In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

f) Decreto del Presidente della Provincia 16 agosto 2017, n. 291)
Regolamento d'esecuzione relativo alle tariffe per l'acqua potabile

Visualizza documento intero
1)
Pubblicato nel B.U. 22 agosto 2017, n. 34.

Art. 3 (Costi da computare nella tariffa)

(1) La tariffa per l’anno “a” è definita a partire dai costi consuntivi di cui al comma 2 del presente articolo, sostenuti dal gestore per il servizio di acquedotto nell’anno “a-2”. Nel caso di affidamento del servizio ad un gestore diverso dal Comune, i costi consuntivi devono essere comunicati entro il 30 settembre dell’anno “a-1” dal gestore al comune competente.

(2) Le voci di costo da includere in tariffa, oltre all’IRAP, sono le seguenti tra quelle specificate all’articolo 2425 del codice civile oppure, nel caso dei Comuni, tra quelle corrispondenti al piano dei conti della contabilità dell’ente:

B6) per materie prime, sussidiarie, di consumo e di merci

B7) per servizi

B8) per godimento di beni di terzi

B9) per il personale

B10) ammortamenti e svalutazioni

B11) variazioni delle rimanenze di materie prime, sussidiarie, di consumo e merci

B12) accantonamenti per rischi

B13) altri accantonamenti

B14) oneri diversi di gestione

C17) interessi e altri oneri finanziari

(3) Gli importi delle voci di costo di cui al comma 2 sono computati in tariffa dopo essere stati aggiornati al tasso di inflazione per l’anno “a-1”, calcolato in base all’indice provinciale dei prezzi al consumo senza tabacchi per le famiglie di operai e impiegati dall’Istituto provinciale di statistica ASTAT.

(4) Gli ammortamenti sulle immobilizzazioni materiali ed immateriali utilizzate per il servizio di fornitura dell’acqua potabile sono computati in tariffa tenendo conto del costo storico di ogni bene presente in bilancio nell’anno “a-2”, al netto dei contributi in conto capitale e del fondo nuovi investimenti di cui all’articolo 4 e degli oneri di urbanizzazione già versati dagli utenti al Comune. Le aliquote di ammortamento da applicare ai fini tariffari corrispondono a quanto applicato dal gestore nel suo bilancio. 2)

(5) Il limite per l’aumento tariffario annuo massimo (cap tariffario) è pari al 4,5%, a cui va aggiunto il tasso di inflazione programmato, così come definito dal Documento di Economia e Finanza pubblicato dal Governo italiano nell’anno in cui sono calcolate le tariffe.

2)
Il testo tedesco dell'art. 3, comma 4, è stato modificato dall'art. 1, comma 1, del D.P.P. 21 settembre 2018, n. 24.
ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionA Inquinamento del suolo e smaltimento dei rifiuti solidi
ActionActionB Tutela del paesaggio
ActionActionC Inquinamento prodotto da rumore
ActionActionD Inquinamento dell' aria
ActionActionE Tutela della flora e della fauna
ActionActionF Tutela delle acque e utilizzazione delle risorse idriche
ActionActiona) Legge provinciale 18 giugno 2002, n. 8
ActionActionb) Decreto del Presidente della Provincia 20 marzo 2006, n. 12 —
ActionActionc) Decreto del Presidente della Provincia 24 luglio 2006, n. 35
ActionActiond) Decreto del Presidente della Provincia 21 gennaio 2008, n. 6
ActionActione) Legge provinciale 13 febbraio 2013, n. 1
ActionActionf) Decreto del Presidente della Provincia 16 agosto 2017, n. 29
ActionActionArt. 1 (Finalità)
ActionActionArt. 2 (Tariffe per l’acqua potabile)
ActionActionArt. 3 (Costi da computare nella tariffa)
ActionActionArt. 4 (Fondo Nuovi Investimenti)
ActionActionArt. 5 (Conguaglio per variazioni nei volumi di acqua erogati)
ActionActionArt. 6 (Altri ricavi non derivanti dalla tariffa)
ActionActionArt. 7 (Riconoscimento di costi straordinari)
ActionActionArt. 8 (Obbligo di reinvestire gli utili)
ActionActionArt. 9 (Calcolo della tariffa)
ActionActionArt. 10 (Valore residuo degli impianti)
ActionActionArt. 11 (Esenzione e riduzione della tariffa, garanzia del minimo vitale)
ActionActionArt. 12 (Decorrenza e termine dell’obbligo di pagamento)
ActionActionArt. 13 (Disposizioni per la salvaguardia dell’efficienza, della trasparenza e per la non discriminazione)
ActionActionArt. 14 (Disposizioni transitorie e finali)
ActionActiong) Decreto del Presidente della Provincia 6 novembre 2017, n. 40
ActionActionh) Decreto del Presidente della Provincia 18 ottobre 2018, n. 28
ActionActioni) Decreto del Presidente della Provincia 13 dicembre 2019, n. 34
ActionActionG Valutazione dell' impatto ambientale
ActionActionH Protezione degli animali
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Territorio e paesaggio
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico