In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 15 settembre 2015, n. 1058
Modifica degli standard minimi per l'offerta formativa pubblica pubblica nell'apprendistato professionalizzante

Allegato 1

Modifiche agli standard minimi per l’offerta formativa pubblica nell’apprendistato professionalizzante
ai sensi della Legge provinciale del 4 luglio 2012, n. 12, “Ordinamento dell’apprendistato”, articolo 19, comma 3 e in attuazione dell’Accordo Stato-Regioni „Deliberazione concernente le Linee guida per l’apprendistato professionalizzante, ai sensi dell’articolo 2 del decreto- legge 28 giugno 2013, n. 76, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 99“ del 20 febbraio 2014

Articolo 1
(Gli standard minimi per l’offerta formativa pubblica)

Vengono stabiliti i seguenti standard minimi ai sensi della Legge provinciale del 4 luglio 2012, n. 12, “Ordinamento dell’apprendistato”, articolo 19, comma 3:

1. La dimensione della formazione pubblica obbligatoria
Il datore/la datrice di lavoro è obbligato/obbligata ad esonerare gli apprendisti/le apprendiste dal lavoro per 40 ore annue ai fini dell’offerta formativa pubblica, a partire dal primo anno d’apprendistato e per un massimo di 3 anni d’apprendistato. Per gli apprendisti con diploma universitario o in possesso di un altro titolo di studio post-secondario, l’obbligo è ridotto a 20 ore per anno d’apprendistato. Le ore previste per il 3º anno d’apprendistato possono essere assolte anche durante il 1º o 2º anno d’apprendistato. Lo scopo di queste 40 ore di formazione è l’acquisizione da parte dell’apprendista di competenze di base e trasversali.

2. Le competenze di base e trasversali
Per la formazione di base e trasversale si può scegliere tra i seguenti o simili settori:
- lingue locali e lingue straniere
- diritto del lavoro con particolare riguardo al contratto d’apprendistato
- sicurezza sul lavoro
- tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT)
- comunicazione
- time management, selfmanagement, gestione delle competenze (p.e.assessment, bilancio delle competenze)
- organizzazione del lavoro ed aziendale, project management
- economia aziendale, gestione aziendale e diritto
- matematica, scienze naturali e tecnica
- storia ed educazione civica

3. L’attuazione della formazione
La formazione si articola nella frequenza di un specifico corso obbligatorio e nella frequenza di corsi che possono essere scelti liberamente nell’ambito dei settori di cui all’articolo 1, comma 2 (ambito di scelta obbligata).
Il 50 percento della formazione di base e trasversale può essere eseguita all’interno dell’azienda.

4. Il corso obbligatorio
- Durante il primo anno d’apprendistato ogni apprendista è tenuto/tenuta ad assolvere un corso obbligatorio della durata di 8 ore.
- Il corso obbligatorio viene organizzato dalle scuole professionali provinciali ed è gratuito. La frequenza è obbligatoria.
- L’Ufficio apprendistato e maestro artigiano informa il datore/la datrice di lavoro sul luogo e la data dei corsi. Il datore/la datrice di lavoro deve iscrivere l’apprendista al corso obbligatorio entro il termine previsto. La lingua (tedesco o italiano) e il luogo del corso sono a scelta libera.

Argomenti

Obiettivi

L’apprendista

Basi di diritto del lavoro

 

- possiede nozioni fondamentali in relazione ai seguenti argomenti:

  1. contratto collettivo,
  2. inizio del rapporto di lavoro (denuncia, contratto di lavoro, periodo di prova, …),
  3. disciplina dell’orario di lavoro,
  4. norme disciplinari,
  5. assenze e sospensione del rapporto di lavoro (ferie, esoneri, malattia, maternità, infortunio sul lavoro, cassa integrazione, …),
  6. risoluzione del rapporto di lavoro.

Il mio contratto d’apprendistato

  1. conosce il tipo di contratto “apprendistato professionalizzante” e il proprio contratto d’apprendistato,
  2. è consapevole dei suoi diritti e doveri da apprendista.

La mia busta paga

  1. è in grado di leggere e interpretare la sua busta paga,
  2. identifica le voci relative ai contributi previdenziali e sociali, alle imposte e assicurazioni, riportate sulla busta paga.

Pensione e pensione integrativa

 

  1. possiede nozioni fondamentali riguardo le disposizioni italiane in materia di pensioni attualmente in vigore e per lui valide,
  2. conosce le opportunità d’adesione ad una forma di pensione integrativa e il funzionamento del sistema di pensione integrativa in Italia e nella Regione Trentino – Alto Adige.

 

5. La formazione in ambito di scelta obbligata
Oltre al corso obbligatorio il datore/la datrice di lavoro è tenuto/tenuta a garantire le restanti ore di formazione pubblica, ai sensi dell’articolo 1, comma 1, nel quadro della seguente offerta:
1. offerta di formazione continua delle scuole professionali provinciali (esente da tassa d’iscrizione),
2. offerte degli enti bilaterali,
3. offerte di altre organizzazioni, le cui finalità statutarie comprendono “formazione e aggiornamento”,
4. formazione espletata all’interno dell’azienda nei limiti di cui all’articolo 1, comma 3.

6. Le forme ammissibili di formazione
Sono ammissibili le seguenti forme di formazione:
- corsi e seminari
- e-learning.

7. Documentazione della formazione di base e trasversale
Il datore/la datrice di lavoro è obbligato/a a documentare la formazione di base e trasversale, a firmare la relativa documentazione e a farla firmare all’apprendista ed a conservarla. Gli attestati di frequenza a corsi e seminari devono essere allegati alla documentazione.

Articolo 2
(Piano formativo individuale)

In attuazione dell’articolo 2 dell’Accordo Stato Regioni, „Deliberazione concernente le Linee guida per l’apprendistato professionalizzante, ai sensi dell’articolo 2 del decreto- legge 28 giugno 2013, n. 76, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 99”, del 20 febbraio 2014 il piano formativo individuale è obbligatorio esclusivamente in relazione alla formazione per l’acquisizione delle competenze tecnico-professionali e specialistiche e pertanto non è obbligatorio per la formazione di base e trasversale ai sensi dell’articolo 1 della presente delibera.

Articolo 3
(Applicazione della clausola di salvaguardia ai sensi dell’articolo 6 dell’Accordo Stato-Regioni del 20 febbraio 2014)

Gli articoli 1 e 3 dell’Accordo della Conferenza Stato-Regioni del 20 febbraio 2014, „Deliberazione concernente le Linee guida per l’apprendistato professionalizzante, ai sensi dell’articolo 2 del decreto- legge 28 giugno 2013, n. 76, convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 99”, non trovano attuazione in applicazione della clausola di salvaguardia ai sensi dell’articolo 6 dell’accordo citato.

Articolo 4
(Disposizione transitoria)

Apprendisti con contratto professionalizzante che è stato stipulato prima dell’entrata in vigore della presente deliberazione e che non hanno ancora frequentato il corso obbligatorio della formazione pubblica obbligatoria, frequentano il corso obbligatorio di 8 ore ai sensi dell’articolo 1, comma 4.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction Delibera 13 gennaio 2015, n. 29
ActionAction Delibera 20 gennaio 2015, n. 56
ActionAction Delibera 20 gennaio 2015, n. 57
ActionAction Delibera 27 gennaio 2015, n. 94
ActionAction Delibera 27 gennaio 2015, n. 98
ActionAction Delibera 27 gennaio 2015, n. 106
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 127
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 128
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 130
ActionAction Delibera 3 febbraio 2015, n. 134
ActionAction Delibera 10 febbraio 2015, n. 166
ActionAction Delibera 24 febbraio 2015, n. 204
ActionAction Delibera 24 febbraio 2015, n. 207
ActionAction Delibera 3 marzo 2015, n. 229
ActionAction Delibera 3 marzo 2015, n. 231
ActionAction Delibera 10 marzo 2015, n. 275
ActionAction Delibera 17 marzo 2015, n. 299
ActionAction Delibera 17 marzo 2015, n. 302
ActionAction Delibera 24 marzo 2015, n. 347
ActionAction Delibera 24 marzo 2015, n. 351
ActionAction Delibera 31 marzo 2015, n. 385
ActionAction Delibera 31 marzo 2015, n. 389
ActionAction Delibera 31 marzo 2015, n. 394
ActionAction Delibera 31 marzo 2015, n. 390
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 419
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 422
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 423
ActionAction Delibera 14 aprile 2015, n. 435
ActionAction Delibera 21 aprile 2015, n. 470
ActionAction Delibera 28 aprile 2015, n. 486
ActionAction Delibera 28 aprile 2015, n. 505
ActionAction Delibera 5 maggio 2015, n. 522
ActionAction Delibera 5 maggio 2015, n. 524
ActionAction Delibera 5 maggio 2015, n. 532
ActionAction Delibera 12 maggio 2015, n. 543
ActionAction Delibera 12 maggio 2015, n. 558
ActionAction Delibera 19 maggio 2015, n. 573
ActionAction Delibera 9 giugno 2015, n. 651
ActionAction Delibera 9 giugno 2015, n. 699
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 703
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 712
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 713
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 714
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 721
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 733
ActionAction Delibera 16 giugno 2015, n. 734
ActionAction Delibera 23 giugno 2015, n. 743
ActionAction Delibera 30 giugno 2015, n. 784
ActionAction Delibera 30 giugno 2015, n. 796
ActionAction Delibera 7 luglio 2015, n. 808
ActionAction Delibera 7 luglio 2015, n. 816
ActionAction Delibera 14 luglio 2015, n. 830
ActionAction Delibera 14 luglio 2015, n. 832
ActionAction Delibera 14 luglio 2015, n. 834
ActionAction Delibera 21 luglio 2015, n. 842
ActionAction Delibera 28 luglio 2015, n. 869
ActionAction Delibera 28 luglio 2015, n. 873
ActionAction Delibera 28 luglio 2015, n. 890
ActionAction Delibera 11 agosto 2015, n. 923
ActionAction Delibera 11 agosto 2015, n. 924
ActionAction Delibera 25 agosto 2015, n. 979
ActionAction Delibera 25 agosto 2015, n. 990
ActionAction Delibera 1 settembre 2015, n. 1004
ActionAction Delibera 1 settembre 2015, n. 1013
ActionAction Delibera 1 settembre 2015, n. 1017
ActionAction Delibera 8 settembre 2015, n. 1022
ActionAction Delibera 8 settembre 2015, n. 1027
ActionAction Delibera 15 settembre 2015, n. 1047
ActionAction Delibera 15 settembre 2015, n. 1058
ActionActionAllegato 1
ActionAction Delibera 22 settembre 2015, n. 1096
ActionAction Delibera 22 settembre 2015, n. 1100
ActionAction Delibera 29 settembre 2015, n. 1104
ActionAction Delibera 29 settembre 2015, n. 1112
ActionAction Delibera 6 ottobre 2015, n. 1136
ActionAction Delibera 6 ottobre 2015, n. 1160
ActionAction Delibera 13 ottobre 2015, n. 1162
ActionAction Delibera 13 ottobre 2015, n. 1171
ActionAction Delibera 27 ottobre 2015, n. 1236
ActionAction Delibera 3 novembre 2015, n. 1251
ActionAction Delibera 3 novembre 2015, n. 1274
ActionAction Delibera 10 novembre 2015, n. 1275
ActionAction Delibera 10 novembre 2015, n. 1300
ActionAction Delibera 10 novembre 2015, n. 1301
ActionAction Delibera 17 novembre 2015, n. 1328
ActionAction Delibera 24 novembre 2015, n. 1358
ActionAction Delibera 1 dicembre 2015, n. 1366
ActionAction Delibera 1 dicembre 2015, n. 1373
ActionAction Delibera 9 dicembre 2015, n. 1407
ActionAction Delibera 9 dicembre 2015, n. 1420
ActionAction Delibera 15 dicembre 2015, n. 1438
ActionAction Delibera 22 dicembre 2015, n. 1475
ActionAction Delibera 22 dicembre 2015, n. 1492
ActionAction Delibera 22 dicembre 2015, n. 1517
ActionAction Delibera 22 dicembre 2015, n. 1544
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico