In vigore al

RICERCA:

Ultima edizione

o) Legge provinciale 19 gennaio 2012, n. 11)2)
Disposizioni in materia cimiteriale e di cremazione

1)
Pubblicata nel B.U. 24 gennaio 2012, n. 4.
2)
Regolamento di esecuzione: vedi D.P.P. 17 dicembre 2012, n. 46.

Art. 1 (Finalità)

(1) La presente legge disciplina l’accertamento della morte e la cremazione dei cadaveri, nel rispetto del senso comunitario della morte.

(2) Al fine di rispettare il senso comunitario della morte, sono consentite forme rituali di commemorazione.

Art. 2 (Accertamento e denuncia di morte)

(1) L’accertamento della morte e la denuncia delle cause di morte sono effettuate dal personale medico competente.

Art. 3 (Espianto dello stimolatore o del defibrillatore)

(1) Il medico che accerta la morte, o la persona delegata dal medesimo, provvede all’espianto – ove presente – dello stimolatore o del defibrillatore cardiaco dalla salma.

Art. 4 (Mezzi di protezione)

(1) Il personale addetto all’attività funebre utilizza gli adeguati mezzi di protezione per prevenire il rischio biologico, indipendentemente dalla causa del decesso.

Art. 5 (Veglia funebre e trasporto della salma)

(1) La veglia funebre a domicilio, per il tempo strettamente necessario e qualora non sussistano motivi igienici ostativi, nonché il trasporto della salma dal domicilio al luogo di osservazione cimiteriale sono effettuati previo apposito nulla osta del medico competente.

(2) Il trasporto della salma fuori dal territorio provinciale avviene secondo le disposizioni della normativa nazionale.

Art. 6 (Autorizzazione alla cremazione)

(1) L’autorizzazione alla cremazione è rilasciata dal comune ove è avvenuto il decesso, nel rispetto della volontà del defunto o dei suoi familiari, espressa tramite testamento, dichiarazione rilasciata al comune dell’ultima residenza o iscrizione ad un’associazione riconosciuta avente tra le proprie finalità quella della cremazione.

Art. 6/bis (Tariffe)

(1) Su proposta del gestore del crematorio, con decreto del Presidente della Provincia vengono stabilite le tariffe per la cremazione.

(2) Per favorire le cremazioni nel pubblico interesse i comuni possono prevedere, nei rispettivi ordinamenti cimiteriali, un rimborso parziale della tariffa per la cremazione per coloro che hanno diritto alla sepoltura in un cimitero sul territorio comunale. 3)

3)
L'art. 6/bis è stato inserito dall'art. 33, comma 1, della L.P. 11 luglio 2018, n. 10.

Art. 7 (Conservazione delle ceneri)

(1) L’urna sigillata contenente le ceneri può essere conservata in un cimitero o consegnata al soggetto affidatario.

(2) In caso di interramento dell’urna è fatto obbligo di interporre uno strato minimo di terreno di 40 centimetri tra l’urna e il piano di campagna del campo.

Art. 8 (Affidamento dell’urna cineraria)

(1) Qualunque persona, ente o associazione scelta liberamente dal defunto o da chi può manifestarne la volontà, può essere soggetto affidatario dell’urna cineraria.

(2) L’affidamento di cui al comma 1 è autorizzato dal comune di residenza del defunto, che tiene altresì l’apposito registro.

(3) L’affidatario dell’urna cineraria può chiedere che nel cimitero del comune di residenza o di decesso sia tenuta memoria dei dati anagrafici del defunto.

Art. 9 (Dispersione delle ceneri)

(1) La dispersione delle ceneri è autorizzata dal comune.

(2) La dispersione delle ceneri è effettuata ed è eseguita dal/dalla coniuge, da un familiare o da un’altra persona a tal fine autorizzata dall’avente diritto o dall’esecutore testamentario. In mancanza di diverse indicazioni dell’avente diritto ovvero in caso di iscrizione del defunto ad un’associazione che abbia tra i propri fini statutari la cremazione, la dispersione delle ceneri può essere effettuata da una persona delegata dall’associazione stessa.

Art. 10 (Informazione)

(1) La Provincia autonoma di Bolzano e i comuni favoriscono e promuovono l’informazione alla cittadinanza sulle diverse pratiche funerarie, comprese la cremazione, l’affidamento delle ceneri e le modalità di dispersione o conservazione delle stesse.

Art. 11 (Regolamento di esecuzione)

(1) Con regolamento di esecuzione sono determinati:

  1. i soggetti che accertano la morte;
  2. i soggetti che redigono la denuncia di morte;
  3. le norme tecniche relative al trasporto dei cadaveri e delle ceneri;
  4. la disciplina dell’autorizzazione alla cremazione;
  5. le norme tecniche relative ai feretri e all’urna cineraria;
  6. la disciplina dell’affidamento dell’urna cineraria;
  7. la disciplina e i luoghi di dispersione delle ceneri.

Art. 12 (Disposizioni transitorie e finali)

(1) Le ceneri derivanti da cremazioni effettuate prima dell’entrata in vigore della presente legge possono essere affidate o disperse nel rispetto delle disposizioni di cui alla presente legge e della volontà del defunto, espressa in qualsiasi modo.

(2) L’adeguamento dei regolamenti cimiteriali da parte dei comuni dovrà avvenire entro un anno dall’entrata in vigore del regolamento di esecuzione alla legge.

La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Provincia.

 

ActionActionNorme costituzionali
ActionActionNormativa provinciale
ActionActionI Alpinismo
ActionActionII Lavoro
ActionActionIII Miniere
ActionActionIV Comuni e comunità comprensoriali
ActionActionV Formazione professionale
ActionActionVI Difesa del suolo - opere idrauliche
ActionActionVII Energia
ActionActionVIII Finanze
ActionActionIX Turismo e industria alberghiera
ActionActionX Assistenza e beneficenza
ActionActionXI Esercizi pubblici
ActionActionXII Usi civici
ActionActionXIII Ordinamento forestale
ActionActionXIV Igiene e sanità
ActionActionA Servizio sanitario
ActionActionB Medicina preventiva-assistenza sanitaria
ActionActionC Igiene
ActionActiona) LEGGE PROVINCIALE 24 dicembre 1975, n. 55
ActionActionb) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 23 maggio 1977, n. 22
ActionActionc) LEGGE PROVINCIALE 12 agosto 1982, n. 28
ActionActiond) LEGGE PROVINCIALE 20 gennaio 1984, n. 2
ActionActione) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 9 novembre 1988, n. 29
ActionActionf) Decreto del Presidente della Giunta provinciale 16 novembre 1989, n. 29
ActionActiong) Legge provinciale 13 gennaio 1992, n. 1
ActionActionh) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 28 aprile 1993, n. 12 —
ActionActioni) LEGGE PROVINCIALE 28 ottobre 1994, n. 10
ActionActionj) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 10 febbraio 1998, n. 4 —
ActionActionk) DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE 22 luglio 1998, n. 19
ActionActionl) Legge provinciale 3 luglio 2006, n. 6
ActionActionm) Decreto del Presidente della Provincia 15 maggio 2007, n. 33
ActionActionn) Decreto del Presidente della Provincia 13 giugno 2007, n. 37
ActionActiono) Legge provinciale 19 gennaio 2012, n. 1
ActionActionArt. 1 (Finalità)
ActionActionArt. 2 (Accertamento e denuncia di morte)
ActionActionArt. 3 (Espianto dello stimolatore o del defibrillatore)
ActionActionArt. 4 (Mezzi di protezione)
ActionActionArt. 5 (Veglia funebre e trasporto della salma)
ActionActionArt. 6 (Autorizzazione alla cremazione)
ActionActionArt. 6/bis (Tariffe)
ActionActionArt. 7 (Conservazione delle ceneri)
ActionActionArt. 8 (Affidamento dell’urna cineraria)
ActionActionArt. 9 (Dispersione delle ceneri)
ActionActionArt. 10 (Informazione)
ActionActionArt. 11 (Regolamento di esecuzione)
ActionActionArt. 12 (Disposizioni transitorie e finali)
ActionActionp) Decreto del Presidente della Provincia 17 dicembre 2012, n. 46
ActionActionD Piano sanitario provinciale
ActionActionE Salute mentale
ActionActionF Accordi di lavoro
ActionActionXV Utilizzazione acque pubbliche
ActionActionXVI Commercio
ActionActionXVII Artigianato
ActionActionXVIII Libro fondiario e catasto
ActionActionXIX Caccia e pesca
ActionActionXX Protezione antincendi e civile
ActionActionXXI Scuole materne
ActionActionXXII Cultura
ActionActionXXIII Uffici provinciali e personale
ActionActionXXIV Tutela del paesaggio e dell' ambiente
ActionActionXXV Agricoltura
ActionActionXXVI Apprendistato
ActionActionXXVII Fiere e mercati
ActionActionXXVIII Lavori pubblici, servizi e forniture
ActionActionXXIX Spettacoli pubblici
ActionActionXXX Urbanistica
ActionActionXXXI Contabilità
ActionActionXXXII Sport e tempo libero
ActionActionXXXIII Viabilità
ActionActionXXXIV Trasporti
ActionActionXXXV Istruzione
ActionActionXXXVI Patrimonio
ActionActionXXXVII Attività economiche
ActionActionXXXVIII Edilizia abitativa agevolata
ActionActionXXXIX Leggi di contenuto vario (Omnibus)
ActionActionDelibere della Giunta provinciale
ActionActionSentenze della Corte costituzionale
ActionActionSentenze T.A.R.
ActionActionIndice cronologico