In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 29 maggio 2018, n. 508
Approvazione delle "Linee guida del Dipartimento di prevenzione dell'Azienda sanitaria dell'Alto Adige - Abrogazione della delibera della Giunta provinciale n. 395 del 31.03.2015

ALLEGATO A

Linee guida del Dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige

A) Definizione

Il Dipartimento di prevenzione è struttura organizzativa dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige preposta a svolgere le funzioni di prevenzione collettiva e sanità pubblica a livello aziendale.

Il D.Lgs. n. 502 del 30 dicembre 1992, e successive modifiche, identifica nel Dipartimento di prevenzione la struttura di riferimento del Servizio sanitario nazionale / provinciale, che garantisce la tutela della salute collettiva, perseguendo obiettivi di promozione della salute, prevenzione delle malattie e delle disabilità, di miglioramento della qualità della vita e conseguentemente l’attuazione del primo Livello essenziale di assistenza (LEA – nella versione vigente), ovvero la “Prevenzione collettiva e sanità pubblica” che comprende tutte le attività di prevenzione rivolte alle collettività ed ai singoli.

Per assolvere questi compiti, il Dipartimento si avvale di strumenti epidemiologici, di iniziative di informazione ed educazione sanitaria e di interventi di vigilanza volti anche a verificare il rispetto della specifica normativa di settore.

B) Competenze del Dipartimento di prevenzione

Il Dipartimento di prevenzione applica il Piano provinciale della prevenzione, il Piano sanitario provinciale e i conseguenti piani di settore ponendo particolare attenzione ai progetti dell’Organizzazione Mondiale alla Sanità (OMS) e ai programmi del Piano sanitario nazionale.

Il Dipartimento valuta e interpreta i dati di natura sanitaria, ambientali o relativi ad altri aspetti nei rispettivi settori di competenza ai fini di tutela della salute pubblica e comunica annualmente i risultati alla Ripartizione Salute, segnalando gli ambiti di rilevante importanza.

Il Dipartimento promuove direttamente interventi di prevenzione, promuove azioni volte a individuare e rimuovere le cause di nocività e malattia di origine ambientale, umana e animale, coordina o collabora ad interventi promossi da altre strutture sanitarie e non sanitarie, ferme restando le priorità relative all’applicazione di norme comunitarie, nazionali e provinciali, fissa priorità nell’ambito della prevenzione per le materie interdisciplinari che riguardano le strutture e i servizi afferenti al Dipartimento e promuove studi, progetti e ricerche nei rispettivi settori di competenza, anche su indicazione della Giunta provinciale.

Il Dipartimento elabora linee guida, protocolli operativi e programmi per misure di profilassi, tenendo conto delle risultanze epidemiologiche e segnala alle strutture competenti gli ambiti di rilevante importanza.

Accanto ai tradizionali interventi preventivi quali vaccinazioni e diagnosi precoce saranno messi in atto provvedimenti per la prevenzione delle malattie cronico - degenerative, dell’insorgenza di alcuni tipi di tumore, per evitare infortuni e per sensibilizzare sui possibili inquinanti ambientali.

A livello territoriale saranno costantemente mirati, illustrati e messi in atto interventi di educazione sanitaria.

Effettua attività ispettiva in tutti i suoi settori di competenza.

Per quanto attiene alla collaborazione con strutture non aziendali il Dipartimento interagisce:

a) con le strutture competenti della Provincia autonoma di Bolzano;

b) con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie;

c) con altre specifiche strutture nazionali ed internazionali.

C) Funzioni del Dipartimento di prevenzione

Il Dipartimento di prevenzione esercita le seguenti funzioni definite nell’art. 7-ter del D.Lgs. n. 502 del 30 dicembre 1992:

a) il coordinamento delle prestazioni di prevenzione, promozione e tutela della salute erogate dalle strutture del Dipartimento nonché degli interventi non erogati direttamente, mediante lo sviluppo di una rete di collegamenti fra il Dipartimento e i diversi erogatori di prestazioni;

b) la prevenzione e il controllo della diffusione delle malattie infettive e parassitarie nella popolazione;

c) la prevenzione e il controllo dei fattori di rischio presenti negli ambienti di vita e di lavoro;

d) la sorveglianza e la prevenzione nutrizionale;

e) la tutela igienico-sanitaria degli alimenti di origine animale e non animale;

f) la sanità pubblica veterinaria, compresa la sorveglianza epidemiologica delle popolazioni animali e profilassi delle malattie infettive e parassitarie, farmacovigilanza veterinaria, igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche, tutela igienico-sanitaria dei mangimi;

g) la tutela della salute nelle attività sportive;

h) la promozione della salute e prevenzione delle malattie cronico - degenerative anche in collaborazione con gli altri servizi e dipartimenti aziendali;

i) ferme restando le priorità relative all’applicazione di norme internazionali, nazionali e provinciali, stabilisce programmi ed indagini aventi carattere di priorità e coinvolgenti i servizi afferenti al Dipartimento, ne segue la relativa attuazione ed individua le connessioni tra i vari servizi ed istituzioni.

D) Composizione del Dipartimento e modello organizzativo

Il Dipartimento di prevenzione è composto dalle seguenti strutture sanitarie:

a) igiene e sanità pubblica, compresa la sezione di medicina ambientale;

b) prevenzione e sicurezza degli ambienti di lavoro;

c) igiene e sicurezza degli alimenti di origine non animale e della nutrizione;

d) igiene e sicurezza degli alimenti di origine animale;

e) sanità animale;

f) igiene degli allevamenti, dei mangimi e delle produzioni zootecniche;

g) medicina dello sport;

h) prevenzione delle malattie croniche, screening, promozione ed educazione alla salute.

Il Dipartimento di prevenzione opera al suo interno con forme di collaborazioni aziendali definite nell’atto aziendale.

Nell’atto aziendale è definita la collaborazione vincolante tra la struttura igiene e sicurezza degli alimenti di origine non animale e della nutrizione e la struttura igiene e sicurezza degli alimenti di origine animale per quanto attiene la sicurezza alimentare e tutto il settore delle ispezioni.

È prevista inoltre nel Dipartimento di prevenzione una struttura tecnico-amministrativa con funzioni di:

1. segreteria;

2. coordinamento fra le strutture e gli Uffici provinciali competenti;

3. supporto alla gestione del personale;

4. collaborazione nella gestione del budget assegnato al Dipartimento;

5. collaborazione nel controllo di gestione;

6. predisposizione di atti amministrativi;

7. procedure sanzionatorie;

8. indizione e verbalizzazione delle riunioni del Comitato di Dipartimento.

Lo svolgimento delle funzioni del Dipartimento di prevenzione è garantito mediante le strutture e le loro articolazioni organizzative.

E) Il Comitato di Dipartimento

Il Dipartimento si avvale di un Comitato che costituisce organo collegiale e consultivo con funzioni d’indirizzo, di proposizione, di monitoraggio e di verifica. Il Comitato è composto dal Direttore di Dipartimento che lo presiede, dai responsabili delle strutture direttamente afferenti al Dipartimento e dal coordinatore di Dipartimento. Al Comitato di Dipartimento può partecipare un componente della struttura tecnico-amministrativa per la verbalizzazione degli incontri.

Lo stesso si riunisce periodicamente in via ordinaria e in via straordinaria su invito del Direttore di Dipartimento e qualora ne venga fatta richiesta dalla maggioranza dei membri del Comitato stesso. Copia della convocazione e del verbale delle riunioni del Comitato va inviata alla Direzione aziendale.

Per la validità delle riunioni è necessaria la presenza della maggioranza semplice dei componenti del Comitato (50%+1). Il Comitato approva gli argomenti all’ordine del giorno con la maggioranza semplice dei voti dei presenti.

Il Comitato di Dipartimento deve dotarsi di un regolamento di funzionamento in conformità a quanto stabilito nell’atto aziendale.

Hanno diritto a partecipare alle riunioni del Comitato, senza diritto di voto, un rappresentante della Direzione sanitaria, un rappresentante della Direzione tecnico-assistenziale e un rappresentante delle rispettive strutture della Provincia autonoma di Bolzano, competenti in materia.

In caso di necessità, il Direttore di Dipartimento ha facoltà, anche su proposta del Comitato di Dipartimento, di invitare alle riunioni altri operatori afferenti ai servizi ed esperti esterni nelle singole materie, un rappresentante dei pediatri di libera scelta e un rappresentante dei MMG, che non hanno diritto di voto.

La nomina dei componenti del Comitato di Dipartimento avviene con provvedimento del Direttore generale dell’Azienda sanitaria ed è correlata alla durata dell’incarico del Direttore di Dipartimento.

F) Funzioni del Comitato di Dipartimento

Il Comitato svolge le seguenti funzioni:

a) vigila sulla corretta esecuzione dei percorsi di prevenzione e di assistenza intra e interdipartimentali omogenei su tutto il territorio provinciale, validati a livello di Direzione aziendale;

b) fornisce indicazioni per la programmazione e lo svolgimento delle attività di informazione e formazione negli ambiti di competenza;

c) propone soluzioni per il superamento delle difficoltà legate al raggiungimento degli obiettivi;

d) provvede a dare indicazioni per il perseguimento della qualità e delle modalità di rendicontazione sull’attività svolta;

e) propone referenti e responsabili di progetti aziendali nell’area prevenzione;

f) esprime pareri non vincolanti su protocolli diagnostici e/o di prevenzione e procedure e standards operativi volti a rendere uniformi le modalità e i contenuti delle collaborazioni aziendali, proposti dalle strutture afferenti, dai gruppi di lavoro interni appositamente costituiti o da altri soggetti.

Ulteriori funzioni specifiche sono stabilite nell’atto aziendale dell’Azienda sanitaria.

G) Il Direttore di Dipartimento

Il Direttore di Dipartimento è sovraordinato, sul piano organizzativo, ai responsabili delle strutture afferenti al Dipartimento.

Il Direttore di Dipartimento viene nominato dal Direttore generale dell’Azienda sanitaria, scelto tra i direttori delle strutture complesse componenti il Dipartimento con almeno cinque anni di anzianità di servizio in tale funzione. Il Direttore di Dipartimento individua il proprio vicario tra i responsabili delle strutture con incarico di direzione di struttura complessa, affinché siano rappresentati in modo equilibrato i gruppi professionali.

L’incarico di Direttore di Dipartimento ha una durata massima di cinque anni ed è rinnovabile.

L’incarico è revocabile con giudizio motivato prima della scadenza fissata nell’atto di nomina per decisione del Direttore generale dell’Azienda sanitaria, sentiti il Direttore sanitario e il Direttore tecnico-assistenziale.

Il Direttore di Dipartimento risponde al Direttore generale dell’assetto organizzativo, della gestione, nonché del perseguimento degli obiettivi aziendali, in relazione alle risorse assegnate. Il Direttore di Dipartimento esercita potere di coordinamento, nonché attività di supporto nei confronti dei responsabili delle strutture afferenti al Dipartimento.

Al Direttore di Dipartimento, coadiuvato dal Coordinatore di Dipartimento, compete in particolare, in base alle risorse assegnate con gli atti aziendali di pianificazione strategica e di programmazione annuale nonché agli obiettivi concordati con il Direttore generale, sentiti gli altri componenti della Direzione aziendale, l’efficiente ed efficace erogazione delle prestazioni sanitarie di competenza del Dipartimento di prevenzione, nonché la negoziazione e valutazione degli indirizzi, obiettivi, attività e risorse con i responsabili delle strutture afferenti al Dipartimento e con i relativi coordinatori delle professioni sanitarie. Entro il mese di luglio dell’anno successivo a quello di riferimento il Direttore generale assieme agli altri componenti della Direzione aziendale procede alla verifica dei risultati conseguiti dal Direttore di Dipartimento.

Al Direttore del Dipartimento di prevenzione compete in particolare:

a) la responsabilità dell’assetto organizzativo complessivo della struttura e del suo funzionamento attuando modelli organizzativi concordati con la Direzione aziendale;

b) il compito di proporre, discutere e determinare con la Direzione aziendale, sentito anche il Comitato, gli obiettivi annuali e pluriennali e di garantire il raggiungimento degli obiettivi prefissati;

c) il coordinamento delle attività relative alle strutture e delle forme di collaborazione aziendali al fine del conseguimento degli obiettivi stabiliti dal piano annuale;

d) la verifica periodica dei risultati raggiunti al fine del conseguimento degli obiettivi annuali;

e) la negoziazione, secondo le intese intercorse con i responsabili delle strutture afferenti al Dipartimento e con i relativi coordinatori delle professioni sanitarie, del budget di Dipartimento con la Direzione aziendale e l’assegnazione delle risorse finanziarie ed umane a ciascuna struttura, sulla base degli obiettivi e dei piani di attività concordati con la Direzione aziendale;

f) la verifica del perseguimento degli obiettivi, dei risultati di attività e della qualità delle prestazioni erogate, nonché i relativi carichi di lavoro del personale;

g) la promozione e il coordinamento dell’attività programmatoria generale del Dipartimento e di promozione ed educazione alla salute in ambito aziendale;

h) il coordinamento dei programmi complessi di sanità pubblica, non riconducibili all’operatività delle singole strutture;

i) l’istituzione di gruppi di lavoro permanenti o temporanei costituiti da operatori delle diverse strutture, sentito il Comitato di Dipartimento;

j) la gestione diretta della quota di risorse per lo svolgimento delle attività della struttura tecnico-amministrativa del Dipartimento di prevenzione;

k) l’organizzazione e la gestione delle attività di competenza del Dipartimento di prevenzione in caso di eventi che determinano emergenze generali per la popolazione, a valenza pluridisciplinare. I relativi provvedimenti assumono valenza aziendale e sono vincolanti per tutte le strutture coinvolte;

l) rappresentare il Dipartimento nei rapporti con il Direttore generale, gli Organismi ed Enti esterni. Il Direttore del Dipartimento è membro della Conferenza dei presidenti delle comunità comprensoriali;

m) la convocazione del Comitato di Dipartimento, da esso presieduto;

n) l’attuazione delle decisioni definite in sede di Comitato verso l’interno e verso l’esterno con poteri e con assunzione diretta di responsabilità;

o) la definizione per ogni struttura afferente, del contenuto delle attività erogabili, al fine di garantire prestazioni e soluzioni organizzative sul territorio provinciale omogenee e coerenti con la normativa di riferimento.

Il modello organizzativo del Dipartimento di prevenzione è disciplinato nell’atto aziendale per quanto non regolamentato dalle suddette Linee Guida. Il Dipartimento di prevenzione deve dotarsi di un regolamento approvato con delibera del Direttore generale, la quale è sottoposta al controllo preventivo di legittimità ai sensi dell’art. 5 della L.P. 21 aprile 2017, n. 3.

H) Il Coordinatore di Dipartimento

Il Coordinatore di Dipartimento è nominato dal Direttore generale dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige su proposta del Direttore tecnico-assistenziale, scelto tra i coordinatori del personale sanitario non medico delle strutture che costituiscono il Dipartimento di prevenzione. Il Coordinatore di Dipartimento è componente del Comitato di Dipartimento, rappresentando, all’interno dello stesso, il settore di afferenza.

La durata in carica del Coordinatore di Dipartimento è legata alla durata del Direttore di Dipartimento ed è rinnovabile.

L’incarico è revocato con giudizio motivato prima della scadenza fissata nell’atto di nomina per decisione del Direttore generale dell’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige, sentito rispettivamente il Direttore sanitario o il Direttore tecnico-assistenziale.

Al Coordinatore di Dipartimento sono attribuite le seguenti funzioni:

a) coadiuva il Direttore di Dipartimento in tutti gli ambiti di competenza per l’efficace raggiungimento degli obiettivi annuali e pluriennali di cui ne è anche responsabile.

b) discute gli obiettivi annuali e pluriennali con i coordinatori del personale sanitario non medico afferenti alle strutture del Dipartimento di Prevenzione;

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction Delibera 9 gennaio 2018, n. 1
ActionAction Delibera 16 gennaio 2018, n. 23
ActionAction Delibera 23 gennaio 2018, n. 57
ActionAction Delibera 30 gennaio 2018, n. 71
ActionAction Delibera 30 gennaio 2018, n. 79
ActionAction Delibera 30 gennaio 2018, n. 89
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 93
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 94
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 100
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 114
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 121
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 122
ActionAction Delibera 6 febbraio 2018, n. 125
ActionAction Delibera 16 febbraio 2018, n. 143
ActionAction Delibera 27 febbraio 2018, n. 169
ActionAction Delibera 6 marzo 2018, n. 186
ActionAction Delibera 13 marzo 2018, n. 223
ActionAction Delibera 20 marzo 2018, n. 240
ActionAction Delibera 20 marzo 2018, n. 256
ActionAction Delibera 20 marzo 2018, n. 257
ActionAction Delibera 27 marzo 2018, n. 278
ActionAction Delibera 27 marzo 2018, n. 282
ActionAction Delibera 27 marzo 2018, n. 286
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 306
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 307
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 320
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 321
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 331
ActionAction Delibera 10 aprile 2018, n. 332
ActionAction Delibera 17 aprile 2018, n. 350
ActionAction Delibera 17 aprile 2018, n. 357
ActionAction Delibera 24 aprile 2018, n. 375
ActionAction Delibera 24 aprile 2018, n. 384
ActionAction Delibera 8 maggio 2018, n. 397
ActionAction Delibera 8 maggio 2018, n. 415
ActionAction Delibera 15 maggio 2018, n. 431
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 477
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 497
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 499
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 505
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 506
ActionAction Delibera 29 maggio 2018, n. 508
ActionActionALLEGATO A
ActionAction Delibera 5 giugno 2018, n. 529
ActionAction Delibera 5 giugno 2018, n. 531
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 552
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 555
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 556
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 562
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 564
ActionAction Delibera 12 giugno 2018, n. 566
ActionAction Delibera 19 giugno 2018, n. 579
ActionAction Delibera 19 giugno 2018, n. 601
ActionAction Delibera 26 giugno 2018, n. 630
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 642
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 656
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 657
ActionAction Delibera 3 luglio 2018, n. 658
ActionAction Delibera 10 luglio 2018, n. 673
ActionAction Delibera 17 luglio 2018, n. 694
ActionAction Delibera 17 luglio 2018, n. 703
ActionAction Delibera 17 luglio 2018, n. 704
ActionAction Delibera 24 luglio 2018, n. 731
ActionAction Delibera 24 luglio 2018, n. 733
ActionAction Delibera 31 luglio 2018, n. 757
ActionAction Delibera 31 luglio 2018, n. 772
ActionAction Delibera 7 agosto 2018, n. 778
ActionAction Delibera 7 agosto 2018, n. 780
ActionAction Delibera 7 agosto 2018, n. 796
ActionAction Delibera 7 agosto 2018, n. 798
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 813
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 833
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 839
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 840
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 849
ActionAction Delibera 28 agosto 2018, n. 853
ActionAction Delibera 4 settembre 2018, n. 874
ActionAction Delibera 4 settembre 2018, n. 876
ActionAction Delibera 4 settembre 2018, n. 883
ActionAction Delibera 11 settembre 2018, n. 902
ActionAction Delibera 11 settembre 2018, n. 905
ActionAction Delibera 11 settembre 2018, n. 911
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 922
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 939
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 942
ActionAction Delibera 18 settembre 2018, n. 949
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 955
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 957
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 961
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 964
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 965
ActionAction Delibera 25 settembre 2018, n. 968
ActionAction Delibera 2 ottobre 2018, n. 978
ActionAction Delibera 2 ottobre 2018, n. 998
ActionAction Delibera 2 ottobre 2018, n. 1005
ActionAction Delibera 9 ottobre 2018, n. 1015
ActionAction Delibera 9 ottobre 2018, n. 1027
ActionAction Delibera 9 ottobre 2018, n. 1031
ActionAction Delibera 16 ottobre 2018, n. 1051
ActionAction Delibera 16 ottobre 2018, n. 1076
ActionAction Delibera 16 ottobre 2018, n. 1077
ActionAction Delibera 23 ottobre 2018, n. 1086
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1098
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1099
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1102
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1104
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1108
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1109
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1120
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1121
ActionAction Delibera 30 ottobre 2018, n. 1122
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1150
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1156
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1158
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1161
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1165
ActionAction Delibera 13 novembre 2018, n. 1168
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1170
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1199
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1202
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1206
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1209
ActionAction Delibera 20 novembre 2018, n. 1210
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1211
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1220
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1235
ActionAction Delibera 27 novembre 2018, n. 1249
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1269
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1284
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1286
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1324
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1339
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1346
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1347
ActionAction Delibera 11 dicembre 2018, n. 1350
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1363
ActionAction Delibera 4 dicembre 2018, n. 1285
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1380
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1381
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1382
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1384
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1385
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1386
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1387
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1400
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1401
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1404
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1405
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1415
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1418
ActionAction Delibera 18 dicembre 2018, n. 1419
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1432
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1434
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1435
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1446
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1449
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1466
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1470
ActionAction Delibera 28 dicembre 2018, n. 1472
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico