In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 5 luglio 2016, n. 760
Sistema tariffario e condizioni di utilizzo dei servizi di trasporto pubblico di persone in Alto Adige

Allegato A

SISTEMA TARIFFARIO E CONDIZIONI DI UTILIZZO DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO DI PERSONE IN ALTO ADIGE

CAPO I
CARATTERISTICHE DEL SISTEMA TARIFFARIO

Articolo 1
Trasporto integrato Alto Adige

1. Il trasporto pubblico in provincia di Bolzano è caratterizzato dall’integrazione dei diversi mezzi di trasporto pubblico: i servizi di trasporto di linea con autobus, i servizi tranviari, funiviari (funivie di Renon, San Genesio, Verano, Meltina, Maranza), su impianti fissi (funicolare della Mendola, trenino del Renon) e i treni regionali per le tratte di competenza tariffaria della Provincia sono riuniti in un unico sistema tariffario e orario.

2. Oltre il sistema di trasporto integrato, l’Assessore provinciale competente può approvare, sulla base di apposite convenzioni, particolari tariffe e condizioni di utilizzo.

Articolo 2
Definizioni

1. Per viaggio si intende il tragitto lungo un percorso della rete del trasporto pubblico che può comprendere più tappe ed il cambio di mezzi alle seguenti condizioni:

a) l’arco di tempo tra una tappa e l’inizio della successiva non può superare i 60 minuti;

b) la fermata di discesa di una tappa e la fermata di salita della tappa successiva devono essere situate nella stessa zona tariffaria (zona di cambio);

c) la destinazione di una tappa non può corrispondere né alla zona tariffaria di partenza né a una delle zone di cambio del viaggio già percorso;

d) ogni connessione di cui al comma 4, lettera a) comporta la conclusione del viaggio.

2. Per trappa si intende il percorso sullo stesso veicolo. Nel trasporto ferroviario una tappa può comprendere anche l’interscambio con più treni.

3. Un viaggio all’interno della stessa zona tariffaria (viaggio di zona tariffaria) può comprendere il cambio di più mezzi di trasporto, a condizione che tra la prima e l’ultima salita non siano passati più di 60 minuti.

4. Per corsa di connessione si intende:

a) una tappa all’interno di una zona tariffaria che segue una tappa con partenza in un’altra zona tariffaria e destinazione nella stessa zona tariffaria, entro un intervallo massimo di 60 minuti;

b) una tappa all’interno di una zona tariffaria che precede entro 60 minuti un’altra tappa con partenza nella stessa zona tariffaria e destinazione in un’altra zona tariffaria.

5. Dal quadro provinciale delle zone tariffarie, approvato dall’Assessore provinciale competente, risultano le singole zone tariffarie, le fermate appartenenti ad ognuna di esse e le distanze tra le singole zone tariffarie. Tali distanze corrispondono in linea di massima alla distanza effettiva in chilometri stradali o ferroviari, ad eccezione dei percorsi turistici che sono meta per gite, delle funivie di Renon, San Genesio, Verano, Meltina, Maranza e degli impianti fissi (funicolare della Mendola e trenino del Renon), per i quali vengono definite distanze specifiche (convenzionali). Le distanze tariffarie per gli impianti funiviari e gli impianti fissi vengono determinate tenendo conto del dislivello e della percorrenza stradale di collegamento.

6. La denominazione “titolo di viaggio” è un termine generico e comprende tutti i tipi di biglietti e tessere.

7. Per „biglietto“ si intendono tutti i titoli di viaggio trasferibili e i titoli di viaggio personali su banda magnetica.

8. Per „tessera“ si intendono tutti i titoli di viaggio nominativi.

Articolo 3
Tariffe/caratteristiche generali

1. Nel trasporto pubblico integrato Alto Adige vi sono due tipologie di tariffe di viaggio:

a) tariffa di viaggio su base chilometrica;

b) tariffa per titoli di viaggio a tempo, che viene definita indipendentemente dai chilometri percorsi.

2. La tariffa su base chilometrica risulta dai chilometri tariffari percorsi moltiplicati con le tariffe chilometriche indicate al comma 4.

3. Per ogni viaggio vengono calcolati al minimo 10 chilometri tariffari.

4. Le tariffe chilometriche sono così stabilite:

a) biglietto ordinario: 15 cent per chilometro, arrotondato ai 50 cent superiori;

b) carta valore: 12 cent per chilometro, arrotondato al cent superiore;

c) Alto Adige Pass: 12, 8, 3, 2, 0 cent per chilometro, a seconda dello scaglione tariffario di cui all’articolo 7, arrotondato al cent superiore;

d) Euregio FamilyPass: 10, 7, 2, 2, 0 cent per chilometro, a seconda dello scaglione tariffario di cui all’articolo 8, arrotondato al cent superiore.

5. Se la tariffa di cui al comma 4 lettere c) e d), calcolata per i chilometri tariffari percorsi entro un giorno di calendario sui mezzi del trasporto pubblico integrato Alto Adige, supera il prezzo della “Mobilcard adulti 1 giorno”, viene automaticamente addebitato l’importo corrispondente al prezzo del biglietto “Mobilcard adulti 1 giorno”. Sul conto chilometrico vengono accreditati i chilometri tariffari corrispondenti a tale prezzo, secondo lo scaglione tariffario del possessore dell’AltoAdige Pass.

6. Le tariffe per i titoli di viaggio su impianti fissi, escluse le tariffe per i biglietti ordinari, sono calcolate in base a distanze tariffarie convenzionali.

7. Per le corse di connessione vengono calcolati i seguenti chilometri tariffari:

a) nelle zone tariffarie di Bolzano e Merano: 10 chilometri tariffari;

b) in tutte le altre zone tariffarie: 5 chilometri tariffari con Alto Adige Pass, 10 chilometri tariffari con carta valore.

8. Per i biglietti ferroviari ordinari emessi in Alto Adige per viaggi con stazione di partenza in Alto Adige e stazione di arrivo a sud di Mezzocorona, nonché per i biglietti ordinari emessi a sud di Mezzocorona con stazione di arrivo in Alto Adige si applica la tariffa sovra regionale di Trenitalia.

Articolo 4
Titoli di viaggio/caratteristiche generali

1. Nel trasporto pubblico integrato Alto Adige si distingue fondamentalmente tra:

a) titoli di viaggio a tariffa chilometrica;

b) titoli di viaggio a tempo con tariffa forfettaria;

c) titoli di viaggio gratuiti.

2. Tutti i titoli di viaggio devono essere convalidati e precisamente per ogni singola tappa. La convalida avviene all’inizio del viaggio secondo le modalità definite ai commi seguenti.

3. Sulle linee di trasporto, il cui percorso avviene esclusivamente nella stessa zona tariffaria, non è necessario indicare la fermata di destinazione.

4. Per i titoli di viaggio a tariffa forfettaria e per quelli gratuiti è necessaria la convalida per il controllo di validità ed il rilevamento del numero dei viaggiatori. Non deve essere indicata la fermata di destinazione.

5. I titoli di viaggio di cui al comma 1, lettere b) e c) possono essere dotati di funzionalità a pagamento per servizi aggiuntivi. In questo caso devono essere convalidati come descritto al comma 6, lettera b).

6. Per i titoli di viaggio a tariffa chilometrica e per le linee di trasporto che attraversano più zone tariffarie è necessario indicare la fermata di destinazione:

a) per i titoli di viaggio a tariffa chilometrica con tecnologia a banda magnetica, all’inizio del viaggio deve essere indicata la fermata di destinazione;

b) per i titoli di viaggio a tariffa chilometrica, con tecnologia contactless, deve essere fatto il „check in“ all’inizio del viaggio, mentre la fermata di destinazione viene indicata all’inizio del viaggio o attraverso il „check out” prima di scendere. L’ultima convalida effettuata in una stazione ferroviaria può essere annullata entro 45 minuti nella stessa stazione ferroviaria.

7. Se la fermata di destinazione di cui al comma 6, lettera b) non viene indicata, viene addebitata la tariffa corrispondente all’intero percorso della relativa corsa. Nel caso del treno, tale tariffa corrisponde alla tratta Malles – San Candido, ad esclusione dei casi in cui il sistema tecnologico è in grado di ricostruire i dettagli del viaggio percorso.

8. Al fine di agevolare gli utenti nell’utilizzo dei mezzi di trasporto pubblico, a bordo degli autobus extraurbani sono emessi biglietti ordinari, carte valore e biglietti giornalieri per il trasporto biciclette.

9. Sui treni provinciali sono ammessi anche i titoli di viaggio ordinari interregionali, nazionali ed internazionali, emessi dalle imprese operanti in Provincia di Bolzano o da altri gestori, purché siano stati stipulati gli appositi accordi, autorizzati dall’Assessore provinciale competente.

10. Per i titoli di viaggio nominativi quali AltoAdige Pass, Euregio FamilyPass, AltoAdige Pass abo+, AltoAdige Pass65+, AltoAdige Pass free e Scuolapass è possibile richiedere il duplicato dietro pagamento delle spese amministrative di 20 Euro.

CAPO II
TITOLI DI VIAGGIO A TARIFFA CHILOMETRICA

Articolo 5
Biglietto ordinario

1. Il biglietto ordinario è utilizzabile su tutti i mezzi del trasporto pubblico integrato Alto Adige ed oltre il sistema di trasporto integrato, sui mezzi e sulle linee di trasporto approvati con convenzione di cui all’articolo 1, comma 2.

2. La tariffa per i biglietti ordinari ammonta a 15 cent per chilometro tariffario secondo il quadro provinciale delle zone tariffarie, arrotondata ai 50 cent superiori.

3. Il biglietto ordinario per viaggi di zona tariffaria costa 1,50 euro.

4. Su funivie e impianti fissi vengono emessi biglietti ordinari di sola andata e di andata e ritorno alle seguenti tariffe:

funivia del Renon: 6 euro solo andata, 10 euro andata e ritorno;

Trenino del Renon: 3,50 euro solo andata, 6 euro andata e ritorno;

funivia e trenino del Renon: 9 euro solo andata, 15 euro andata e ritorno;

funicolare della Mendola: 6 euro solo andata, 10 euro andata e ritorno;

funivia San Genesio: 3 euro solo andata, 5 euro andata e ritorno.

5. Biglietti ordinari possono essere utilizzati entro due mesi dalla data di emissione ed hanno la seguente validità:

a) sulle linee extraurbane tre ore dalla prima convalida;

b) per viaggi di zona tariffaria 60 minuti dalla prima convalida;

c) per i biglietti di andata e ritorno, l’andata ed il ritorno devono avvenire nello stesso giorno.

6. Biglietti ordinari ferroviari sovraregionali possono essere emessi un mese prima del giorno di utilizzo e sono validi quattro ore dalla convalida.

7. E’ possibile acquistare il biglietto ordinario e il biglietto giornaliero per il trasporto biciclette a bordo del treno, con un sovrapprezzo complessivo di 5 euro, a condizione che l’utente, nel salire sul treno, si rivolga immediatamente al capotreno. I biglietti possono essere emessi senza sovrapprezzo, qualora l’utente salga in una stazione o fermata ferroviaria non dotata di biglietteria presenziata o automatica.

Articolo 6
Carta valore

1. La carta valore è un titolo di viaggio trasferibile, valido su tutti i mezzi del trasporto pubblico integrato Alto Adige ed oltre il sistema di trasporto integrato, sui mezzi e sulle linee di trasporto approvati con convenzione di cui all’articolo 1, comma 2.

2. La carta valore è utilizzabile contemporaneamente da più utenti per la stessa tratta, ripetendo tante volte l’operazione di convalida quanti sono gli utenti.

3. La validità della carta valore è di due anni dalla data della prima convalida.

4. La tariffa della carta valore ammonta a 12 cent per chilometro tariffario secondo il quadro provinciale delle zone tariffarie, arrotondata al cent superiore.

5. Le carte valore si acquistano in tagli da 10, 25 e 50 euro.

Articolo 7
AltoAdige Pass

1. L’AltoAdige Pass è un documento di viaggio nominativo, non trasferibile, utilizzabile su tutti i mezzi del trasporto pubblico integrato Alto Adige Adige ed oltre il sistema di trasporto integrato, sui mezzi e sulle linee di trasporto approvati con convenzione di cui all’articolo 1, comma 2.

2. L’Alto Adige Pass può essere richiesto da tutte le persone residenti in uno stato membro dell’Unione Europea o in Svizzera oppure che svolgono un’attività lavorativa, frequentano una scuola o studiano nella provincia di Bolzano. L’attestazione della frequenza presso un istituto di istruzione privato e dell’attività lavorativa presso un’organizzazione non pubblica, può avvenire tramite presentazione di un certificato idoneo.

3. Per l’emissione dell’AltoAdige Pass viene chiesto un importo di 20 Euro

4. La tariffa per l’AltoAdige Pass dipende dai chilometri tariffari percorsi nell’arco di un anno che vengono accreditati sul conto chilometrico dell’utente. La tariffa si distingue nei seguenti scaglioni:

a) da 1 a 1.000 km: 12 cent per chilometro tariffario;

b) da 1.001 a 2.000 km: 8 cent per chilometro tariffario;

c) da 2.001 a 10.000 km: 3 cent per chilometro tariffario;

d) da 10.001 a 20.000 km: 2 cent per chilometro tariffario;

e) da 20.001 km: 0 cent per chilometro tariffario.

5. Il pagamento della tariffa viene definito attraverso la stipula di un apposito contratto con il gestore del sistema tariffario. Può avvenire nei seguenti modi:

a) attraverso la ricarica di un conto virtuale: da questo viene detratto l’importo dovuto per ogni viaggio. Qualora il valore residuo sia insufficiente a coprire la tariffa richiesta, è consentito terminare la corsa. L’importo dovuto verrà detratto alla successiva ricarica del conto. L’importo minimo per ogni ricarica è di 20 euro;

b) attraverso un ordine bancario permanente: l’importo dovuto per i viaggi effettuati viene addebitato sul conto corrente bancario dell’utente secondo le modalità stabilite nel contratto.

6. La validità dell’AltoAdige Pass è di un anno dalla prima convalida. Viene rinnovata automaticamente di anno in anno se la tessera viene obliterata entro un anno dopo la scadenza della validità e a condizione che sussistano i presupposti di cui al comma 2. Nel momento del rinnovo il conto chilometrico annuale viene azzerato. La tessera sarà disattivata, se non viene prorogata entro un anno dopo la scadenza della sua validità.

7. Chi non intende prolungare la validità dell’AltoAdige Pass, potrà inoltrare, fino ad un anno dopo la scadenza, una richiesta di rimborso degli importi non utilizzati restituendo il titolo di viaggio.

Articolo 8
Euregio FamilyPass

1. Per le famiglie residenti in provincia con almeno un figlio sotto i 18 anni, l’AltoAdige Pass viene proposto alla seguente tariffa agevolata:

a) da 1 a 1.000 km: 10 cent a chilometro tariffario;

b) da 1.001 a 2.000 km: 7 cent a chilometro tariffario;

c) da 2.001 a 10.000 km: 2 cent a chilometro tariffario;

d) da 10.001 a 20.000 km: 2 cent chilometro tariffario;

e) da 20.001 km: 0 cent a chilometro tariffario.

2. L’EuregioFamilyPass può essere richiesto per ogni membro della famiglia avente diritto, residente nella Provincia di Bolzano, dietro presentazione di una dichiarazione sostitutiva, dalla quale risulti che si tratta di una famiglia di cui al comma 1. Gli aventi diritto sono i tutori e i figli minori.

CAPO III
TITOLI DI VIAGGIO A TEMPO

Articolo 9
AltoAdige Pass abo+

1. L’AltoAdige Pass abo+ è un documento di viaggio nominativo, non trasferibile, utilizzabile su tutti i mezzi del trasporto pubblico integrato Alto Adige e sui treni regionali fino a Trento.

2. L’AltoAdige Pass abo+ ha validità dal 1° settembre fino al 15 settembre dell’anno successivo.

3. Hanno diritto bambini e giovani che nell’anno di presentazione della domanda non compiono i 27 anni e che rientrano in una delle seguenti categorie:

a) bambini e giovani residenti in provincia di Bolzano, che in provincia o fuori provincia fre-quentano una scuola o assolvono gli studi;

b) bambini e giovani non residenti in provincia di Bolzano, ma che frequentano una scuola o assolvono gli studi in provincia;

c) persone che frequentano una formazione di base nel settore sociale.

4. Alunne ed alunni della scuola elementare, media e superiore, apprendisti che nell’anno di presentazione della domanda non compiono i 18 anni e coloro che frequentano la scuola professionale o una formazione di base nel settore sociale a tempo pieno ricevono l’AltoAdige Pass abo+ alla tariffa annuale di 20 euro.

5. Studenti, apprendisti maggiorenni, coloro che frequentano la scuola serale e coloro che frequentano una formazione di base sul lavoro nel settore sociale ricevono l’AltoAdige Pass abo+ alla tariffa annuale di 150 euro.

6. La domanda per il rilascio dell’AltoAdige Pass abo+ può essere presentata esclusivamente online dal 1° maggio fino al 31 dicembre dell’anno di richiesta e fino al 28 febbraio dell’anno successivo.

7. Eventuali iscrizioni di alunne e alunni in obbligo scolastico successive al 28 febbraio, vanno inoltrate dalla rispettiva scuola all’Ufficio provinciale competente per la verifica e l’inserimento della richiesta.

8. Chi, ai sensi delle disposizioni vigenti, è ammesso al trasporto attraverso i servizi di trasporto scolastico o chi ha diritto al trasporto scolastico sui servizi di linea, riceve la tessera “Scuolapass” alla tariffa annuale di 20 euro. Nel caso di rilascio di due tessere (Scuolapass e Alto Adige Pass abo+), la tariffa di 20 euro deve essere corrisposta una sola volta. Alunne ed alunni con disabilità ricevono lo Scuolapass gratuitamente.

Articolo 10
AltoAdige Pass 65+

1. L’Alto Adige Pass 65+ è un documento di viaggio nominativo, non trasferibile, utilizzabile su tutti i mezzi del trasporto pubblico integrato Alto Adige e sui treni regionali fino a Trento.

2. Persone residenti in provincia di Bolzano possono richiedere il rilascio dell’AltoAdige Pass 65+ alle seguenti condizioni e tariffe:

a) a partire dai 65 anni d’età compiuti, alla tariffa annuale di 150 euro;

b) a partire dai 70 anni d’età compiuti alla tariffa annuale di 75 euro, che verrà introdotta in modo graduale ai sensi dell’articolo 25, comma 1;

c) a partire dai 75 anni d’età compiuti alla tariffa annuale di 20 euro.

3. La validità dell’AltoAdige Pass 65+ è di un anno dalla data di rilascio. La tessera può essere rinnovata di anno in anno tramite il pagamento della tariffa prevista per la rispettiva fascia d’età.

Articolo 11
Mobilcard e museumobil Card

1. La Mobilcard è un biglietto personale e non trasferibile, che nel periodo di validità consente un numero di viaggi illimitato. Il periodo di validità parte dalla data della prima convalida.

2. La Mobilcard vale su tutti i mezzi del trasporto pubblico integrato Alto Adige e sui treni regionali fino a Trento.

3. La Mobilcard è disponibile nelle versioni da 1, 3 o 7 giorni per adulti e nella variante junior per giovani di età compresa tra i 6 ed i 14 anni ai prezzi di seguito indicati:

a) Mobilcard 1 giorno: 15 euro, Junior 7,50 euro;

b) Mobilcard 3 giorni: 23 euro, Junior 11,50 euro;

c) Mobilcard 7 giorni: 28 euro, Junior 14 euro.

4. La museumobil Card è un biglietto personale e non trasferibile, che oltre a contenere le prestazioni della Mobilcard, consente di visitare musei, collezioni e luoghi espositivi. Il periodo di validità parte dalla data della prima convalida.

5. La museumobil Card è disponibile nelle versioni da 3 o 7 giorni per adulti e nella variante junior per giovani di età compresa tra i 6 ed i 14 anni ai prezzi di seguito indicati:

a) museumobil Card 3 giorni: 30 euro, Junior 15 euro;

b) museumobil Card 7 giorni: 34 euro, Junior 17 euro.

6. Gli introiti derivanti dalla vendita della museumobil Card vengono suddivisi tra le ripartizioni Mobilità e Musei in base alle modalità stabilite dagli Assessori competenti nelle materie mobilità e musei.

7. Le prestazioni della Mobilcard e della museumobil Card possono essere integrate nelle carte turistiche, con le modalità e le tariffe stabilite dall’Assessore competente. I corrispondenti introiti vengono suddivisi tra le ripartizioni Mobilità e Musei in base alle modalità stabilite dagli Assessori competenti nelle materie mobilità e musei.

Articolo 12
Biglietto giornaliero per servizi urbani

1. Il biglietto giornaliero per servizi urbani, al prezzo di 4 euro, consente di viaggiare sugli autobus urbani all’interno delle zone tariffarie di Bolzano e Merano.

CAPO IV
PARTICOLARI TITOLI DI VIAGGIO E TARIFFE

Articolo 13
Titoli di viaggio locali e limitati nel tempo

1. L’Assessore provinciale competente, per determinate zone e per servizi istituiti ai sensi dell’articolo 25 della legge provinciale 23 novembre 2015, n. 15, può stabilire particolari tariffe e titoli di viaggio e condizioni particolari per il loro utilizzo.

Articolo 14
Titolo di viaggio cumulativo

1. Per gruppi composti da almeno dieci persone che viaggiano insieme, può essere emesso un titolo di viaggio cumulativo.

2. La tariffa è quella applicata alla carta valore con una riduzione del 20%, arrotondato ai 0,50 Euro superiori.

3. Per i viaggi di zona tariffaria non vengono emessi titoli di viaggio cumulativi.

Articolo 15
Trasporto di biciclette

1. Limitatamente allo spazio disponibile nel mezzo di trasporto, e a condizione che non siano pregiudicati la sicurezza del trasporto e la fruizione del servizio da parte degli altri utenti, il trasporto di biciclette è effettuato alle seguenti tariffe:

a) tariffa giornaliera di 3,50 euro per chi viaggia con i titoli di viaggio Alto Adige Pass, Euregio FamilyPass e titoli di viaggio dotati di funzionalità a pagamento di cui all’articolo 4, comma 5;

b) biglietto giornaliero alla tariffa di 7 euro per chi viaggia con qualsiasi altro titolo di viaggio.

Articolo 16
Utilizzo gratuito dei servizi di trasporto pubblico

1. L’utilizzo gratuito ai sensi del presente articolo si riferisce a tutti i mezzi del trasporto pubblico integrato Alto Adige e i treni regionali fino a Trento.

2. I bambini d’età inferiore a sei anni, nonché i bambini residenti in Provincia, che hanno compiuto i sei anni d’età ma non frequentano ancora la scuola, viaggiano gratuitamente e senza titolo di viaggio. Essi possono utilizzare i mezzi di trasporto pubblico solo se accompagnati da una persona maggiorenne.

3. Le persone cieche ed ipovedenti possono utilizzare gratuitamente i mezzi pubblici previa esibizione della relativa tessera.

4. Le persone residenti in Provincia di Bolzano con un’invalidità civile pari ad almeno il 74%, persone non udenti o persone appartenenti ad un’altra categoria di invalidità, che in base alla deliberazione della Giunta provinciale n. 3755 del 09.10.2000 viene equiparata al grado di invalidità civile del 100 per cento, persone residenti in Provincia di Bolzano che per una minorazione fisica permanente sono impossibilitate ad effettuare le operazioni di obliterazione, possono utilizzare gratuitamente i mezzi pubblici con la tessera di libera circolazione “AltoAdige Pass free”.

5. Alunni ed alunne, che partecipano a scambi culturali o iniziative umanitarie con scuole o altre istituzioni della provincia, sono autorizzati all’utilizzo gratuito dei mezzi di trasporto pubblico limitatamente alla durata della permanenza. L’ufficio trasporto persone emette un’autorizzazione a viaggiare dalla quale risulta il periodo di utilizzo della stessa.

6. Le persone che prestano servizio volontario civile o sociale ai sensi della legge provinciale del 19.11.2012, n. 19, e le persone che prestano servizio civile nazionale ai sensi della legge 64/2001 possono utilizzare gratuitamente i mezzi pubblici previa esibizione della carta di riconoscimento del servizio civile/sociale.

7. Le forze dell’ordine sono autorizzate al trasporto gratuito nell’ambito del loro servizio anche se viaggiano in borghese.

8. Il personale delle Forze armate è autorizzato al trasporto gratuito nell’ambito del servizio, purché viaggi in divisa.

9. Giovani che assolvono in Alto Adige l’anno di volontariato sociale o il servizio volontario europeo ai sensi della relativa normativa, possono utilizzare gratuitamente i mezzi di trasporto pubblico limitatamente alla durata del servizio di volontariato. L’ufficio trasporto persone rilascia un’autorizzazione a viaggiare dalla quale risulta il periodo di utilizzo della stessa.

Articolo 17
Agevolazioni previste da leggi dello stato

1. Sui servizi ferroviari di competenza della Provincia di Bolzano vengono riconosciuti titoli di viaggio contenenti una riduzione tariffaria prevista da leggi dello stato e che sono emessi dalle imprese operanti in Provincia di Bolzano o da altri gestori. Le agevolazioni riguardano:

a) l’accompagnatore di persone cieche o ipovedenti (Concessione Speciale III);

b) i mutilati e invalidi di guerra residenti in Italia e loro accompagnatori (Concessione Speziale VIII);

c) persone con disabilità residenti in Italia (Carta blu);

d) i viaggi degli elettori residenti nel territorio nazionale.

CAPO V
RIMBORSI E INDENNITÀ

Articolo 18
Trasferimenti e rimborsi

1. I biglietti che risultano illeggibili possono essere sostituiti con altri dello stesso tipo e con un importo pari al valore residuo risultante sugli stessi.

2. I biglietti ordinari, solo se non utilizzati, e le carte valore scadute possono essere rimborsati presso le biglietterie autorizzate se l’importo è pari o superiore a 10 euro, e comunque fino ad un anno dopo la scadenza. Per importi inferiori a 10 euro è possibile trasferire il valore residuo su una carta valore fino ad un anno dopo la scadenza.

3. Nel caso sia accertato un esborso tariffario non dovuto dall'utente, l’importo corrispondente viene rimborsato come carta valore oppure trasferito sull’AltoAdige Pass. Se l’importo da rimborsare è pari o superiore a 10 euro, l’utente può chiedere il rimborso monetario.

4. La mancata effettuazione o il mancato completamento del viaggio, a seguito di eventi o situazioni imprevedibili non imputabili all’azienda di trasporto, non dà di norma diritto al rimborso del prezzo del biglietto né alla proroga della sua validità.

Articolo 19
Indennità per il prezzo del biglietto nel trasporto ferroviario

1. Nel rispetto del Regolamento UE n. 1371/2007, in caso di ritardo, il viaggiatore può richiedere un indennizzo secondo le modalità rese pubbliche dall’impresa di trasporto, se tra il luogo di partenza e il luogo di destinazione indicati sul biglietto si è verificato un ritardo di più di 60 minuti e non sia stato fatto un rimborso di cui all’articolo 18, comma 3. L’indennità è pari al 25 per cento del prezzo del biglietto per ritardi tra i 60 e 119 minuti e al 50 per cento per ritardi pari o superiori a 120 minuti.

2. L’indennità è riconosciuta esclusivamente per biglietti in cui è indicata l’origine e la destinazione.

3. Non sono riconosciute indennità di importo inferiore a euro 4.

4. Il passeggero non ha diritto a risarcimenti se è informato del ritardo prima dell’acquisto del biglietto o se il ritardo nell’ora di arrivo prevista proseguendo il viaggio su un servizio diverso o in base a itinerario alternativo rimane inferiore a 60 minuti.

CAPO VI
CONDIZIONI DI UTILIZZO DEI SERVIZI

Articolo 20
Diritti e doveri del viaggiatore

1. L’utente ha diritto al trasporto nel momento in cui sale sul mezzo di trasporto pubblico ed è in possesso di un valido titolo di viaggio.

2. L’utente aspetta nell’area di fermata e segnala l’intenzione di salire a bordo con un cenno della mano all’avvicinarsi dell’autobus.

3. L’utente è responsabile della conservazione del titolo di viaggio, evitando in particolare le condizioni che potrebbero rendere illeggibili i dati contenuti.

4. I documenti di viaggio nominativi devono essere presentati, su richiesta del conducente o del personale addetto al controllo, unitamente ad un documento valido di riconoscimento, con esclusione di coloro che non hanno ancora compiuto il 14esimo anno di età, per i quali è sufficiente la presentazione del documento di viaggio.

5. Gli utenti sono responsabili dei danni cagionati ai mezzi, a terzi e alle cose.

6. I posti a sedere sono destinati con priorità alle persone con disabilità, alle donne in gravidanza, agli anziani e ai passeggeri con bambini. Sugli autobus, alle persone con disabilità devono essere riservati almeno tre posti a sedere in prossimità della porta di uscita e deve consentito l'accesso dalla porta di uscita.

7. Non sono ammesse al trasporto le persone che rifiutano di sottoporsi alle prescrizioni di ordine e sicurezza del servizio; offendono la decenza; recano disturbo agli altri viaggiatori; esercitano a bordo dei mezzi il mestiere di venditore, cantante, suonatore o simile. Nei casi in cui le suddette disposizioni non vengano osservate e le circostanze siano tali da sconsigliare il proseguimento del viaggio il conducente o il personale di controllo possono chiedere l'intervento delle forze dell’ordine.

8. Qualora l’utente del servizio pubblico di trasporto compia atti tali da compromettere la sicurezza e regolarità del servizio, il controllore o il conducente del mezzo hanno la facoltà, a loro insindacabile giudizio, di ritirare il titolo di viaggio, qualora sia nominativo, e di impedire la prosecuzione del viaggio, qualora si tratti di persona maggiorenne. L’Ufficio competente stabilisce la durata del periodo di ritiro, che va da un minimo di un mese ad un massimo di un anno. In tale periodo non può essere richiesto né un nuovo titolo di viaggio né un duplicato.

9. I passeggeri devono attenersi alle disposizioni del personale preposto al servizio.

Articolo 21
Trasporto di persone su sedia a rotelle e di bambini in carrozzina

1. Il trasporto di persone su sedia a rotelle ed il trasporto di bambini in carrozzina è ammesso su mezzi di trasporto che espongono apposita indicazione e compatibilmente con lo spazio disponibile.

2. A bordo del mezzo sia la sedia a rotelle che la carrozzina devono essere posizionate nell’area predisposta e durante la marcia devono rimanere frenate.

3. Qualora lo spazio per carrozzine a bordo dell’autobus sia già occupato, per motivi di sicurezza non è ammissibile far salire un altro passeggero nelle medesime condizioni, perché deve essere garantita la salita e la discesa di tutti i passeggeri senza impedimenti o interferenza di sorta.

4. Bambini in carrozzina possono essere trasportati solo sotto la vigilanza dell'utente.

Articolo 22
Trasporto di bagagli e cose

1. L’utente può accedere a bordo dei mezzi portando con sé bagagli e cose di numero e di dimensioni tali da non pregiudicare la sicurezza del trasporto e la fruizione del servizio da parte degli altri utenti e compatibilmente con lo spazio disponibile.

2. I bagagli e le cose viaggiano sotto la custodia e sorveglianza dell’utente, il quale deve adottare tutti gli accorgimenti necessari, tenuto conto della tipologia della corsa e dell’affluenza dei viaggiatori. In ogni caso è vietato occupare i sedili o intralciare le porte di accesso con le cose da trasportare.

3. Il trasporto di bagagli, carrozzine, sedie a rotelle, sci, snowboard, slittini, biciclette pieghevoli chiuse, monocicli e biciclette per bambini sotto i 20 pollici, è gratuito.

Articolo 23
Trasporto di animali

1. Sotto la responsabilità dell'utente e compatibilmente con lo spazio disponibile gli animali possono essere ammessi al trasporto.

2. Per i cani guida per ciechi e gli animali di piccola dimensione che possono essere tenuti in braccio o trasportati in una borsa di dimensioni 70 x 30 x 50 cm il trasporto è gratuito. Gli altri animali possono essere trasportati con uno dei seguenti titoli di viaggio:

a) biglietto ordinario;

b) Mobilcard alla tariffa junior per la rispettiva durata di validità;

c) AltoAdige Pass alla tariffa del possessore dell’AltoAdige Pass.

d) AltoAdige Pass abo+ e AltoAdige Pass 65+ dotati di funzionalità a pagamento per servizi aggiuntivi alla tariffa chilometrica del biglietto ordinario.

3. L’utente deve adottare tutte le cautele e portare con se attrezzature necessarie per non arrecare danno o disturbo ai viaggiatori.

4. I cani devono essere tenuti al guinzaglio e non possono occupare i posti a sedere. Ad eccezione dei cani di piccola taglia, sono trasportati solo con museruola. I cani guida per ciechi possono essere trasportati senza museruola, salvo che l’uso della museruola venga richiesto esplicitamente da un passeggero o dal conducente.

Articolo 24
Problemi con i titoli di viaggio

1. In caso di titolo di viaggio danneggiato l’utente è tenuto a munirsi di un regolare titolo di viaggio prima di iniziare il viaggio.

2. In caso di titolo di viaggio non danneggiato, che non può essere convalidato, valgono le seguenti disposizioni:

a) l’utente munito di tessera contactless, la cui tariffa è definita indipendentemente dai chilometri percorsi (AltoAdige Pass abo+, AltoAdige Pass 65+, AltoAdige Pass free), ha diritto a terminare la corsa iniziata, ma deve richiedere immediatamente la ristampa della tessera;

b) l’utente munito di tessera contactless a tariffa chilometrica (AltoAdige Pass, Euregio FamilyPass) è tenuto a munirsi di un regolare titolo di viaggio prima di iniziare il viaggio. In questo caso si applica l’articolo 18, comma 3;

c) titoli di viaggio a banda magnetica, la cui tariffa è definita indipendentemente dai chilometri percorsi (biglietto giornaliero per biciclette, biglietto giornaliero per servizi urbani), sono validi fino alla data di scadenza stampata sulla carta;

d) l’utente munito di biglietto a banda magnetica a tariffa chilometrica (biglietto ordinario, carta valore è tenuto a munirsi di un regolare titolo di viaggio prima di iniziare il viaggio. In questo caso si applica l’articolo 18, comma 1;

e) Mobilcard, museumobil Card e carte turistiche di cui all’articolo 11, comma 6, sono valide per l’intera giornata in cui la carta è stata evidenziata illeggibile. Per il restante periodo di validità il titolo di viaggio deve essere sostituito con un duplicato di cui al comma 3.

3. In caso di una tessera integra ma non funzionante per un difetto tecnico o per l’affaticamento del materiale, verrà emesso un duplicato a titolo gratuito.

Articolo 25
Disposizioni transitorie

1. La tariffa annuale dell’AltoAdige Pass 65+ di 75 euro, ai sensi dell’articolo 10, comma 2, lettera b), viene introdotta in modo graduale. Dall’anno 2015 fino al 2020 le persone nate dal 1945 in poi pagano 75 Euro, mentre le persone più anziane di fascia d’età (cioè tutti coloro nati prima dell’anno 1945) ricevono l’AltoAdige Pass 65+ al prezzo di 20 euro.

2. Fino all’implementazione dell’Euregio Family Pass rimangono in vigore le disposizioni relative all’AltoAdige Pass family contenute nell’Allegato A della deliberazione della Giunta provinciale n. 1336 del 11.11.2014.

3. Dopo l’implementazione dell’Euregio FamilyPass non è più consentito chiedere un nuovo AltoAdige Pass family. Tessere AltoAdige Pass family già esistenti, per i quali non viene richiesta la sostituzione con l’Euregio FamilyPass conservano la loro validità fino a scadenza.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction Delibera 19 gennaio 2016, n. 42
ActionAction Delibera 26 gennaio 2016, n. 62
ActionAction Delibera 2 febbraio 2016, n. 95
ActionAction Delibera 16 febbraio 2016, n. 104
ActionAction Delibera 16 febbraio 2016, n. 126
ActionAction Delibera 16 febbraio 2016, n. 143
ActionAction Delibera 16 febbraio 2016, n. 147
ActionAction Delibera 16 febbraio 2016, n. 167
ActionAction Delibera 23 febbraio 2016, n. 187
ActionAction Delibera 23 febbraio 2016, n. 211
ActionAction Delibera 8 marzo 2016, n. 265
ActionAction Delibera 8 marzo 2016, n. 270
ActionAction Delibera 15 marzo 2016, n. 280
ActionAction Delibera 15 marzo 2016, n. 292
ActionAction Delibera 15 marzo 2016, n. 294
ActionAction Delibera 22 marzo 2016, n. 301
ActionAction Delibera 22 marzo 2016, n. 310
ActionAction Delibera 5 aprile 2016, n. 349
ActionAction Delibera 5 aprile 2016, n. 354
ActionAction Delibera 5 aprile 2016, n. 362
ActionAction Delibera 5 aprile 2016, n. 364
ActionAction Delibera 5 aprile 2016, n. 365
ActionAction Delibera 12 aprile 2016, n. 376
ActionAction Delibera 12 aprile 2016, n. 398
ActionAction Delibera 19 aprile 2016, n. 420
ActionAction Delibera 19 aprile 2016, n. 421
ActionAction Delibera 26 aprile 2016, n. 437
ActionAction Delibera 26 aprile 2016, n. 438
ActionAction Delibera 26 aprile 2016, n. 440
ActionAction Delibera 26 aprile 2016, n. 441
ActionAction Delibera 26 aprile 2016, n. 442
ActionAction Delibera 26 aprile 2016, n. 448
ActionAction Delibera 3 maggio 2016, n. 470
ActionAction Delibera 10 maggio 2016, n. 497
ActionAction Delibera 17 maggio 2016, n. 535
ActionAction Delibera 24 maggio 2016, n. 542
ActionAction Delibera 24 maggio 2016, n. 545
ActionAction Delibera 24 maggio 2016, n. 562
ActionAction Delibera 24 maggio 2016, n. 566
ActionAction Delibera 31 maggio 2016, n. 570
ActionAction Delibera 31 maggio 2016, n. 583
ActionAction Delibera 31 maggio 2016, n. 597
ActionAction Delibera 31 maggio 2016, n. 612
ActionAction Delibera 31 maggio 2016, n. 614
ActionAction Delibera 31 maggio 2016, n. 615
ActionAction Delibera 14 giugno 2016, n. 629
ActionAction Delibera 14 giugno 2016, n. 631
ActionAction Delibera 14 giugno 2016, n. 633
ActionAction Delibera 21 giugno 2016, n. 667
ActionAction Delibera 21 giugno 2016, n. 678
ActionAction Delibera 21 giugno 2016, n. 681
ActionAction Delibera 28 giugno 2016, n. 706
ActionAction Delibera 28 giugno 2016, n. 738
ActionAction Delibera 28 giugno 2016, n. 739
ActionAction Delibera 28 giugno 2016, n. 740
ActionAction Delibera 5 luglio 2016, n. 760
ActionActionAllegato A
ActionAction Delibera 5 luglio 2016, n. 764
ActionAction Delibera 12 luglio 2016, n. 777
ActionAction Delibera 12 luglio 2016, n. 778
ActionAction Delibera 12 luglio 2016, n. 788
ActionAction Delibera 19 luglio 2016, n. 805
ActionAction Delibera 19 luglio 2016, n. 811
ActionAction Delibera 19 luglio 2016, n. 816
ActionAction Delibera 19 luglio 2016, n. 817
ActionAction Delibera 19 luglio 2016, n. 819
ActionAction Delibera 26 luglio 2016, n. 832
ActionAction Delibera 26 luglio 2016, n. 839
ActionAction Delibera 26 luglio 2016, n. 846
ActionAction Delibera 9 agosto 2016, n. 868
ActionAction Delibera 9 agosto 2016, n. 872
ActionAction Delibera 9 agosto 2016, n. 886
ActionAction Delibera 9 agosto 2016, n. 889
ActionAction Delibera 9 agosto 2016, n. 893
ActionAction Delibera 23 agosto 2016, n. 923
ActionAction Delibera 30 agosto 2016, n. 948
ActionAction Delibera 13 settembre 2016, n. 989
ActionAction Delibera 13 settembre 2016, n. 990
ActionAction Delibera 13 settembre 2016, n. 993
ActionAction Delibera 20 settembre 2016, n. 1008
ActionAction Delibera 20 settembre 2016, n. 1018
ActionAction Delibera 27 settembre 2016, n. 1032
ActionAction Delibera 27 settembre 2016, n. 1036
ActionAction Delibera 4 ottobre 2016, n. 1042
ActionAction Delibera 4 ottobre 2016, n. 1051
ActionAction Delibera 4 ottobre 2016, n. 1072
ActionAction Delibera 11 ottobre 2016, n. 1079
ActionAction Delibera 11 ottobre 2016, n. 1098
ActionAction Delibera 18 ottobre 2016, n. 1127
ActionAction Delibera 25 ottobre 2016, n. 1164
ActionAction Delibera 25 ottobre 2016, n. 1176
ActionAction Delibera 8 novembre 2016, n. 1187
ActionAction Delibera 8 novembre 2016, n. 1188
ActionAction Delibera 8 novembre 2016, n. 1197
ActionAction Delibera 8 novembre 2016, n. 1198
ActionAction Delibera 8 novembre 2016, n. 1222
ActionAction Delibera 8 novembre 2016, n. 1223
ActionAction Delibera 15 novembre 2016, n. 1227
ActionAction Delibera 15 novembre 2016, n. 1236
ActionAction Delibera 15 novembre 2016, n. 1241
ActionAction Delibera 15 novembre 2016, n. 1245
ActionAction Delibera 22 novembre 2016, n. 1259
ActionAction Delibera 22 novembre 2016, n. 1290
ActionAction Delibera 22 novembre 2016, n. 1294
ActionAction Delibera 22 novembre 2016, n. 1296
ActionAction Delibera 29 novembre 2016, n. 1321
ActionAction Delibera 29 novembre 2016, n. 1322
ActionAction Delibera 29 novembre 2016, n. 1323
ActionAction Delibera 29 novembre 2016, n. 1331
ActionAction Delibera 29 novembre 2016, n. 1334
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1350
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1359
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1362
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1365
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1366
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1367
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1368
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1375
ActionAction Delibera 6 dicembre 2016, n. 1376
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1386
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1404
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1407
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1415
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1434
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1436
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1439
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1447
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1462
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1457
ActionAction Delibera 20 dicembre 2016, n. 1458
ActionAction Delibera 27 dicembre 2016, n. 1475
ActionAction Delibera 27 dicembre 2016, n. 1477
ActionAction Delibera 27 dicembre 2016, n. 1478
ActionAction Delibera 27 dicembre 2016, n. 1489
ActionAction Delibera 27 dicembre 2016, n. 1493
ActionAction Delibera 27 dicembre 2016, n. 1503
ActionAction Delibera 27 dicembre 2016, n. 1512
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico