In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 10 gennaio 2017, n. 19
Criteri per la concessione di aiuti per la coltivazione ecocompatibile di cereali (modificata con delibera n. 117 del 31.01.2017)

Kriterien

Criteri per la concessione di aiuti per la coltivazione ecocompatibile di cereali

Articolo 1
Oggetto degli aiuti

1. I presenti criteri disciplinano, ai sensi dell’articolo 4, comma 1, lettera l), della legge provinciale 14 dicembre 1998, n. 11, e successive modifiche, le modalità di concessione di aiuti per la produzione e commercializzazione di prodotti agricoli.

2. Gli aiuti vengono concessi ai sensi del regolamento (UE) n. 1408/2013 della Commissione, del 18 dicembre 2013, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis” nel settore agricolo. Tale regolamento prevede che possano essere concessi, a favore delle imprese che operano nel settore della produzione primaria di prodotti agricoli, aiuti “de minimis” fino a 15.000 euro nell’arco di tre esercizi finanziari.

Articolo 2
Beneficiari

1. Beneficiari degli aiuti di cui al comma 1 dell’articolo 1 sono microimprese attive nella produzione primaria di prodotti agricoli, che coltivano le specie elencate all’articolo 4.

Articolo 3
Impegni

1. Il/La richiedente nel ciclo di coltivazione dei cereali si impegna a rispettare le seguenti condizioni:

a) rinuncia all’utilizzo di sementi conciate;

b) rinuncia all’utilizzo di prodotti fitosanitari, compresi i regolatori di crescita;

c) rinuncia all’utilizzo di fertilizzanti minerali non ammessi in agricoltura biologica nonché di fanghi di depurazione;

d) rotazione delle colture, che limita la coltivazione di cereali, eccetto la segale, sulla stessa superficie a due anni consecutivi;

e) rinuncia all’utilizzo di sementi geneticamente modificate.

2. Per dimostrare il rispetto di tali impegni il/la richiedente deve:

a) garantire agli organismi di controllo in qualsiasi momento e senza esplicita richiesta il libero accesso alle superfici coltivate ed esibire i documenti richiesti ai fini del controllo;

b) permettere, in caso di verifiche supplementari, anche il prelievo di campioni di terreno e di materiale vegetativo per le analisi di laboratorio.

Articolo 4
Specie ammesse

1. L’aiuto è concesso ai richiedenti che coltivano in Provincia di Bolzano le seguenti specie cerealicole o grano saraceno (Fagopyrum esculentum):

a) segale (Secale cereale);

b) grano tenero (Triticum aestivum);

c) orzo (Hordeum vulgare);

d) avena (Avena sativa);

e) farro spelta (Triticum spelta);

f) grano duro (Triticum durum);

h) farro dicocco/ emmer (Triticum dicoccum);

i) farro monococco (Triticum monococcum).

2. Ai fini dei presenti criteri il grano saraceno è considerato una specie cerealicola.

3. Possono essere utilizzate sementi selezionate, quelle di antiche varietà locali o sementi autoprodotte.

Articolo 5
Presupposti per la concessione degli aiuti

1. Il/La richiedente deve coltivare almeno un ettaro di prato, foraggere avvicendate, mais o altri cereali, ortaggi, fragole e piante industriali officinali.

2. Per le aziende a indirizzo misto che coltivano anche frutteti o vigneti, ai fini del calcolo della superficie minima di un ettaro, la superficie frutticola o viticola viene moltiplicata con il fattore 2 e sommata alle altre superfici.

3. Valgono i rispettivi dati dell’anagrafe provinciale delle imprese agricole ai sensi del decreto del Presidente della Provincia 9 marzo 2007, n. 22, e successive modifiche.

4. Nel caso di aziende zootecniche deve essere rispettato il carico bestiame minimo e massimo, come stabilito nel programma di sviluppo rurale 2014-2020 per la Provincia autonoma di Bolzano per l’agevolazione di costruzioni aziendali.

5. La superficie minima di coltivazione ammessa a concessione ammonta a 0,6 ettari. Questa superficie deve essere iscritta come cereali nell’anagrafe provinciale delle imprese agricole ai sensi del decreto del Presidente della Provincia 9 marzo 2007, n. 22.

Articolo 6
Divieto di cumulo

1. L’aiuto non è cumulabile con l’aiuto di cui all’articolo 29 del regolamento (UE) n. 1305/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e che abroga il regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio.

Articolo 7
Tipo e ammontare dell’aiuto

1. L’aiuto è concesso come premio a superficie e ammonta annualmente a euro 500,00 per ettaro.

2. L’aiuto non viene concesso, se l’ammontare è inferiore a euro 300,00.

3. L’importo complessivo degli aiuti “de minimis” concessi al/alla richiedente non può superare 15.000,00 euro nell’arco di tre anni finanziari.

Articolo 8
Presentazione delle domande e documentazione

1. Per la concessione dell’aiuto i richiedenti devono presentare una domanda, redatta su un modulo predisposto, alla Ripartizione provinciale Agricoltura dal 1° gennaio al 31 marzo dell’anno in cui è prevista la raccolta.

2. La superficie cerealicola indicata nella domanda di aiuto deve essere delimitata graficamente nel sistema LAFIS (Sistema Informativo Agricolo e Forestale) entro il 31 marzo dell’anno di riferimento.

3. Il/La richiedente deve inoltre presentare una dichiarazione in forma scritta relativa a qualsiasi altro aiuto “de minimis” ricevuto a norma del Regolamento (UE) n. 1408/2013 o di altri regolamenti “de minimis” durante i due esercizi finanziari precedenti e l’esercizio finanziario in corso.

Articolo 9
Criteri di priorità con schema di punteggio

1. In caso di risorse finanziarie non sufficienti, la concessione dell’aiuto avviene secondo una graduatoria formata in base all’assegnazione del seguente punteggio:

a) per la rinuncia a varietà ibride o l’utilizzo di antiche varietà locali: 10 punti;

b) per l’utilizzo di sementi certificate biologiche: 6 punti;

c) per la collaborazione con un centro di sperimentazione per la costituzione di una banca del gene: 6 punti;

d) per l’effettuazione di una rotazione di coltura con un’interruzione di coltivazione di oltre due anni per le specie ammesse ai sensi dell’articolo 4, eccetto la segale: 4 punti;

e) per l’ampliamento della superficie coltivata nell’anno precedente di oltre il 50 per cento: 4 punti;

f) per la coltivazione ecocompatibile di cereali ai sensi dei presenti criteri su oltre il 35 per cento della superficie arativa dell’azienda: 2 punti.

2. Il punteggio complessivo risulta dalla somma dei punti assegnati alle condizioni di cui al comma 1.

3. La graduatoria annuale delle domande ammesse si esaurisce col raggiungimento delle risorse disponibili.

Articolo 10
Istruttoria delle domande e liquidazione dell’aiuto

1. L’Ufficio Zootecnia della Ripartizione provinciale Agricoltura verifica l’ammissibilità della domanda, la regolare presentazione della stessa, nonché i dati e le dichiarazioni ivi contenuti. Accerta inoltre che con la concessione dell’aiuto non venga superato il massimale di cui all’articolo 1, comma 2, che può essere concesso all’azienda e che sussistano tutti i requisiti e i presupposti previsti per la concessione dell’aiuto stesso.

Articolo 11
Controlli

1. Ai sensi dell’articolo 2, comma 3, della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, e successive modifiche, sono eseguiti annualmente controlli a campione su almeno il sei per cento delle domande di aiuto presentate.

2. L’individuazione delle domande da sottoporre a controllo avviene annualmente mediante sorteggio, effettuato da una commissione composta dal direttore/dalla direttrice della Ripartizione provinciale Agricoltura o un suo delegato/una sua delegata, dal direttore/dalla direttrice dell'Ufficio provinciale Zootecnia e da un funzionario incaricato/una funzionaria incaricata. Delle operazioni di sorteggio e del relativo esito è redatto apposito verbale.

3. I controlli amministrativi e i sopralluoghi sono eseguiti da funzionari e funzionarie della Ripartizione provinciale Agricoltura, che redigono il relativo verbale di accertamento.

4. Oggetto del controllo sono il rispetto delle prescrizioni e la veridicità delle dichiarazioni indicate nella domanda.

5. In caso di accertate irregolarità trovano applicazione le sanzioni previste dalla legislazione vigente.

6. Se durante il controllo a campione di cui al comma 1 viene accertata la mancanza dei requisiti o dei presupposti per la concessione dell’aiuto, oppure il mancato rispetto degli impegni indicati nella domanda di concessione, l’aiuto non viene concesso.

Articolo 12
Revoca

1. Se dopo la liquidazione dell’aiuto viene accertata la mancanza dei requisiti o dei presupposti per la concessione dell’aiuto, oppure il mancato rispetto degli impegni indicati nella domanda di concessione, l’aiuto viene revocato per intero e il beneficiario/la beneficiaria dovrà restituirlo maggiorato degli interessi legali.

2. Nel caso di dichiarazioni non veritiere o mendaci nella domanda di concessione dell’aiuto o in qualsiasi altro atto o documento presentato per ottenerlo o di omissione di informazioni dovute, si applicano le disposizioni di cui agli articoli 2/bis e 5, comma 6, della legge provinciale 22 ottobre 1993, n. 17, e successive modifiche.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction Delibera 10 gennaio 2017, n. 10
ActionAction Delibera 10 gennaio 2017, n. 19
ActionActionKriterien
ActionAction Delibera 10 gennaio 2017, n. 20
ActionAction Delibera 10 gennaio 2017, n. 21
ActionAction Delibera 17 gennaio 2017, n. 32
ActionAction Delibera 17 gennaio 2017, n. 52
ActionAction Delibera 24 gennaio 2017, n. 56
ActionAction Delibera 24 gennaio 2017, n. 71
ActionAction Delibera 31 gennaio 2017, n. 111
ActionAction Delibera 31 gennaio 2017, n. 113
ActionAction Delibera 31 gennaio 2017, n. 120
ActionAction Delibera 31 gennaio 2017, n. 123
ActionAction Delibera 14 febbraio 2017, n. 166
ActionAction Delibera 21 febbraio 2017, n. 199
ActionAction Delibera 21 febbraio 2017, n. 209
ActionAction Delibera 21 febbraio 2017, n. 212
ActionAction Delibera 21 febbraio 2017, n. 213
ActionAction Delibera 7 marzo 2017, n. 229
ActionAction Delibera 7 marzo 2017, n. 240
ActionAction Delibera 7 marzo 2017, n. 248
ActionAction Delibera 7 marzo 2017, n. 254
ActionAction Delibera 7 marzo 2017, n. 256
ActionAction Delibera 7 marzo 2017, n. 257
ActionAction Delibera 14 marzo 2017, n. 258
ActionAction Delibera 14 marzo 2017, n. 286
ActionAction Delibera 21 marzo 2017, n. 287
ActionAction Delibera 28 marzo 2017, n. 346
ActionAction Delibera 28 marzo 2017, n. 350
ActionAction Delibera 4 aprile 2017, n. 389
ActionAction Delibera 4 aprile 2017, n. 390
ActionAction Delibera 11 aprile 2017, n. 398
ActionAction Delibera 11 aprile 2017, n. 430
ActionAction Delibera 11 aprile 2017, n. 433
ActionAction Delibera 18 aprile 2017, n. 447
ActionAction Delibera 18 aprile 2017, n. 454
ActionAction Delibera 18 aprile 2017, n. 456
ActionAction Delibera 18 aprile 2017, n. 457
ActionAction Delibera 2 maggio 2017, n. 470
ActionAction Delibera 2 maggio 2017, n. 478
ActionAction Delibera 2 maggio 2017, n. 481
ActionAction Delibera 2 maggio 2017, n. 483
ActionAction Delibera 9 maggio 2017, n. 509
ActionAction Delibera 9 maggio 2017, n. 505
ActionAction Delibera 9 maggio 2017, n. 506
ActionAction Delibera 16 maggio 2017, n. 520
ActionAction Delibera 30 maggio 2017, n. 575
ActionAction Delibera 30 maggio 2017, n. 601
ActionAction Delibera 30 maggio 2017, n. 607
ActionAction Delibera 13 giugno 2017, n. 612
ActionAction Delibera 13 giugno 2017, n. 614
ActionAction Delibera 13 giugno 2017, n. 637
ActionAction Delibera 13 giugno 2017, n. 646
ActionAction Delibera 13 giugno 2017, n. 648
ActionAction Delibera 13 giugno 2017, n. 655
ActionAction Delibera 13 giugno 2017, n. 659
ActionAction Delibera 20 giugno 2017, n. 684
ActionAction Delibera 20 giugno 2017, n. 688
ActionAction Delibera 20 giugno 2017, n. 689
ActionAction Delibera 20 giugno 2017, n. 692
ActionAction Delibera 27 giugno 2017, n. 695
ActionAction Delibera 4 luglio 2017, n. 742
ActionAction Delibera 18 luglio 2017, n. 794
ActionAction Delibera 18 luglio 2017, n. 795
ActionAction Delibera 25 luglio 2017, n. 808
ActionAction Delibera 25 luglio 2017, n. 813
ActionAction Delibera 25 luglio 2017, n. 815
ActionAction Delibera 25 luglio 2017, n. 816
ActionAction Delibera 25 luglio 2017, n. 822
ActionAction Delibera 25 luglio 2017, n. 823
ActionAction Delibera 8 agosto 2017, n. 848
ActionAction Delibera 8 agosto 2017, n. 874
ActionAction Delibera 8 agosto 2017, n. 860
ActionAction Delibera 22 agosto 2017, n. 884
ActionAction Delibera 22 agosto 2017, n. 903
ActionAction Delibera 22 agosto 2017, n. 908
ActionAction Delibera 22 agosto 2017, n. 909
ActionAction Delibera 29 agosto 2017, n. 928
ActionAction Delibera 29 agosto 2017, n. 929
ActionAction Delibera 29 agosto 2017, n. 943
ActionAction Delibera 29 agosto 2017, n. 950
ActionAction Delibera 29 agosto 2017, n. 952
ActionAction Delibera 5 settembre 2017, n. 967
ActionAction Delibera 19 settembre 2017, n. 1003
ActionAction Delibera 19 settembre 2017, n. 1005
ActionAction Delibera 26 settembre 2017, n. 1008
ActionAction Delibera 26 settembre 2017, n. 1033
ActionAction Delibera 26 settembre 2017, n. 1034
ActionAction Delibera 26 settembre 2017, n. 1036
ActionAction Delibera 3 ottobre 2017, n. 1054
ActionAction Delibera 3 ottobre 2017, n. 1060
ActionAction Delibera 10 ottobre 2017, n. 1068
ActionAction Delibera 10 ottobre 2017, n. 1080
ActionAction Delibera 10 ottobre 2017, n. 1092
ActionAction Delibera 10 ottobre 2017, n. 1096
ActionAction Delibera 17 ottobre 2017, n. 1118
ActionAction Delibera 17 ottobre 2017, n. 1119
ActionAction Delibera 17 ottobre 2017, n. 1121
ActionAction Delibera 17 ottobre 2017, n. 1122
ActionAction Delibera 17 ottobre 2017, n. 1123
ActionAction Delibera 31 ottobre 2017, n. 1168
ActionAction Delibera 31 ottobre 2017, n. 1179
ActionAction Delibera 31 ottobre 2017, n. 1180
ActionAction Delibera 31 ottobre 2017, n. 1181
ActionAction Delibera 31 ottobre 2017, n. 1184
ActionAction Delibera 14 novembre 2017, n. 1229
ActionAction Delibera 14 novembre 2017, n. 1231
ActionAction Delibera 14 novembre 2017, n. 1246
ActionAction Delibera 21 novembre 2017, n. 1279
ActionAction Delibera 28 novembre 2017, n. 1313
ActionAction Delibera 28 novembre 2017, n. 1315
ActionAction Delibera 28 novembre 2017, n. 1322
ActionAction Delibera 5 dicembre 2017, n. 1343
ActionAction Delibera 5 dicembre 2017, n. 1344
ActionAction Delibera 5 dicembre 2017, n. 1345
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1366
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1382
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1387
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1388
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1390
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1393
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1395
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1401
ActionAction Delibera 12 dicembre 2017, n. 1405
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1407
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1412
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1413
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1415
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1421
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1422
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1434
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1435
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1441
ActionAction Delibera 19 dicembre 2017, n. 1448
ActionAction Delibera 28 dicembre 2017, n. 1480
ActionAction Delibera 28 dicembre 2017, n. 1497
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico