In vigore al

RICERCA:

Aufgrund von Wartungsarbeiten steht der Dienst am 24. Oktober 2019 von 00:00 Uhr bis 02:00 Uhr nicht zur Verfügung.

Il giorno 24 ottobre 2019 il servizio non sará disponibile dalle ore 00:00 alle ore 02:00 per manutenzione.

Ultima edizione

c) Decreto del Presidente della Provincia 15 novembre 2012, n. 361)
Regolamento di esecuzione concernente il Centro di tutela contro le discriminazioni

1)
Pubblicato nel B.U. 30 ottobre 2012, n. 44.

Art. 1 (Ambito di applicazione)

(1) Il presente regolamento definisce, in esecuzione dell’articolo 5, comma 3, della legge provinciale 28 ottobre 2011, n. 12, le modalità di funzionamento del Centro di tutela contro le discriminazioni, di seguito denominato “Centro di tutela”.

Art. 2 (Monitoraggio e segnalazione)

(1) Il Centro di tutela provvede alla rilevazione e alla raccolta di casi ritenuti discriminatori, nonché degli elementi utili ad accertarne la pertinenza e consentirne l’analisi ed il trattamento.

(2) Al Centro di tutela possono essere segnalati casi di presunte attività discriminatorie di cui all’articolo 5, comma 1, della legge provinciale 28 ottobre 2011, n. 12, anche attraverso un numero telefonico o un indirizzo di posta elettronica dedicato. La segnalazione può essere effettuata da:

  1. singole persone, in qualità di vittime o testimoni di discriminazione;
  2. enti pubblici, privati e rappresentanti dell’associazionismo;
  3. gruppi non formali di interesse.

(3) Il Centro di tutela raccoglie le segnalazioni e trasmette agli organi provinciali interessati o coinvolti eventuali notifiche di comportamenti discriminatori avvenuti presso uffici pubblici.

Art. 3 (Formazione e sensibilizzazione)

(1) Il Centro di tutela organizza e svolge attività informativa, formativa e di sensibilizzazione nonché studi scientifici per promuovere e realizzare una cultura finalizzata alla tutela del diritto di uguaglianza, delle pari opportunità e della piena cittadinanza degli individui e volta al contrasto dei fenomeni discriminatori.

Art. 4 (Reti e collaborazioni)

(1) Il Centro di tutela opera, attraverso appositi protocolli di intesa, con una rete di istituzioni locali e soggetti attivi nel settore della tutela, nonché con associazioni e gruppi non formali di interesse che si occupano di migranti, di persone con background migratorio o di gruppi etnici, o ancora di questioni di genere, di orientamento sessuale, di disabilità o di religione, tutti localmente attivi nella promozione e nella tutela del diritto all’uguaglianza.

(2) I rapporti di collaborazione tra l’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (UNAR) ed il Centro di tutela sono disciplinati con apposito protocollo d’intesa.

(3) Per la progettazione e la realizzazione delle attività previste dal presente regolamento di esecuzione, il Centro di tutela può intervenire in forma diretta o avvalersi, tramite convenzione, anche della collaborazione di enti pubblici e privati, di università ed esperti/esperte del settore.

Art. 5 (Assistenza)

(1) Il Centro di tutela si occupa di ogni caso di discriminazione dal momento della sua segnalazione sino alla conclusione dell’eventuale attività di mediazione.

(2) Qualora la mediazione non producesse esiti positivi, il Centro di tutela, a seconda delle necessità dei singoli casi e nei casi che rivestano interesse collettivo, può avvalersi del sostegno delle reti di collaborazione di cui all’articolo 4, per garantire in tempo utile adeguata tutela alla persona per la quale è stato chiesto l’intervento.

(3) Nei casi ritenuti più rilevanti, il Centro di tutela esprime un parere sulla discriminazione e illustra alla persona richiedente le eventuali forme di tutela garantite dall’ordinamento giuridico in materia.

Art. 6 (Pareri e proposte)

(1) Per la formulazione delle proposte e dei pareri riguardanti le competenze di cui all’articolo 5, comma 2, lettera e), della legge provinciale 28 ottobre 2011, n. 12, il Centro di tutela può consultare la Ripartizione provinciale Avvocatura della Provincia nonché chiedere informazioni e consulenza agli uffici della Difesa civica, della Consigliera di Parità e del/della Garante per l'infanzia e l'adolescenza, con i quali potrà stipulare apposite convenzioni a seconda delle rispettive competenze.

Art. 7 (Relazione annuale)

(1) Il Centro di tutela presenta pubblicamente una relazione annuale, nella quale vengono illustrati i risultati dell’attività svolta, i dati relativi alle segnalazioni pervenute, i casi trattati, gli esiti conseguiti nonché le raccomandazioni agli organi amministrativi e legislativi. Tutti i dati sono trattati in forma anonima ed aggregata, nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali.

Il presente decreto sarà pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionA Assistenza agli anziani
ActionActionB Servizio consultoriale per le famiglie
ActionActionC Asili nido - Assistenza domiciliare per l' infanzia
ActionActionD Famiglia, donne e gioventù
ActionActionE Provvidenze per le persone disabili
ActionActionF Interventi in materia di dipendenze
ActionActionG Interventi per gli invalidi civili e le persone non autosufficienti
ActionActionH Assistenza economica di base
ActionActionI Cooperazione allo sviluppo
ActionActiona) LEGGE PROVINCIALE 19 marzo 1991, n. 5 —
ActionActionb) Legge provinciale 28 ottobre 2011, n. 12
ActionActionc) Decreto del Presidente della Provincia 15 novembre 2012, n. 36
ActionActionArt. 1 (Ambito di applicazione)
ActionActionArt. 2 (Monitoraggio e segnalazione)
ActionActionArt. 3 (Formazione e sensibilizzazione)
ActionActionArt. 4 (Reti e collaborazioni)
ActionActionArt. 5 (Assistenza)
ActionActionArt. 6 (Pareri e proposte)
ActionActionArt. 7 (Relazione annuale)
ActionActionc) Decreto del Presidente della Provincia 15 ottobre 2012, n. 35
ActionActionJ Servizi sociali
ActionActionK Previdenza integrativa
ActionActionL Volontariato
ActionActionM Emigrati
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico