n. 731
ActionAction Delibera 24 luglio 2018, n. 733
ActionAction Delibera 31 luglio 2018, n. 757
ActionAction Delibera 31 luglio 2018, n. 772
ActionAction Delibera 7 agosto 2018, n. 778
ActionAction Delibera 7 agosto 2018, n. 796
ActionAction Delibera 7 agosto 2018, n. 798
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 813
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 833
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 839
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 840
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 849
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 853
ActionAction Delibera 4 settembre 2018, n. 874
ActionAction Delibera 4 settembre 2018, n. 876
ActionAction Delibera 4 settembre 2018, n. 883
ActionAction Delibera 11 settembre 2018, n. 902
ActionAction Delibera 11 settembre 2018, n. 905
ActionAction Delibera 11 settembre 2018, n. 911
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 922
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 939
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 942
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 949
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 955
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 957
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 961
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 964
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 965
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 968
ActionAction Delibera 2 ottobre 2018, n. 978
ActionAction Delibera 2 ottobre 2018, n. 998
ActionAction Delibera 2 ottobre 2018, n. 1005
ActionAction Delibera 9 ottobre 2018, n. 1015
ActionAction Delibera 9 ottobre 2018, n. 1027
ActionAction Delibera 9 ottobre 2018, n. 1031
ActionAction Delibera 16 ottobre 2018, n. 1051
ActionAction Delibera 16 ottobre 2018, n. 1077
ActionAction Delibera 23 ottobre 2018, n. 1086
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1098
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1099
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1102
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1104
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1108
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1109
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1120
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1121
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1122
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1150
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1156
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1158
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1161
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1165
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1168
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1170
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1199
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1202
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1206
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1209
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1210
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1211
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1220
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1235
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1249
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1269
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1284
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1286
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1324
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1339
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1346
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1347
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1350
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1363
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1380
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1381
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1285
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1382
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1384
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1385
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1386
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1387
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1400
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1401
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1404
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1405
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1415
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1418
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1419
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1432
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1434
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1435
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1446
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1449
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1466
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1470
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1472
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico