In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

Delibera 26 novembre 2012, n. 1757
Approvazione dei criteri di calcolo e di versamento del contributo spese a carico dei comuni di cui all'articolo 35 della legge provinciale n. 4/2006 (modificata con delibera n. 1232 del 21.10.2014)

Allegato

CRITERI E MODALITA' PER IL CALCOLO ED IL VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO SPESE A CARICO DEI COMUNI PREVISTO DALL'ART. 35 DELLA LEGGE PROVINCIALE N. 4/2006

A) Premesse

Ai sensi dell'art. 35 della legge provinciale, n. 4 del 26 maggio 2006, i comuni e i gestori degli impianti di raccolta e smaltimento dei rifiuti versano annualmente alla Provincia un importo per la parziale copertura delle spese della Provincia per la realizzazione di discariche ed impianti di recupero e smaltimento rifiuti.

B) Base per il calcolo dell'importo complessivo

Per il calcolo dell'importo si prendono come base i costi che la Provincia ha sostenuto a partire dall'anno 1985 per la realizzazione di discariche ed impianti di smaltimento rifiuti. A tale scopo si considerano solo le somme effettivamente pagate e non quelle impegnate. Il periodo di tempo massimo viene fissato in 15 anni. I fondi utilizzati dalla Provincia in questo settore sono suddivisi come segue:

1. Per la progettazione e realizzazione degli impianti di raccolta e smaltimento, nonché per l'acquisto delle aree e delle pertinenze accessorie (art. 12 della legge provinciale n. 4/2006) effettuate dalla Provincia;

2. Contributi concessi dalla Provincia ai comuni, relative associazioni e comunità comprensoriali, nonché ad aziende speciali e società di capitale a partecipazione pubblica per la progettazione e realizzazione di impianti di smaltimento (art. 12 della legge provinciale n. 4/2006).

C) Fissazione dell’importo annuo

La percentuale è fissata come segue:

2006 e ss. 2,00%

L'importo viene fissato in ragione dei quantitativi di rifiuti conferiti nell'anno precedente ed in rapporto all'impatto ambientale dei vari tipi di impianti. Al fine di incentivare gli sforzi dei comuni per una riduzione dei rifiuti, ed es. attraverso raccolte differenziate, compostaggio, etc., l'importo dovuto viene calcolato in rapporto alla quantità e alla qualità dei rifiuti residui conferiti.

D) Determinazione dell’importo unitario

L’importo unitario (€/t) viene calcolato dividendo l’importo complessivo per la quantità dei rifiuti urbani e speciali prodotti nell’anno precedente. Nella definizione della quantità di rifiuti speciali, al fine della determinazione dell’importo unitario, sono da escludere i rifiuti provenienti dall’incenerimento dei rifiuti urbani e le terre e rocce provenienti da attività di bonifica (CER 170503 e 170504).

Per questo calcolo è necessario tenere distinti i rifiuti smaltiti dal servizio pubblico di smaltimento, dai rifiuti speciali che vengono conferiti direttamente agli impianti pubblici e per i quali si paga ai gestori degli stessi.

L'importo dovuto viene poi imputato ai comuni ed ai conferitori di rifiuti speciali secondo le modalità di cui ai punti E) ed F).

E) Importo dovuto dai comuni

In base al principio “chi inquina paga” l’importo da versare annualmente alla provincia si ottiene moltiplicando l’importo unitario per la quantità di rifiuti urbani prodotta dal singolo comune nell’anno precedente.

Vengono considerate le seguenti tipologie di rifiuti:

a) Rifiuti solidi urbani CER 200301,

b) Rifiuti ingombranti CER 200307 e

c) Rifiuti biodegradabili da cucine e mense CER 200108.

Come base valgono i quantitativi dei rifiuti di cui sopra relativi al MUD ( Legge n. 70/1994) dell’anno precedente per il rispettivo comune.

Dal 2006 gli importi da restituire verranno calcolati ai comuni anche in base alla qualità della raccolta della frazione organica secondo le seguenti modalità:

- Per i comuni che raccolgono annualmente meno di 10 kg/abitante equivalente è previsto un aumento del 7%.

- Per i comuni con un valore compreso tra i 10 e 30 kg/abitante equivalente è previsto un aumento del 3,5%.

- Per i comuni con più di 30 kg/abitante equivalente è prevista una riduzione proporzionale ai maggiori introiti dovuti alle due categorie precedenti.

Come base di calcolo viene considerata la quantità dei rifiuti organici (CER 200108) esclusi i rifiuti verdi, conferita ad un impianto di recupero.

F) Importo dovuto per il conferimento di rifiuti speciali

Anche per il conferimento di rifiuti speciali a impianti pubblici di smaltimento deve essere prevista la restituzione di un importo annuale alla Provincia in base ai quantitativi di rifiuti conferiti.

L’importo unitario è applicato in forma di una maggiorazione per tonnellata di rifiuti speciali conferiti ed è fatturato dai gestori degli impianti al momento del conferimento.

Il suddetto importo non è dovuto nei seguenti casi:

a) conferimento di rifiuti provenienti dall’incenerimento dei rifiuti urbani prodotti in provincia di Bolzano;

b) conferimenti effettuati direttamente o per conto della Provincia o di sue controllate;

c) conferimento di rifiuti a impianti di recupero, di trasbordo e incenerimento di rifiuti;

d) conferimento di rifiuti provenienti dall’attività di bonifica di discariche dimesse e incontrollate e assistite da un contributo provinciale minimo del 50%.

G) Versamento annuale degli importi alla Provincia da parte dei comuni

Gli importi dovuti da ciascun comune sono determinati dalla Giunta provinciale entro il 30 settembre di ogni anno per l'anno successivo e pubblicati sul Bollettino ufficiale della Regione.

Nel caso in cui gli importi non vengano fissati entro il termine suddetto, valgono gli importi stabiliti per l'anno precedente.

I comuni pagano gli importi di cui sopra entro il 31 dicembre tramite versamento diretto alla tesoreria della Provincia. Tali importi vengono

imputati ad un determinato capitolo del bilancio provinciale e sono destinati al finanziamento degli interventi previsti dal piano gestione rifiuti.

Qualora un comune non provveda a versare l'importo dovuto entro il 31 dicembre esso verrà dedotto a partire dalla terza rata delle somme attribuite al comune stesso ai sensi dell'art. 4 della legge provinciale del 14.2.1992, n. 6 nell'anno successivo.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionAction2019
ActionAction2018
ActionAction2017
ActionAction2016
ActionAction2015
ActionAction2014
ActionAction2013
ActionAction2012
ActionAction Delibera 9 gennaio 2012, n. 18
ActionAction Delibera 23 gennaio 2012, n. 75
ActionAction Delibera 23 gennaio 2012, n. 110
ActionAction Delibera 6 febbraio 2012, n. 164
ActionAction Delibera 6 febbraio 2012, n. 194
ActionAction Delibera 13 febbraio 2012, n. 203
ActionAction Delibera 27 febbraio 2012, n. 288
ActionAction Delibera 5 marzo 2012, n. 326
ActionAction Delibera 5 marzo 2012, n. 328
ActionAction Delibera 12 marzo 2012, n. 341
ActionAction Delibera 12 marzo 2012, n. 373
ActionAction Delibera 12 marzo 2012, n. 374
ActionAction Delibera 19 marzo 2012, n. 385
ActionAction Delibera 19 marzo 2012, n. 393
ActionAction Delibera 19 marzo 2012, n. 409
ActionAction Delibera 26 marzo 2012, n. 428
ActionAction Delibera 26 marzo 2012, n. 474
ActionAction Delibera 7 maggio 2012, n. 630
ActionAction Delibera 14 maggio 2012, n. 690
ActionAction Delibera 21 maggio 2012, n. 762
ActionAction Delibera 29 maggio 2012, n. 794
ActionAction Delibera 29 maggio 2012, n. 798
ActionAction Delibera 4 giugno 2012, n. 819
ActionAction Delibera 4 giugno 2012, n. 823
ActionAction Delibera 25 giugno 2012, n. 925
ActionAction Delibera 25 giugno 2012, n. 953
ActionAction Delibera 2 luglio 2012, n. 999
ActionAction Delibera 2 luglio 2012, n. 1008
ActionAction Delibera 9 luglio 2012, n. 1066
ActionAction Delibera 16 luglio 2012, n. 1093
ActionAction Delibera 16 luglio 2012, n. 1113
ActionAction Delibera 16 luglio 2012, n. 1114
ActionAction Delibera 23 luglio 2012, n. 1134
ActionAction Delibera 23 luglio 2012, n. 1135
ActionAction Delibera 23 luglio 2012, n. 1141
ActionAction Delibera 17 agosto 2012, n. 1202
ActionAction Delibera 17 agosto 2012, n. 1214
ActionAction Delibera 27 agosto 2012, n. 1220
ActionAction Delibera 27 agosto 2012, n. 1250
ActionAction Delibera 27 agosto 2012, n. 1283
ActionAction Delibera 3 settembre 2012, n. 1299
ActionAction Delibera 10 settembre 2012, n. 1324
ActionAction Delibera 10 settembre 2012, n. 1361
ActionAction Delibera 17 settembre 2012, n. 1385
ActionAction Delibera 17 settembre 2012, n. 1397
ActionAction Delibera 17 settembre 2012, n. 1406
ActionAction Delibera 24 settembre 2012, n. 1426
ActionAction Delibera 24 settembre 2012, n. 1427
ActionAction Delibera 24 settembre 2012, n. 1435
ActionAction Delibera 1 ottobre 2012, n. 1456
ActionAction Delibera 22 ottobre 2012, n. 1541
ActionAction Delibera 29 ottobre 2012, n. 1608
ActionAction Delibera 29 ottobre 2012, n. 1611
ActionAction Delibera 29 ottobre 2012, n. 1612
ActionAction Delibera 29 ottobre 2012, n. 1613
ActionAction Delibera 26 novembre 2012, n. 1757
ActionActionAllegato
ActionAction Delibera 26 novembre 2012, n. 1758
ActionAction Delibera 3 dicembre 2012, n. 1768
ActionAction Delibera 3 dicembre 2012, n. 1798
ActionAction Delibera 3 dicembre 2012, n. 1802
ActionAction Delibera 3 dicembre 2012, n. 1814
ActionAction Delibera 3 dicembre 2012, n. 1816
ActionAction Delibera 3 dicembre 2012, n. 1817
ActionAction Delibera 3 dicembre 2012, n. 1820
ActionAction Delibera 10 dicembre 2012, n. 1864
ActionAction Delibera 17 dicembre 2012, n. 1904
ActionAction Delibera 17 dicembre 2012, n. 1925
ActionAction Delibera 27 dicembre 2012, n. 2019
ActionAction2011
ActionAction2010
ActionAction2009
ActionAction2008
ActionAction2007
ActionAction2006
ActionAction2005
ActionAction2004
ActionAction2003
ActionAction2002
ActionAction2001
ActionAction2000
ActionAction1999
ActionAction1998
ActionAction1997
ActionAction1996
ActionAction1993
ActionAction1992
ActionAction1991
ActionAction1990
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico