In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 31 ottobre 2017, n. 1168
Valutazione delle alunne e degli alunni nel primo ciclo di istruzione

...omissis...

1. I criteri generali sulla valutazione delle alunne e degli alunni delle scuole del primo ciclo di istruzione ed i criteri sull'ammissione alla classe successiva o al periodo didattico successivo nonché all'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione di cui all’allegato sono approvati.

2. Questa deliberazione trova applicazione a decorrere dall’anno scolastico 2017/2018.

3. Le deliberazioni 5 giugno 2000, n. 2015, 12 ottobre 2009, n. 2485, e successive modifiche, 15 luglio 2013, n. 1064, e 27 maggio 2014, n. 617, sono revocate.

La presente deliberazione è pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Allegato

Valutazione delle alunne e degli alunni nel primo ciclo di istruzione

Art. 1
Finalità e oggetto della valutazione

1. La valutazione delle alunne e degli alunni ha carattere prevalentemente formativo e proattivo. Persegue l'obiettivo, accertando le competenze acquisite ma anche le carenze formative, di promuovere la capacità di autovalutazione delle alunne e degli alunni, di migliorarne i livelli formativi e di competenza, al fine di documentare lo sviluppo dell’identità personale. Ulteriore obiettivo è di confermare e/o modificare l'atteggiamento delle alunne e degli alunni nei confronti dell'apprendimento e di favorirne il successo formativo.

2. Oggetto della valutazione sono i processi formativi, i risultati di apprendimento delle alunne e degli alunni in tutte le discipline e gli ambiti interdisciplinari previsti dalle indicazioni provinciali, nonché nelle ulteriori attività previste nell'orario annuale personalizzato. Ai fini della valutazione vengono prese in considerazione la quota obbligatoria di base, la quota obbligatoria riservata all'istituzione scolastica e le attività opzionali facoltative. Oggetto della valutazione è anche il livello globale dello sviluppo degli apprendimenti conseguito dalle alunne e dagli alunni nonché il loro comportamento. I processi formativi e i risultati di apprendimento nell’ambito delle offerte formative extrascolastiche non sono oggetto della valutazione da parte della scuola. La scuola può riconoscere esperienze maturate in contesti di formazione informale e non formale, a fronte di opportune forme di certificazione o di documentazione, per la definizione del curriculum dell’alunno e dell’alunna.

3. La valutazione del comportamento si riferisce allo sviluppo delle alunne e degli alunni nell’ambito delle competenze di cittadinanza e fa riferimento allo statuto dello studente e della studentessa, a eventuali patti educativi di corresponsabilità e al regolamento interno dell’istituto.

Art. 2
Compiti del collegio dei docenti

1. Il collegio dei docenti, nel rispetto di quanto stabilito dalla presente deliberazione, stabilisce criteri e modalità per la valutazione delle alunne e degli alunni al fine di garantire equità e trasparenza nella valutazione stessa. In particolare, il collegio dei docenti descrive la corrispondenza tra i voti in decimi e i diversi livelli di apprendimento; definisce altresì i criteri generali per la non ammissione alla classe successiva e all’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione nel caso di voto inferiore a sei decimi in una o più discipline.

2. La deliberazione del collegio dei docenti sui criteri e sulle modalità per la valutazione delle alunne e degli alunni è da pubblicare sul sito istituzionale della scuola.

3. Inoltre, il collegio dei docenti esercita i compiti di cui all’articolo 4, comma 4, lettere a) e b), e all’articolo 7 della presente deliberazione.

Art. 3
Compiti del personale docente

1. Il personale docente valuta, durante l'intero anno scolastico, i processi formativi e i risultati di apprendimento in tutte le discipline, negli ambiti interdisciplinari e nelle ulteriori attività dell'orario annuale personalizzato e, inoltre, documenta il livello globale dello sviluppo degli apprendimenti conseguito dalle alunne e dagli alunni nonché il comportamento. La valutazione fa riferimento alle indicazioni provinciali e si basa su prove scritte, orali e pratiche, su osservazioni relative agli apprendimenti e su altri elementi e procedimenti idonei, raccolti in quantità sufficiente e riportati nei rispettivi documenti della scuola.

Art. 4
Compiti e composizione del consiglio di classe

1. Al termine di ciascun periodo di valutazione, il consiglio di classe esprime collegialmente la valutazione periodica o finale delle alunne e degli alunni. La valutazione periodica e finale riguardano i processi formativi e i risultati di apprendimento delle alunne e degli alunni in tutte le discipline, negli ambiti interdisciplinari e nelle ulteriori attività previste nell'orario annuale personalizzato nonché il livello globale dello sviluppo degli apprendimenti conseguito dalle alunne e dagli alunni e il comportamento.

2. Le sedute di scrutinio hanno luogo immediatamente prima della conclusione del rispettivo periodo di valutazione. Il calendario degli scrutini viene definito dalla dirigente scolastica o dal dirigente scolastico.

3. Ai fini della valutazione di cui al comma 1 appartengono di diritto al consiglio di classe:

a) come presidente, la dirigente scolastica o il dirigente scolastico oppure la sua vicaria o il suo vicario oppure una o un docente della classe delegata o delegato dalla dirigente scolastica o dal dirigente scolastico;

b) il personale docente delle discipline nonché degli ambiti interdisciplinari;

c) il o la docente di sostegno assegnato o assegnata alla classe; nel caso in cui a più docenti di sostegno sia affidata la stessa classe, la valutazione è effettuata collegialmente ed è espressa con un unico voto;

d) il o la docente di religione cattolica o delle attività alternative alla religione cattolica, limitatamente alle alunne e agli alunni, che frequentano tale insegnamento o le attività alternative alla religione cattolica secondo le disposizioni vigenti;

e) nella scuola secondaria di primo grado, il personale docente di strumento musicale, limitatamente alle alunne e agli alunni che frequentano le lezioni di strumento musicale;

f) le collaboratrici o i collaboratori all'integrazione, limitatamente alle alunne e agli alunni loro assegnate o assegnati, senza diritto di voto.

4. Ai fini della valutazione di cui al comma 1 non appartengono di diritto al consiglio di classe:

a) il personale docente che insegna alle alunne e agli alunni esclusivamente nell'ambito della quota obbligatoria riservata all'istituzione scolastica e/o della quota facoltativa opzionale nonché nell’ambito del potenziamento e dell’arricchimento dell’offerta formativa; questi docenti forniscono elementi di informazione sui livelli di apprendimento delle alunne e degli alunni nelle forme stabilite dal collegio dei docenti;

b) il personale docente di lingua per le alunne e gli alunni con background migratorio e il personale docente che è assegnato alla classe per l’insegnamento nel team o in compresenza; il collegio dei docenti delibera in quale forma le osservazioni sullo sviluppo degli apprendimenti sono considerate nel consiglio di classe.

5. Ogni docente deve essere sostituita o sostituito, in caso di assenza, da un’altra o da un altro docente. Qualora la presidenza venga assunta da una o da un docente, la stessa o lo stesso non viene sostituita o sostituito.

Art. 5
Modalità di valutazione

1. La valutazione dei processi formativi e dei risultati di apprendimento nelle discipline, negli ambiti interdisciplinari e nelle ulteriori attività dell'orario annuale personalizzato avviene in modo continuativo, ha funzione proattiva, riguarda conoscenze, abilità, atteggiamenti e competenze.

2. La valutazione periodica e finale dei processi formativi e dei risultati di apprendimento nelle discipline e negli ambiti interdisciplinari viene espressa in cifre della scala decimale scritte in lettere. La valutazione degli ambiti e delle attività interdisciplinari può avvenire anche attraverso l'indicazione dei livelli raggiunti, a condizione che nella scheda di valutazione venga evidenziata la loro corrispondenza con una valutazione in cifre.

3. Qualora nella scuola primaria l'insegnamento di discipline sia previsto in forma raggruppata, la valutazione delle discipline può essere raggruppata ed effettuata comprensivamente, a condizione che tale valutazione comprensiva sia espressamente prevista dai criteri di valutazione.

4. Nella scuola primaria e secondaria di primo grado gli ambiti interdisciplinari possono essere anche associati a discipline, a condizione che tale associazione sia prevista dai criteri di valutazione.

5. Le modalità di valutazione della quota obbligatoria riservata all'istituzione scolastica e della quota opzionale facoltativa sono definite dalla rispettiva intendente scolastica o dal rispettivo intendente scolastico.

6. La valutazione periodica e finale del livello globale di sviluppo degli apprendimenti conseguito dalle alunne e dagli alunni e del comportamento avvengono mediante giudizio sintetico.

Art. 6
Ammissione alla classe successiva

1. Le alunne e gli alunni sono ammessi alla classe successiva o all’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione anche in caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline, salvo quanto previsto dai commi 3 e 4 del presente articolo.

2. Nel caso in cui le valutazioni periodiche o finali delle alunne e degli alunni indichino carenze nell’acquisizione dei livelli di apprendimento, l’istituzione scolastica, nell’ambito dell’autonomia didattica e organizzativa, attiva specifiche strategie per il miglioramento dei livelli di apprendimento e le comunica con forme idonee agli esercenti la responsabilità genitoriale.

3. Nella scuola primaria, solo in casi eccezionali, con specifica motivazione e all'unanimità, il consiglio di classe può non ammettere le alunne e gli alunni alla classe successiva.

4. Nella scuola secondaria di primo grado il consiglio di classe può deliberare, tenuto conto dei criteri generali stabiliti dal collegio dei docenti, a maggioranza, in caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline, con adeguata motivazione, la non ammissione alla classe successiva o all’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione. In caso di parità di voti, prevale il voto della o del presidente. Il voto espresso dalla o dal docente di religione cattolica o delle attività alternative alla religione cattolica, se determinante per la non ammissione alla classe successiva o all’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione, diviene un giudizio motivato iscritto a verbale.

Art. 7
Validità dell’anno scolastico nella scuola secondaria di primo grado

1. Presupposto per l'ammissione alla classe successiva della scuola secondaria di primo grado e per l'ammissione all'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione è la validità dell'anno scolastico. L’anno scolastico è considerato valido se frequentato dalle alunne e dagli alunni per almeno il 75 per cento delle attività didattiche ed educative secondo l'orario annuale personalizzato. In casi eccezionali e documentati, il consiglio di classe, sulla base di criteri deliberati dal collegio dei docenti, può considerare valido l’anno scolastico anche qualora la percentuale del 75 per cento non sia stata raggiunta, a condizione che vi siano elementi di valutazione sufficienti per procedere comunque alla valutazione finale.

2. In caso di mancata validità dell’anno scolastico non viene effettuata alcuna valutazione. La mancata validità dell'anno scolastico comporta la non ammissione alla classe successiva della scuola secondaria di primo grado oppure la non ammissione all'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione.

3. Le scuole comunicano tempestivamente agli esercenti la responsabilità genitoriale se il raggiungimento della validità dell’anno scolastico è a rischio.

Art. 8
Scheda di valutazione e certificazione delle competenze acquisite

1. La valutazione periodica e finale dei processi formativi e dei risultati di apprendimento nelle discipline e negli ambiti interdisciplinari nonché la valutazione del livello globale dello sviluppo degli apprendimenti conseguito dalle alunne e dagli alunni e del comportamento sono annotati nella scheda di valutazione. La scheda di valutazione può essere sostituita, nel primo quadrimestre, da una comunicazione scritta, trasmessa agli esercenti la responsabilità genitoriale, contenente tutti gli elementi della scheda di valutazione. Le discipline e gli ambiti interdisciplinari, la cui definizione nella scheda di valutazione oppure nella comunicazione scritta sostitutiva corrisponde a quella prevista dalle rispettive indicazioni provinciali, sono di norma valutate separatamente. Qualora, ai sensi del precedente articolo 5, commi 3 e 4, la valutazione sia effettuata in modo comprensivo, i raggruppamenti sono indicati nella scheda di valutazione.

2. Nell'attestato, che è parte della scheda di valutazione, viene indicato se un’alunna o un alunno è ammessa o ammesso ovvero non ammessa o non ammesso alla classe successiva o all'esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione.

3. Al termine della scuola primaria e secondaria di primo grado le alunne e gli alunni ottengono una certificazione delle competenze acquisite. Nella certificazione vengono descritte le competenze chiave con riferimento alle competenze previste dalle rispettive indicazioni provinciali, rispettivamente al termine della scuola primaria ovvero della scuola secondaria di primo grado. Per la certificazione delle competenze acquisite le scuole primarie e secondarie di primo grado utilizzano un modello vincolante per tutte le scuole, predisposto dalla rispettiva intendente scolastica o dal rispettivo intendente scolastico. Tale certificazione viene consegnata alle alunne e agli alunni congiuntamente all'attestato e alla scheda di valutazione della quinta classe della scuola primaria ovvero della terza classe della scuola secondaria di primo grado. La certificazione delle competenze acquisite sostituisce, nella valutazione finale della quinta classe della scuola primaria e della terza classe della scuola secondaria di primo grado, la valutazione del livello globale dello sviluppo degli apprendimenti conseguito dalle alunne e dagli alunni. È facoltà delle istituzioni scolastiche mantenere la valutazione del livello globale dello sviluppo degli apprendimenti conseguito dalle alunne e dagli alunni anche alla fine della quinta classe della scuola primaria o della terza classe della scuola secondaria di primo grado.

Art. 9
Valutazione delle alunne e degli alunni con una diagnosi funzionale o con un referto clinico

1. La valutazione degli processi formativi, dei risultati di apprendimento, del livello globale dello sviluppo degli apprendimenti conseguito dalle alunne e dagli alunni e del comportamento, l’ammissione alla classe successiva nonché l’ammissione all’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione delle alunne e degli alunni con una diagnosi funzionale o con un referto clinico avvengono secondo le disposizioni di cui ai precedenti articoli, sulla base del percorso educativo individualizzato e personalizzato.

2. Le prove di verifica sono predisposte in modo da corrispondere agli insegnamenti impartiti e sono idonee a valutare i progressi delle alunne e degli alunni in rapporto alle loro potenzialità e ai loro livelli di apprendimento iniziali. Tali alunne ed alunni hanno diritto alle misure individualizzate e personalizzate, all’utilizzo degli ausili, alle misure compensative e dispensative di cui al percorso educativo individualizzato e personalizzato.

3. In particolare nelle discipline, nelle quali si è lavorato, sulla base del percorso educativo individualizzato e personalizzato, con obiettivi non differenziati, vengono scelte, nell’ambito dell’adattamento delle prove di verifica, procedure che consentano alle alunne e agli alunni di dimostrare il livello di apprendimento effettivamente conseguito.

4. Nel verbale delle sedute di scrutinio vengono indicate le discipline con obiettivi differenziati secondo il percorso educativo individualizzato e personalizzato. Nelle schede di valutazione, negli attestati, nei diplomi finali e nella pubblicazione dei risultati non viene fatta menzione delle misure di cui al presente articolo.

5. Per le alunne e gli alunni con diritto alle misure di cui alla legge 5 febbraio 1992, n. 104, il modello per la certificazione delle competenze può essere adattato sulla base del rispettivo percorso educativo individualizzato e personalizzato.

Art. 10
Valutazione delle alunne e degli alunni con un Piano Didattico Personalizzato sulla base di una deliberazione del consiglio di classe

1. Le misure di cui ai commi da 1 a 4 del precedente articolo vengono applicate alle alunne e agli alunni per le quali o per i quali è stato predisposto un percorso educativo individualizzato e personalizzato sulla base di una deliberazione del consiglio di classe secondo le vigenti disposizioni.

2. Per promuovere l’integrazione e l’inclusione delle alunne e degli alunni con background migratorio, la valutazione nei primi due anni, nei quali le alunne e gli alunni acquisiscono le competenze di base nella lingua d’insegnamento, può avvenire sulla base di un percorso educativo individualizzato e personalizzato con obiettivi differenziati. In tal caso la certificazione delle competenze può essere adattata al percorso educativo individualizzato e personalizzato. Qualora necessario, un percorso educativo individualizzato e personalizzato costituisce, anche decorsi due anni, la base per l’insegnamento e per la valutazione delle alunne e degli alunni con background migratorio.

Art. 11
Valutazione delle alunne e degli alunni che frequentano la scuola in ospedale

1. Per le alunne e gli alunni che frequentano corsi di istruzione funzionanti in ospedali o luoghi di cura o ai quali è impartita l’istruzione domiciliare, i docenti che impartiscono i relativi insegnamenti trasmettono alla scuola di appartenenza elementi di conoscenza in ordine al percorso formativo individualizzato attuato dalle predette alunne e dai predetti alunni, ai fini della valutazione periodica e finale. Nel caso in cui la frequenza dei suddetti corsi abbia una durata prevalente rispetto a quella nella classe di appartenenza, i docenti che impartiscono i relativi insegnamenti, effettuano lo scrutinio previa intesa con la scuola di riferimento.

Art. 12
Pubblicazione dei risultati

1. I risultati della valutazione delle alunne e degli alunni della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado sono pubblicati tramite affissione all'albo di istituto. In caso di valutazione positiva verrà indicato “ammessa alla classe successiva” o “ammesso alla classe successiva” oppure “ammessa all’esame” o “ammesso all'esame”, in caso di valutazione negativa “non ammessa alla classe successiva” o “non ammesso alla classe successiva” oppure “non ammessa all’esame” o “non ammesso all'esame”.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction Delibera 10 gennaio 2017, n. 10
ActionAction Delibera 10 gennaio 2017, n. 19
ActionAction Delibera 10 gennaio 2017, n. 20
ActionAction Delibera 10 gennaio 2017, n. 21
ActionAction Delibera 17 gennaio 2017, n. 32
ActionAction Delibera 17 gennaio 2017, n. 52
ActionAction Delibera 24 gennaio 2017, n. 56
ActionAction Delibera 24 gennaio 2017, n. 71
ActionAction Delibera 31 gennaio 2017, n. 111
ActionAction Delibera 31 gennaio 2017, n. 113
ActionAction Delibera 31 gennaio 2017, n. 120
ActionAction Delibera 31 gennaio 2017, n. 123
ActionAction Delibera 14 febbraio 2017, n. 166
ActionAction Delibera 21 febbraio 2017, n. 199
ActionAction Delibera 21 febbraio 2017, n. 209
ActionAction Delibera 21 febbraio 2017, n. 212
ActionAction Delibera 21 febbraio 2017, n. 213
ActionAction Delibera 7 marzo 2017, n. 229
ActionAction Delibera 7 marzo 2017, n. 240
ActionAction Delibera 7 marzo 2017, n. 248
ActionAction Delibera 7 marzo 2017, n. 254
ActionAction Delibera 7 marzo 2017, n. 256
ActionAction Delibera 7 marzo 2017, n. 257
ActionAction Delibera 14 marzo 2017, n. 258
ActionAction Delibera 14 marzo 2017, n. 286
ActionAction Delibera 21 marzo 2017, n. 287
ActionAction Delibera 28 marzo 2017, n. 346
ActionAction Delibera 28 marzo 2017, n. 350
ActionAction Delibera 4 aprile 2017, n. 389
ActionAction Delibera 4 aprile 2017, n. 390
ActionAction Delibera 11 aprile 2017, n. 398
ActionAction Delibera 11 aprile 2017, n. 430
ActionAction Delibera 11 aprile 2017, n. 433
ActionAction Delibera 18 aprile 2017, n. 447
ActionAction Delibera 18 aprile 2017, n. 454
ActionAction Delibera 18 aprile 2017, n. 456
ActionAction Delibera 18 aprile 2017, n. 457
ActionAction Delibera 2 maggio 2017, n. 470
ActionAction Delibera 2 maggio 2017, n. 478
ActionAction Delibera 2 maggio 2017, n. 481
ActionAction Delibera 2 maggio 2017, n. 483
ActionAction Delibera 9 maggio 2017, n. 509
ActionAction Delibera 9 maggio 2017, n. 505
ActionAction Delibera 9 maggio 2017, n. 506
ActionAction Delibera 16 maggio 2017, n. 520
ActionAction Delibera 30 maggio 2017, n. 575
ActionAction Delibera 30 maggio 2017, n. 601
ActionAction Delibera 30 maggio 2017, n. 607
ActionAction Delibera 13 giugno 2017, n. 612
ActionAction Delibera 13 giugno 2017, n. 614
ActionAction Delibera 13 giugno 2017, n. 637
ActionAction Delibera 13 giugno 2017, n. 646
ActionAction Delibera 13 giugno 2017, n. 648
ActionAction Delibera 13 giugno 2017, n. 655
ActionAction Delibera 13 giugno 2017, n. 659
ActionAction Delibera 20 giugno 2017, n. 684
ActionAction Delibera 20 giugno 2017, n. 688
ActionAction Delibera 20 giugno 2017, n. 689
ActionAction Delibera 20 giugno 2017, n. 692
ActionAction Delibera 27 giugno 2017, n. 695
ActionAction Delibera 4 luglio 2017, n. 742
ActionAction Delibera 18 luglio 2017, n. 794
ActionAction Delibera 18 luglio 2017, n. 795
ActionAction Delibera 25 luglio 2017, n. 808
ActionAction Delibera 25 luglio 2017, n. 813
ActionAction Delibera 25 luglio 2017, n. 815
ActionAction Delibera 25 luglio 2017, n. 816
ActionAction Delibera 25 luglio 2017, n. 822
ActionAction Delibera 25 luglio 2017, n. 823
ActionAction Delibera 8 agosto 2017, n. 848
ActionAction Delibera 8 agosto 2017, n. 874
ActionAction Delibera 8 agosto 2017, n. 860
ActionAction Delibera 22 agosto 2017, n. 884
ActionAction Delibera 22 agosto 2017, n. 903
ActionAction Delibera 22 agosto 2017, n. 908
ActionAction Delibera 22 agosto 2017, n. 909
ActionAction Delibera 29 agosto 2017, n. 928
ActionAction Delibera 29 agosto 2017, n. 929
ActionAction Delibera 29 agosto 2017, n. 943
ActionAction Delibera 29 agosto 2017, n. 950
ActionAction Delibera 29 agosto 2017, n. 952
ActionAction Delibera 5 settembre 2017, n. 967
ActionAction Delibera 19 settembre 2017, n. 1003
ActionAction Delibera 19 settembre 2017, n. 1005
ActionAction Delibera 26 settembre 2017, n. 1008
ActionAction Delibera 26 settembre 2017, n. 1033
ActionAction Delibera 26 settembre 2017, n. 1034
ActionAction Delibera 26 settembre 2017, n. 1036
ActionAction Delibera 3 ottobre 2017, n. 1054
ActionAction Delibera 3 ottobre 2017, n. 1060
ActionAction Delibera 10 ottobre 2017, n. 1068
ActionAction Delibera 10 ottobre 2017, n. 1080
ActionAction Delibera 10 ottobre 2017, n. 1092
ActionAction Delibera 10 ottobre 2017, n. 1096
ActionAction Delibera 17 ottobre 2017, n. 1118
ActionAction Delibera 17 ottobre 2017, n. 1119
ActionAction Delibera 17 ottobre 2017, n. 1121
ActionAction Delibera 17 ottobre 2017, n. 1122
ActionAction Delibera 17 ottobre 2017, n. 1123
ActionAction Delibera 31 ottobre 2017, n. 1168
ActionActionAllegato
ActionAction Delibera 31 ottobre 2017, n. 1179
ActionAction Delibera 31 ottobre 2017, n. 1180
ActionAction Delibera 31 ottobre 2017, n. 1181
ActionAction Delibera 31 ottobre 2017, n. 1184
ActionAction Delibera 14 novembre 2017, n. 1229
ActionAction Delibera 14 novembre 2017, n. 1231
ActionAction Delibera 14 novembre 2017, n. 1246
ActionAction Delibera 21 novembre 2017, n. 1279
ActionAction Delibera 28 novembre 2017, n. 1313
ActionAction Delibera 28 novembre 2017, n. 1315
ActionAction Delibera 28 novembre 2017, n. 1322
ActionAction Delibera 5 dicembre 2017, n. 1343
ActionAction Delibera 5 dicembre 2017, n. 1344
ActionAction Delibera 5 dicembre 2017, n. 1345
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1366
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1382
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1387
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1388
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1390
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1393
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1395
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1401
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1405
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1407
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1412
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1413
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1415
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1421
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1422
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1434
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1435
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1441
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1448
ActionAction Delibera 28 dicembre 2017, n. 1480
ActionAction Delibera 28 dicembre 2017, n. 1497
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico