In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 25 luglio 2011, n. 1136
Fondazione Orchestra Sinfonica Haydn di Bolzano e Trento: Approvazione delle modifiche allo statuto (modificata con delibera n. 544 del 15.04.2013)

Allegato

STATUTO FONDAZIONE ORCHESTRA SINFONICA HAYDN BOLZANO E TRENTO

Art. 1
Denominazione e sede

Per iniziativa delle Province Autonome, dei Comuni di Bolzano e Trento e della Regione Autonoma Trentino - Alto Adige è istituita la Fondazione „Orchestra Sinfonica Haydn di Bolzano e Trento“ con sedi a Bolzano e Trento e con sede legale ed amministrativa a Bolzano.

L’Orchestra è riconosciuta fra le istituzioni concertistico-orchestrali con legge dello Stato (14 agosto 1967, n. 800 – articolo 28).

La Fondazione subentra integralmente in tutti i diritti, in tutti gli obblighi, in tutti i rapporti giuridici attivi e passivi dell'Ente "Orchestra Haydn di Bolzano e Trento", in essere o pendenti alla data della trasformazione.

La Fondazione conserva le prerogative riconosciute all'Ente Orchestra Haydn. In particolare, la Fondazione conserva il diritto a percepire i contributi pubblici spettanti all'Ente stesso.

La Fondazione non persegue fini di lucro, indipendentemente dalla sua qualifica ai fini tributari.

Art. 2
Scopo

La Fondazione si propone di contribuire alla diffusione ed all’elevazione della cultura musicale nelle province di Bolzano e Trento.

In particolare, per raggiungere questo scopo, la Fondazione:

• gestisce l’orchestra stabile professionale Haydn, per realizzare con continuità programmi di produzione e di distribuzione musicale nelle due province;

• partecipa ad altre iniziative come allestimenti di stagioni liriche, di festival e rassegne musicali, concorsi, scambi artistici e manifestazioni musicali in genere;

• collabora con le istituzioni pubbliche locali e con altri enti che perseguono finalità analoghe, in particolare con iniziative volte a sviluppare l’educazione musicale nei giovani;

• promuove ed organizza studi e ricerche;

• al fine di valorizzare la propria orchestra, promuove produzioni audiovisive ed organizza anche giri concertistici fuori dalle due province ed in paesi esteri, anche realizzando scambi con analoghe istituzioni italiane e straniere.

La Fondazione compie tutti gli atti ed i negozi ed adotta i provvedimenti utili al raggiungimento dei fini sopra esposti, comprese le acquisizioni necessarie per la sede, gli uffici ed i servizi.

Art. 3
Soci fondatori e aderenti

Sono fondatori originari le Province Autonome di Bolzano e Trento, i Comuni di Bolzano e Trento e la Regione Autonoma Trentino - Alto Adige.

Previa intesa sulle condizioni, il Consiglio di Amministrazione può deliberare l’ammissione, quali nuovi soci aderenti, di soggetti pubblici o privati che, successivamente alla costituzione, intendano aderire alla Fondazione, condividendone la finalità e si impegnino a contribuire al fondo di dotazione ed alle spese annuali di esercizio.

Per l'ammissione dei nuovi soci è necessario il preventivo benestare di tutti i soci fondatori.

I Soci Fondatori versano ogni anno le loro assegnazioni finanziarie per la realizzazione dell’attività ordinaria della Fondazione. Ogni anno, entro il mese di marzo, il Presidente della Regione convoca un incontro collegiale dei Soci Fondatori con i rappresentanti della Fondazione per definire e concordare gli aggiornamenti dei finanziamenti per l’attività ordinaria e per i progetti speciali.

Per attività ordinaria si intende lo svolgimento delle stagioni concertistiche in cartellone in Regione. Come progetti speciali vengono considerati ad esempio l’organizzazione di festival o la partecipazione ad essi, i concorsi per solisti o direttori d’orchestra, le trasferte dell’Orchestra in Italia e all’estero, come pure le coproduzioni liriche con i teatri della regione o con altri teatri in Italia o all’estero, ecc..

Art. 4
Patrimonio

Il patrimonio della Fondazione è costituito:

• dal fondo dotazione formato dai conferimenti in denaro e di beni mobili ed immobili effettuati dai soci fondatori e dai nuovi soci;

• da beni mobili ed immobili acquistati dalla Fondazione con proprie disponibilità;

• da eventuali erogazioni, donazioni, lasciti, eredità e da quant’altro pervenga alla Fondazione per atto di liberalità di terzi.

Art. 5
Proventi

Per lo svolgimento delle proprie attività la Fondazione utilizza:

a) i redditi derivanti dal proprio patrimonio;

b) i contributi concessi dallo Stato;

c) le assegnazioni finanziarie ordinarie annuali erogati dai soci fondatori, come previsto dall'articolo 3 del presente Statuto;

d) le assegnazioni finanziarie di altri soci aderenti;

e) i finanziamenti ed i contributi di qualunque natura provenienti da enti o da soggetti pubblici e privati;

f) i proventi di gestione.

Gli avanzi di gestione possono essere accantonati per la copertura di eventuali spese impreviste future e per l'acquisto di beni strumentali necessari per lo svolgimento della propria attività o portati al patrimonio.

Art. 6
Esercizio finanziario

L’esercizio finanziario ha inizio il 1° gennaio di ogni anno e si chiude il successivo 31 dicembre.

La proposta di bilancio preventivo, corredata dalla relazione programmatica, deve essere depositata nella sede della Fondazione entro il 31 luglio, per eventuali osservazioni da parte dei Soci fondatori.

Entro il 30 novembre di ogni anno deve essere approvato il bilancio preventivo; entro il 30 aprile del nuovo esercizio deve essere approvato il conto consuntivo accompagnato da una relazione sull’andamento dell’attività svolta.

Il consuntivo, accompagnato dalla relazione del Collegio dei Revisori dei Conti, ed il bilancio preventivo, accompagnato dalla relazione programmatica, devono essere trasmessi ai soci rispettivamente entro il 15 maggio ed entro il 15 dicembre di ogni esercizio.

Le spese della Fondazione devono essere contenute entro i limiti del bilancio di previsione e delle relative variazioni. I soci non contraggono alcuna responsabilità finanziaria fuori delle somme che abbiano regolarmente erogato.

Art. 7
Organi della fondazione

Sono organi della Fondazione:

a) il Consiglio di Amministrazione;

b) il Presidente;

c) il Collegio dei Revisori dei Conti.

Art. 8
Il Consiglio di Amministrazione

I componenti del Consiglio di Amministrazione sono nominati dai soci fondatori rispettivamente nel numero di:

• 2 rappresentanti della Regione Autonoma Trentino – Alto Adige;

• 1 rappresentante della Provincia Autonoma di Bolzano;

• 1 rappresentante della Provincia Autonoma di Trento;

• 1 rappresentante del Comune di Bolzano;

• 1 rappresentante del Comune di Trento;

Nella designazione dei componenti del Consiglio di Amministrazione i soci fondatori devono rispettare la proporzionale linguistica, riferita alla popolazione residente nella Regione Trentino – Alto Adige.

I soci fondatori definiscono, all’inizio del mandato del Consiglio di Amministrazione, le linee di indirizzo cui si ispira la gestione dell’Orchestra, anche con riferimento alle risorse assegnate.

Il Consiglio dura in carica cinque anni e i Consiglieri possono essere riconfermati. Alla scadenza del mandato il Consiglio continua ad esercitare le proprie funzioni fino a che non sia nominato il nuovo Consiglio. Il Consiglio di Amministrazione diviene operante con la nomina di almeno 2/3 dei suoi componenti.

Il Consiglio di Amministrazione si riunisce in seduta ordinaria ogni tre mesi e può altresì essere convocato su iniziativa del Presidente oppure ogni qualvolta ne facciano richiesta scritta almeno tre membri.

Per le riunioni del Consiglio di Amministrazione l’avviso di convocazione, che deve contenere l’elenco degli argomenti da trattare, deve essere inviato a cura del Presidente ai singoli membri almeno cinque giorni prima di quello fissato per la seduta e, nei casi d'urgenza, deve essere recapitato almeno 24 ore prima.

Le sedute del Consiglio di Amministrazione sono valide quando interviene almeno la metà più uno dei membri che lo compongono.

Le deliberazioni sono adottate con la maggioranza dei presenti. In caso di parità di voti, prevale il voto del Presidente.

Art. 9
Attribuzioni del consiglio di amministrazione

Al Consiglio di Amministrazione spettano tutti i poteri per la gestione ordinaria e straordinaria della Fondazione.

Per conseguire le finalità della Fondazione, il Consiglio di Amministrazione in particolare:

a) elegge nel proprio ambito, con votazione segreta, il Presidente ed il Vicepresidente della Fondazione;

b) può nominare nel suo ambito, con deleghe specifiche, un Comitato esecutivo costituito dal Presidente, dal Vicepresidente e da due consiglieri;

c) nel rispetto dei ruoli e delle competenze artistiche e amministrative delibera con regolamento interno l’assetto organizzativo della Fondazione e procede alla nomina delle funzioni apicali individuando la durata dei contratti;

d) approva il programma annuale di attività, proposto dal responsabile della progettazione artistica;

e) approva il bilancio preventivo, le relative variazioni ed il conto consuntivo;

f) conferisce incarichi professionali, determinando per ciascun collaboratore le condizioni, le modalità di svolgimento delle prestazioni ed i relativi compensi;

g) assume i componenti dell’Orchestra, riconoscendo nelle assunzioni dei componenti stabili – in presenza di parità di punteggio nelle graduatorie conseguenti a concorsi – la preferenza ai candidati residenti nella regione, avendo riguardo alla proporzionale linguistica riferita alla popolazione residente nella regione stessa;

h) assume il personale tecnico-amministrativo nel rispetto della proporzionale linguistica. L'eventuale motivata deroga è autorizzata dal Consiglio a maggioranza dei due terzi dei componenti;

i) delibera sull’ammissione di nuovi soci aderenti e sulle relative condizioni, fatte salve le disposizioni di cui all'articolo tre;

j) delibera in ordine all’accettazione di donazioni e lasciti, agli acquisti ed all’alienazione di beni;

k) delibera sulle azioni da promuovere o da sostenere in giudizio e sulle transazioni;

l) fissa l’ammontare delle indennità di carica da corrispondere al Presidente ed, in misura ridotta, al Vicepresidente, nonché ai membri del Collegio dei Revisori; fissa altresì l’ammontare del gettone di presenza per i consiglieri, come pure tariffe e modalità per il rimborso delle spese di trasferta;

m) delibera su ogni altro oggetto d’interesse della Fondazione;

n) delibera su tutte le materie non specificatamente attribuite ad altri organi e qualora lo ritenga opportuno delega al Presidente la cura degli atti relativi alla gestione.

Art. 10
Il Presidente

Il Presidente è eletto, con votazione segreta, dal Consiglio di Amministrazione a maggioranza assoluta dei suoi componenti e dura in carica cinque anni. Alla scadenza di ogni mandato viene eletto alla carica di Presidente un rappresentante della provincia diversa da quella che aveva espresso il Presidente uscente, su proposta dei consiglieri residenti nella provincia stessa.

Il Consiglio di Amministrazione, ad unanimità di voti, può riconfermare il Presidente uscente per un solo successivo mandato, prescindendo dalle disposizioni di cui al precedente capoverso.

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione:

a) ha la legale rappresentanza della Fondazione, convoca e presiede le adunanze del Consiglio di Amministrazione;

b) stipula e firma i contratti e tutti gli atti della Fondazione;

c) ordina i pagamenti nei limiti degli stanziamenti previsti dal bilancio;

d) sovrintende al buon funzionamento amministrativo e tecnico della Fondazione nel suo complesso ed è responsabile della regolare attuazione delle deliberazioni del Consiglio di Amministrazione.

In assenza o impedimento del Presidente le relative funzioni sono esercitate dal Vice-Presidente al quale il Presidente, sentito il Consiglio di Amministrazione, può delegare determinate categorie di compiti.

Art. 11
Il Collegio dei Revisori dei Conti

Il Collegio dei Revisori dei Conti è costituito da tre membri, designati uno ciascuno dalle Giunte Provinciali di Bolzano e di Trento ed uno alternativamente dai Comuni di Bolzano e di Trento. La composizione del Collegio deve conformarsi alla proporzionale linguistica riferita alla popolazione residente nella regione.

Il Collegio dura in carica cinque anni ed i suoi membri possono essere riconfermati. Eleggono nel proprio ambito il Presidente. Durano in carica per la durata del mandato del Consiglio di Amministrazione.

Il Collegio esercita il controllo amministrativo, legale, contabile e fiscale sull'attività della Fondazione e vigila sull'osservanza delle leggi, dello Statuto e delle regole di buona amministrazione.

I Revisori possono assistere alle sedute del Consiglio di Amministrazione.

Art. 12
Incompatibilità

E’ fatto divieto al personale dipendente di esercitare altro impiego o professione autonoma o commercio senza l’espressa autorizzazione del Consiglio di Amministrazione.

Art. 13
Agevolazioni da parte dei soci

Allo scopo di contenere i costi, i soci si impegnano a mettere a disposizione della Fondazione strutture e spazi funzionali all’attività dell’Orchestra gratuitamente o a tariffe ridotte.

Le due realtà provinciali saranno altresì facilitate in modo paritario nella possibilità di avvalersi delle prestazioni dell’orchestra.

Art. 14
Scioglimento della Fondazione

In caso di scioglimento della Fondazione, il residuo netto del patrimonio va devoluto ad istituzioni musicali delle due province indicate dai soci fondatori.

Il recesso da socio fondatore o aderente può avvenire solo con il preavviso di un anno, fermi restando gli impegni finanziari per i successivi dodici mesi.

Art. 15
Disposizioni richiamate

Per quanto non contemplato dal presente statuto si rinvia alle norme del codice civile italiano ed alle altre leggi vigenti in materia.

Art. 16
Norma transitoria

Fino all’emanazione del regolamento sull’assetto organizzativo di cui all’articolo 9 c) restano in vigore le precedenti disposizioni dello Statuto di cui agli articoli 9, 12, 13, 14 e 15, salvo l’ultimo capoverso dell’articolo 9.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction2011
ActionAction Delibera N. 11 del 17.01.2011
ActionAction Delibera 24 gennaio 2011, n. 50
ActionAction Delibera N. 86 del 24.01.2011
ActionAction Delibera N. 139 del 07.02.2011
ActionAction Delibera N. 189 del 07.02.2011
ActionAction Delibera N. 372 del 14.03.2011
ActionAction Delibera N. 423 del 14.03.2011
ActionAction Delibera 21 marzo 2011, n. 435
ActionAction Delibera N. 474 del 21.03.2011
ActionAction Delibera N. 477 del 21.03.2011
ActionAction Delibera N. 535 del 04.04.2011
ActionAction Delibera N. 601 del 11.04.2011
ActionAction Delibera N. 683 del 21.04.2011
ActionAction Delibera N. 742 del 09.05.2011
ActionAction Delibera N. 743 del 09.05.2011
ActionAction Delibera N. 786 del 16.05.2011
ActionAction Delibera N. 849 del 23.05.2011
ActionAction Delibera N. 850 del 23.05.2011
ActionAction Delibera N. 859 del 23.05.2011
ActionAction Delibera N. 860 del 23.05.2011
ActionAction Delibera 30 maggio 2011, n. 868
ActionAction Delibera 30 maggio 2011, n. 892
ActionAction Delibera N. 923 del 06.06.2011
ActionAction Delibera 20 giugno 2011, n. 932
ActionAction Delibera N. 934 del 20.06.2011
ActionAction Delibera N. 974 del 20.06.2011
ActionAction Delibera 27 giugno 2011, n. 998
ActionAction Delibera 27 giugno 2011, n. 1015
ActionAction Delibera 4 luglio 2011, n. 1020
ActionAction Delibera N. 1094 del 18.07.2011
ActionAction Delibera 25 luglio 2011, n. 1136
ActionActionAllegato
ActionAction Delibera 8 agosto 2011, n. 1189
ActionAction Delibera 6 settembre 2011, n. 1356
ActionAction Delibera 19 settembre 2011, n. 1429
ActionAction Delibera 19 settembre 2011, n. 1432
ActionAction Delibera 26 settembre 2011, n. 1445
ActionAction Delibera 26 settembre 2011, n. 1449
ActionAction Delibera 10 ottobre 2011, n. 1537
ActionAction Delibera 24 ottobre 2011, n. 1605
ActionAction Delibera 14 novembre 2011, n. 1715
ActionAction Delibera 28 novembre 2011, n. 1825
ActionAction Delibera 28 novembre 2011, n. 1835
ActionAction Delibera 5 dicembre 2011, n. 1898
ActionAction Delibera 12 dicembre 2011, n. 1906
ActionAction Delibera 19 dicembre 2011, n. 2006
ActionAction Delibera 19 dicembre 2011, n. 2007
ActionAction Delibera 30 dicembre 2011, n. 2025
ActionAction Delibera 30 dicembre 2011, n. 2026
ActionAction Delibera 30 dicembre 2011, n. 2031
ActionAction Delibera 30 dicembre 2011, n. 2057
ActionAction Delibera 30 dicembre 2011, n. 2081
ActionAction Delibera 30 dicembre 2011, n. 2087
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico